Video del Consiglio Comunale di martedì

Confronto teso ma con toni più civili martedì sera in aula consiliare.

Salvo alcune scene ricercatamente teatrali, ma di dubbio gusto, da parte della Lega, il dialogo tra maggioranza e minoranza si è sviluppato in modo più proficuo rispetto al passato.

Approvati l’adozione della variante al PGT per la metrotranvia e il documento semplificato di invarianza idraulica che permetterà a CAP di realizzare con risorse proprie interventi di drenaggio sul nostro territorio.

Di seguito il video integrale.

Consiglio Comunale: semaforo, tilane, ciclabili, variazione, metanodotto, metrotranvia Limbiate

Riprendo dal canale YouTube del Comune il video del Consiglio di ieri sera, terminato ben oltre la mezzanotte.

La maggioranza ha respinto l’ordine del giorno furbetto con cui l’opposizione voleva impegnare la Giunta sulla mobilità ciclabile.

Ho spiegato che questo tema non ha bisogno di impegni aggiuntivi in quanto fa parte del programma di governo. Già sono state individuate quattro nuove ciclabili “pop up” che saranno realizzate a breve in segnaletica orizzontale (via Manzoni, via Vivaldi, Via Riboldi – Quadrifoglio – Cartesio e via Pasubio – Cappellini) e, nella primavera prossima, si realizzerà una vera e propria ciclabile in via dell’Industria per favorire la mobilità verso Milano attraverso Cusano e il Parco Nord.

La minoranza (che per 10 anni non ha fatto nulla in tema di ciclabili!) voleva che ci esprimessimo con un ordine del giorno, cioè con un buon proposito.

La maggioranza ai buoni propositi preferisce i fatti.

Di seguito il video della seduta.

Metrotranvie: a che punto siamo?

Commissione Territorio di mercoledì 19 febbraio: un amico mi scrive per chiedere aggiornamenti sulle due metrotranvie, dimenticando che da quando sono assessore ho qualche difficoltà a scrivere resoconti ordinati e completi 🙂

In breve ecco qualche info: la Milano-Desio-Seregno è un vecchio progetto che risale al 2008 (CIPE). Progetto esecutivo aggiudicato a CMC con prescrizioni importanti. Dopo un iter tortuoso e sofferto, la Conferenza dei servizi prende il via nel marzo 2019 e si chiude nel settembre scorso. Le difficoltà non mancano… Su Paderno Dugnano il quadro riassuntivo è quello che avevo pubblicato qualche mese fa. Attualmente siamo alle porte di un accordo ponte tombale che dovrebbe permettere la realizzazione dell’opera. La rimozione delle interferenze è stata quasi completata e gli espropri sono stati fatti. Anche se apparentemente tutto pare fermo non si può dire che l’opera non sia iniziata. Impossibile ora rescindere il contratto (sarebbe complicato restituire soldi pubblici!!!). Eppure anche nell’ultimo periodo le difficoltà non mancano: il Comune di Bresso ha dichiarato di avere difficoltà a sostenere il contributo previsto e l’adesione al progetto non è mai stata formalizzata con un atto preciso; il Comune di Cusano Milanino nel 2010 aveva firmato accordo per la distribuzione delle quote; non ha presentato osservazioni in Conferenza dei Servizi e recentemente ha approvato in Consiglio Comunale una delibera di decadenza per sbloccare l’accantonamento dei fondi. “Ad oggi però – ha detto Siria Trezzi (consigliera delegata di Città Metropolitana) – nessun Comune si trova in situazione di dissesto o predissesto, tale da essere impossibilitato a sostenere almeno in parte il costo dell’opera…”. Per questo Città Metropolitana è intenzionata a impugnare l’atto del Consiglio Comunale di Cusano. Dal punto di vista delle procedure nei prossimi giorni i Comuni riceveranno il testo di un accordo da cui ripartire per l’ultima fase di questo… lungo, lunghissimo viaggio verso la nuova metrotranvia. Good luck!

L’altra metrotranvia, la Milano- Limbiate, ha avuto molta più visibilità mediatica (con varie iniziative, tra cui la campagna dei cuori a San Valentino) ma dal punto di vista progettuale è più indietro. Le recenti difficoltà circa il finanziamento sono state superate con una estenuante trattativa tra il Comune di Milano e gli altri Comuni della tratta. In questo il Comune di Paderno ha giocato un ruolo importante nel favorire l’accordo e sbloccare la situazione.

Per il primo lotto dell’opera è in corso la progettazione definitiva (si ipotizza progetto definitivo per fine 2020, gara inizio 2021, poi fase realizzativa). L’Assessore alla Mobilità di Milano Marco Granelli ha assicurato impegno per un confronto tra i progettisti e l’ufficio tecnico di Paderno Dugnano per trovare le soluzioni migliori per la nostra città. Il nodo più difficile è certamente la strettoia di Cassina Amata. Nei prossimi mesi l’Amministrazione Comunale coinvolgerà attivamente i residenti per illustrare le soluzioni proposte e discuterle insieme a chi vive quotidianamente il territorio.

In conclusione ringrazio la disponibilità di Siria Trezzi e di Marco Granelli per essere venuti personalmente in Commissione Territorio a Paderno Dugnano per illustrare la situazione.

Il cammino verso una mobilità su ferro continua… senza dimenticare lo studio di fattibilità per l’arrivo della metropolitana M3 a Paderno Dugnano (esistono 5 ipotesi: qualcuna più concreta, qualcun’altra più fantasiosa…). L’Amministrazione Comunale le presenterà e le discuterà con i cittadini.

Commissione Territorio, parco dell’acqua a Calderara: l’opposizione si riconferma divisa

Si è conclusa intorno alle ore 21 la Commissione Territorio con tre argomenti importanti (invarianza idraulica, metrotranvia Milano-Seregno e Milano-Limbiate) e ospiti d’eccezione (ing. Callerio di CAP Holding, Consigliera metropolitana delegata Siria Trezzi e Assessore alla Mobilità di Milano Marco Granelli).

Non ho tempo per fare un resoconto dei contenuti emersi.

Buona la presenza in aula che ha suscitato la meraviglia e l’apprezzamento di Siria Trezzi, abituata a sedute di Commissione solitamente riservate agli addetti ai lavori.

Personalmente ho sottolineato l’importanza che di questi temi così importanti si sia potuto parlare a Paderno Dugnano e non nei soliti Palazzi della politica milanese o regionale. Portare nella nostra Aula Consiliare i responsabili di progetti infrastrutturali di rilievo e metterli a disposizione dei cittadini interessati è già di per sé un segno positivo rispetto al passato. Dobbiamo proseguire così.

Accolgo con piacere l’invito del Capogruppo di Forza Italia Umberto Torraca che ha proposto alla Giunta di organizzare assemblee pubbliche o Commissioni aperte anche a Paderno Dugnano per presentare alla cittadinanza lo studio di fattibilità del prolungamento della metropolitana M3 e naturalmente delle altre progettualità di interesse.

Circa il progetto Seveso River Park di Calderara registro la diversità di posizioni assunte dal Capogruppo Boffi (Paderno Dugnano Cresce) rispetto al Capogruppo della Lega Bogani. Per Boffi si tratta di un bel progetto per Calderara di cui la precedente Amministrazione Comunale aveva parlato in Giunta grazie all’impegno dell’Assessore Tonello; per Bogani invece prevalgono i distinguo e le perplessità… “Anche nella Giunta passata – ha detto Bogani – avevo espresso il mio disaccordo su questa iniziativa”. Dunque: Lega isolata anche stavolta.

Il Sindaco Casati ha comunque fatto notare che l’intervento di Bogani in Aula è stato ben diverso da quello al vetriolo che abbiamo letto nei giorni scorsi sui social… Meno male.

E’ importante ragionare sulle cose e valutarle con attenzione, aprendosi al confronto.

In ogni caso è bene ribadire che il parco con fitodepurazione di acque meteoriche a sud di Calderara è al momento solo un’idea progettuale che necessita di approfondimenti, confronto con i residenti, messa a fuoco dei vari aspetti.

Si tratta di un’opportunità migliorativa per il territorio che va gestita bene: il progetto infatti dispone già di 4,5 milioni di euro erogati da parte di ATO a CAP e di 2 milioni di finanziamento regionale ottenuti grazie ad un emendamento trasversale firmato anche dall’ex Sindaco Alparone e approvato all’unanimità dal Consiglio Regionale.

19 febbraio: venite in Commissione Territorio per conoscere i progetti su rischio idraulico e due metrotranvie

Riprendo un’importante comunicazione dalla pagina facebook del Comune:

📌 Mercoledì 19 febbraio, in Commissione Territorio saranno illustrati progetti e programmazione territoriale di portata sovracomunale che guardano al futuro della nostra città, alla sua rigenerazione urbana e alla mobilità locale.

👥 La cittadinanza potrà assistere alla discussione che si terrà in Sala Consiliare a partire dalle ore 18 per consentire a tutti di partecipare, conoscere e informarsi!

✅ Si parlerà di rischio idraulico con l’esame del documento che fotografa la situazione sul nostro territorio comunale (classificato da Regione Lombardia ad ‘alta criticità idraulica’) e fornisce indicazioni sulla futura pianificazione urbanistica per coniugare la tutela dei cittadini e la riqualificazione ambientale e paesaggistica. I referenti di Cap Holding, che illustreranno il piano redatto per il nostro Comune, ci aggiorneranno anche sul progetto del parco fluviale del Seveso a cui si sta lavorando da qualche anno e che ha già avuto il fondamentale sostegno finanziario di Regione Lombardia. “Una progettualità che riguarda ben 12 Comuni (da Seveso a Cormano) focalizzata per Paderno Dugnano soprattutto su Calderara che permetterà ai cittadini di vivere in un ambiente più sano e sicuro – anticipano il Sindaco Ezio Casati e l’Assessore all’Ambiente Giovanni Giuranna – Un progetto che guarda a un futuro in cui riusciremo a gestire le conseguenze delle bombe d’acqua, a cui le piogge degli ultimi anni ci hanno abituato, proteggendo i nostri cittadini dagli allagamenti. Non ci stupisce che qualcuno, per fare disinformazione o per incomprensione, abbia già scambiato tutto questo per una fogna a cielo aperto: noi vogliamo condividere con i cittadini l’opportunità di realizzare un parco che dia pregio al territorio e presto andremo nel quartiere per approfondirne gli aspetti più locali e le prospettive naturalistiche”.

🚌 In Commissione Territorio si parlerà anche di trasporti: il Consigliere delegato alla Mobilità di Città Metropolitana Siria Trezzi e l’Assessore alla Mobilità del Comune di Milano Marco Granelli interverranno per darci gli ultimi aggiornamenti sulla riqualificazione delle metrotramvie Milano-Limbiate e Milano-Seregno.

Metrotranvia, giorno X per la Milano-Limbiate

Oggi si terrà a Milano la riunione dei vari Comuni ed Enti coinvolti per la realizzazione della metrotranvia Milano-Limbiate.

A fare problema è il secondo lotto (Varedo-Limbiate), per cui Senago e Varedo non vogliono pagare la quota spettante.

Per poche centinaia di migliaia di euro si rischia il ritiro da parte del Ministero del finanziamento per il primo lotto.

Spero che prevalgano le ragioni di tutti e il bene del territorio. Appuntamento per sindaci e assessori a Milano, ore 14.

Legambiente Nord Milano, assemblea open air in Comasina: lavorare insieme per l’ambiente

Ho partecipato stamattina all’assemblea pubblica all’aperto, svoltasi a Milano Comasina, sul tema “In nome del popolo inquinato”.

Hanno preso la parola i vari Circoli di Legambiente del Nord Milano, alcuni comitati ambientalisti e i Comuni di Cusano Milanino (Valeria Lesma), Novate Milanese (Daniela Maldini), Paderno Dugnano (Giovanni Giuranna), Cormano (Luigi Magistro) e Milano (Marco Granelli).

Di seguito il video del mio intervento:

Legambiente Lombardia (18 gennaio): Nord di Milano attanagliato da traffico congestionato, inquinamento, opere incompiute, scarsa sicurezza. Assemblea pubblica “in nome del popolo inquinato”

Il Notiziario (18 gennaio): Legambiente, assemblea in Comasina: “La Milano-Limbiate a rischio per Senago e Varedo”

Iskrae (18 gennaio): Legambiente scende in piazza nel quartiere Comasina…

Gazzetta di Milano (18 gennaio): Smog, l’assemblea pubblica di Legambiente

Metrotranvia Milano-Limbiate: si parla del 2° lotto

Ieri pomeriggio, insieme alla Dirigente Rossetti e a un funzionario della struttura tecnica del Comune, ho partecipato all’incontro convocato dall’Assessore Granelli di Milano sul 2° lotto della Metrotranvia Milano-Limbiate (tra il deposito di Varedo e il capolinea di Limbiate).

Dopo il finanziamento del 1° lotto (Comasina-Varedo) si è aperta la trattativa per il cofinanziamento dell’opera da parte dei Comuni della tratta (oltre Paderno Dugnano sono coinvolti Cormano, Limbiate, Senago, Varedo come pure Regione Lombardia, Provincia di Monza e Brianza e Città Metropolitana).

Il Comune di Milano ha proposto di seguire per la ripartizione dei costi i criteri di suddivisione già in uso. Ne è seguito un confronto che proseguirà nelle prossime settimane con l’intento di chiudere velocemente al fine di allineare il più possibile 1° e 2° lotto in modo da individuare il soggetto esecutore entro il 31 dicembre 2019.

Metrotranvia Calderara

Ritenendo di fare un servizio ai cittadini, soprattutto agli abitanti di Calderara, pubblico di seguito un aggiornamento sui lavori della metrotranvia Milano-Seregno (riprendo il testo dalle pagine 100-101 della Relazione al Rendiconto 2018).

Personalmente ritengo che l’Amministrazione Comunale aveva il dovere di informare i cittadini residenti nelle aree interessate dal progetto. Purtroppo, ciò non è avvenuto.

Le informazioni contenute in questo documento susciteranno sicuramente ulteriori domande. Mi auguro che l’Assessore Tonello risponda per chiarire tutti i dubbi.

Metrotranvia Milano Parco Nord-Seregno:

L’11 gennaio ‘18 Città Metropolitana di Milano ha promosso presso la sede del Comune un incontro, preceduto dall’invio di tavole relative alla cantierizzazione predisposte dalla società appaltatrice, la CMC di Ravenna, per illustrare e coordinare le future attività, in particolare le opere di cantierizzazione. Lo sviluppo complessivo delle lavorazioni in Paderno Dugnano avrà una durata programmata in 18/20 mesi e i cantieri sono stati qualificati come cantieri di linea e cantieri di incrocio. I primi avranno una lunghezza variabile compresa tra 150/500 metri, quelli di incrocio saranno cantieri puntuali localizzati appunto sulle intersezioni stradali di attraversamento ubicate lungo l’asse di via Erba.

La modalità operativa di intervento si svilupperà in tre fasi:

1. Prima fase dismissione della linea tranviaria esistente ed il rifacimento della sistemazione urbanistica prevista da progetto;

2. Seconda fase demolizione dei manufatti in contrasto con la futura sistemazione urbanistica e quindi completamento delle opere come da futuro assetto;

3. Terza fase realizzazione della piattaforma tranviaria.

Procedendo secondo quanto sopra illustrato sarà sempre garantito il doppio senso di circolazione e verranno garantiti i passaggi carrai, pedonali e commerciali. La società appaltatrice si è, comunque, resa disponibile in caso di particolari esigenze, non previste e non prevedibili, ad una rivalutazione puntuale di accessibilità durante le fasi di esecuzione. In ogni caso è stato evidenziato che gli incroci con le vie Santi e Riboldi dovranno sempre e comunque essere garantiti. Non sono al momento previste lavorazioni in ore notturne. In merito al TPL [Trasporto Pubblico Locale, NdR] ed alla viabilità alternativa, durante la cantierizzazione, il territorio comunale non presenta particolari problematiche e, secondo quanto indicato nelle fasi di cantierizzazione, il trasporto pubblico non sarà soggetto a deviazioni. Dovrà essere individuata la posizione delle fermate provvisorie e dei percorsi di accesso alle stesse; tale fase avrà luogo al termine del recepimento delle osservazioni da parte di tutti i Comuni sugli elaborati di cantierizzazione. L’avvio esecutivo dell’opera è programmato per settembre prossimo venturo e, nello specifico, nel comune di Paderno i lavori inizieranno presumibilmente a febbraio/marzo 2019. La Giunta Comunale ha preso atto dei contenuti discussi durante il suddetto incontro, mediante informativa n° 13/2018, non ravvisando particolari criticità. In data 26.3.2018 Città Metropolitana di Milano ha trasmesso a tutti i Comuni interessati dall’opera il progetto esecutivo aggiornato che dopo l’istruttoria tecnico amministrativa, in base al Decreto R.L. n° 1012 del 29.1.18, doveva essere approvato entro il 30.4.18.

A dicembre 2018 Città Metropolitana di Milano ha richiesto agli Enti interessati dalla nuova metrotranvia l’erogazione delle quote di competenza per l’anno 2019, evidenziando che alcuni Comuni tra cui Paderno Dugnano non devono procedere ad alcun pagamento in quanto hanno già liquidato una somma superiore alla relativa quota di competenza sino a tutto il 2019.

Rispetto agli interventi di risoluzione delle interferenze da parte degli Enti gestori di reti ed impianti nel sottosuolo, si evidenzia che sono stati ultimati ad eccezione di quelli di competenza di ITALGAS Reti SpA per i quali sono stati indetti più tavoli tecnici presso il Comune per organizzare i lavori in più fasi onde evitare disagi ai residenti e alla normale viabilità. In merito sono state rilasciate specifiche autorizzazioni alla manomissione del suolo pubblico nonché ordinanze per la modifica temporanea della viabilità lungo la Via Erba. A fine dicembre ’18 le lavorazioni erano quasi ultimate: doveva essere completato l’ultima parte della nuova condotta del gas, nel tratto compreso tra Via Santi e Via Baraggiole i cui lavori sono previsti a gennaio 2019.