Rubagotti: digiuno per difendere Radio Radicale

Ricevo dal radicale Gianni Rubagotti il seguente comunicato con il quale reagisce ad uno scambio di opinioni via Facebook con Benedetto Marcello Pallotti (Consigliere M5S di Cormano).

Rispondo a Pallotti chiedendo ai padernesi di digiunare con me per Radio Radicale

“Si tratta di un metodo prepotente per imporre le proprie idee, uno schifoso ricatto” così il Consigliere 5 Stelle di Cusano Milanino definisce lo sciopero della fame a favore della Radio.

Questo sabato mi unirò per un giorno al digiuno per Radio Radicale e invito tutti i padernesi, specialmente i candidati alle amministrative, a fare altrettanto.
Dopo la recente legge di bilancio il governo ha dimezzato i fondi della convenzione che ha permesso negli ultimi decenni a Radio Radicale di mandare in onda i lavori parlamentari ma anche processi, congressi di tutti i partiti, dibattiti e sedute del CSM alimentando un archivio che contiene 40 anni di storia italiana e costringendo alla chiusura la radio il prossimo 21 maggio.
Maurizio Bolognetti, militante storico del Partito Radicale in Basilicata, digiuna da quasi 50 giorni, dallo scorso 9 aprile Rita Bernardini, Maria Antonietta Farina Coscioni, Irene Testa, tutte e tre facenti parte della Presidenza del Partito Radicale, e di Paola di Folco, militante delle lotte nonviolente.
Questo digiuno (posa cosa rispetto a quello degli altri ma sentito) è la mia risposta a Benedetto Pallotti, consigliere comunale 5 stelle a Cusano Milanino, che così ha commentato il link all’articolo sullo sciopero della fame di Bolognetti
“Sciopero della fame cioè un ricatto di bassissima lega per imporre con prepotenza le proprie idee. Meno male che poi siamo noi quelli dittatoriali, vero? Come no.” e ha poi aggiunto “Non mi interessa se lo usava anche Gandhi o Gesù Cristo. Si tratta di un metodo prepotente per imporre le proprie idee, uno schifoso ricatto”
Questo “schifoso ricatto” è un modo di lottare che ha visto tra i suoi protagonisti persone come Gandhi, Pannella, Danilo Dolci, il cristianissimo allievo italiano di Gandhi Lanza Del Vasto e pure Papa Francesco che nel messaggio alla giornata mondiale della pace del gennaio 2017 ha definito la nonviolenza “stile di una politica per la pace”.
Io preferisco stare in compagnia di questi “ricattatori” e invito i padernesi e concittadini di Pallotti ad aggiungersi a me.

Chi volesse aiutare la radio può sottoscrivere la petizione online su change.org
https://www.change.org/p/giuseppeconteit-salva-radio-radicale-per-garantire-il-diritto-dei-cittadini-a-conoscere-per-deliberare
comprare un oggetto con il marchio della radio sul nuovo negozio virtuale creato per sostenere la sua lotta anche economicamente
https://worthwearing.org/store/radio-radicale
o partecipare anche con un solo giorno di digiuno all’iniziativa nonviolenta del Partito Radicale comunicandolo a questo indirizzo
https://www.partitoradicale.it/form-per-aderire-allo-sciopero-della-fame-per-radio-radicale

L’Associazione per l’Iniziativa Radicale ‘Myriam Cazzavillan’ è la associazione che nel 2017 si è presa carico della promozione delle attività del Partito Radicale a Milano e in altre zone della Lombardia contribuendo al raggiungimento delle 3000 iscrizioni lo stesso anno.
web: iniziativaradicale.wordpress.com
Twitter: @AirCazzavillan
Facebook: Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”

Rubagotti, a Pavia inaugurata la prima via a Marco Pannella

Su Radio Radicale si può vedere il video della prima intitolazione di una via a Marco Pannella. Tra i promotori il radicale padernese Gianni Rubagotti (segretario dell’Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”).

Alla cerimonia è presente il Sindaco di Pavia, Masimo Depaoli, l’Assessore Giuliano Ruffinazzi e i cittadini pavesi iscritti al Partito Radicale che avevano chiesto la intitolazione: Filippo Cattaneo, Claudio Raschini e Daniele Bertolini.

Registrazione video della manifestazione “Inaugurazione ufficiale della prima Via Pannella in Italia”, registrato a Pavia sabato 28 luglio 2018 alle ore 11:22.

Sono intervenuti: Massimo Depaoli (Sindaco di Pavia), Filippo Cattaneo (iscritto al Partito Radicale), Michele Lissia (membro del PD), Gianni Rubagotti (segretario dell’Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan” di Milano), Alan Ferrari (senatore del PD), Giuliano Ruffinazzi (assessore del Comune di Pavia), Daniela Bagarotti (educatrice nella Casa Circondariale di Pavia), Pino Russo (consigliere comunale del Comune di Pavia), Alice Moggi (assessore del Comune di Pavia), Roberto Calabro (segretario del PD di Pavia), Francesco Brendolise (consigliere del Comune di Pavia), Anna Bruni (collaboratrice del garante provinciale dei detenuti), Riccardo Campanella (iscritto al Partito Radicale), Diego Dipierro (segretario provinciale dei Liberali), Pierpaolo Antonelli (ex detenuto).

Radio Radicale: Rubagotti chiede dimissioni dell’assessore Lipparini

I giardini da dedicare a Marco Pannella continuano a far discutere.

Il padernese Gianni Rubagotti, segretario dell’associazione per l’iniziativa radicale Myriam Cazzavillan, è intervenuto diffusamente su Radio Radicale per chiedere le dimissioni dell’assessore milanese (che si dichiara radicale) Lorenzo Lipparini.

Vedi anche articolo del 20 dicembre 2017 su MilanoPost