Metrotranvie: a che punto siamo?

Commissione Territorio di mercoledì 19 febbraio: un amico mi scrive per chiedere aggiornamenti sulle due metrotranvie, dimenticando che da quando sono assessore ho qualche difficoltà a scrivere resoconti ordinati e completi 🙂

In breve ecco qualche info: la Milano-Desio-Seregno è un vecchio progetto che risale al 2008 (CIPE). Progetto esecutivo aggiudicato a CMC con prescrizioni importanti. Dopo un iter tortuoso e sofferto, la Conferenza dei servizi prende il via nel marzo 2019 e si chiude nel settembre scorso. Le difficoltà non mancano… Su Paderno Dugnano il quadro riassuntivo è quello che avevo pubblicato qualche mese fa. Attualmente siamo alle porte di un accordo ponte tombale che dovrebbe permettere la realizzazione dell’opera. La rimozione delle interferenze è stata quasi completata e gli espropri sono stati fatti. Anche se apparentemente tutto pare fermo non si può dire che l’opera non sia iniziata. Impossibile ora rescindere il contratto (sarebbe complicato restituire soldi pubblici!!!). Eppure anche nell’ultimo periodo le difficoltà non mancano: il Comune di Bresso ha dichiarato di avere difficoltà a sostenere il contributo previsto e l’adesione al progetto non è mai stata formalizzata con un atto preciso; il Comune di Cusano Milanino nel 2010 aveva firmato accordo per la distribuzione delle quote; non ha presentato osservazioni in Conferenza dei Servizi e recentemente ha approvato in Consiglio Comunale una delibera di decadenza per sbloccare l’accantonamento dei fondi. “Ad oggi però – ha detto Siria Trezzi (consigliera delegata di Città Metropolitana) – nessun Comune si trova in situazione di dissesto o predissesto, tale da essere impossibilitato a sostenere almeno in parte il costo dell’opera…”. Per questo Città Metropolitana è intenzionata a impugnare l’atto del Consiglio Comunale di Cusano. Dal punto di vista delle procedure nei prossimi giorni i Comuni riceveranno il testo di un accordo da cui ripartire per l’ultima fase di questo… lungo, lunghissimo viaggio verso la nuova metrotranvia. Good luck!

L’altra metrotranvia, la Milano- Limbiate, ha avuto molta più visibilità mediatica (con varie iniziative, tra cui la campagna dei cuori a San Valentino) ma dal punto di vista progettuale è più indietro. Le recenti difficoltà circa il finanziamento sono state superate con una estenuante trattativa tra il Comune di Milano e gli altri Comuni della tratta. In questo il Comune di Paderno ha giocato un ruolo importante nel favorire l’accordo e sbloccare la situazione.

Per il primo lotto dell’opera è in corso la progettazione definitiva (si ipotizza progetto definitivo per fine 2020, gara inizio 2021, poi fase realizzativa). L’Assessore alla Mobilità di Milano Marco Granelli ha assicurato impegno per un confronto tra i progettisti e l’ufficio tecnico di Paderno Dugnano per trovare le soluzioni migliori per la nostra città. Il nodo più difficile è certamente la strettoia di Cassina Amata. Nei prossimi mesi l’Amministrazione Comunale coinvolgerà attivamente i residenti per illustrare le soluzioni proposte e discuterle insieme a chi vive quotidianamente il territorio.

In conclusione ringrazio la disponibilità di Siria Trezzi e di Marco Granelli per essere venuti personalmente in Commissione Territorio a Paderno Dugnano per illustrare la situazione.

Il cammino verso una mobilità su ferro continua… senza dimenticare lo studio di fattibilità per l’arrivo della metropolitana M3 a Paderno Dugnano (esistono 5 ipotesi: qualcuna più concreta, qualcun’altra più fantasiosa…). L’Amministrazione Comunale le presenterà e le discuterà con i cittadini.

Legambiente Nord Milano, assemblea open air in Comasina: lavorare insieme per l’ambiente

Ho partecipato stamattina all’assemblea pubblica all’aperto, svoltasi a Milano Comasina, sul tema “In nome del popolo inquinato”.

Hanno preso la parola i vari Circoli di Legambiente del Nord Milano, alcuni comitati ambientalisti e i Comuni di Cusano Milanino (Valeria Lesma), Novate Milanese (Daniela Maldini), Paderno Dugnano (Giovanni Giuranna), Cormano (Luigi Magistro) e Milano (Marco Granelli).

Di seguito il video del mio intervento:

Legambiente Lombardia (18 gennaio): Nord di Milano attanagliato da traffico congestionato, inquinamento, opere incompiute, scarsa sicurezza. Assemblea pubblica “in nome del popolo inquinato”

Il Notiziario (18 gennaio): Legambiente, assemblea in Comasina: “La Milano-Limbiate a rischio per Senago e Varedo”

Iskrae (18 gennaio): Legambiente scende in piazza nel quartiere Comasina…

Gazzetta di Milano (18 gennaio): Smog, l’assemblea pubblica di Legambiente

PD: tariffa unica integrata, perché Bogani non ha aderito?

Ricevo da Antonella Caniato, Segretaria del Circolo PD padernese e Capogruppo Consiliare, il seguente comunicato stampa:

Biglietto unico integrato: Regione Lombardia non fermi questa importante riforma.
Ottima l’iniziativa bipartisan dei Sindaci. Perché Bogani non ha aderito?

Paderno Dugnano, 9 gennaio 2019

Il PD di Paderno Dugnano esprime il totale sostegno alla lettera bipartisan con cui 95 sindaci della Città Metropolitana di Milano, e 2 della provincia di Pavia, hanno chiesto a Regione Lombardia e al Comune di Milano di riaprire in tempi brevi la discussione per l’approvazione della tariffa unica integrata per il trasporto pubblico metropolitano di Milano.
In Consiglio regionale il PD era pronto ad approvare già a dicembre questa proposta durante l’ultima sessione di bilancio: purtroppo Regione Lombardia, subendo i diktat di Forza Italia, Lega e Movimento 5 stelle, ne ha per ora bloccato l’approvazione.
Ricordiamo che nel 2016 il Consiglio comunale di Paderno Dugnano votò all’unanimità un Ordine del Giorno sul prolungamento della M3, inizialmente presentato dal centrodestra: come PD apportammo alcune modifiche, proponendo di impegnare l’allora Sindaco Marco Alparone e la Giunta comunale alla promozione di un accordo quadro tra i Comuni della Città Metropolitana, al fine di realizzare l’integrazione tariffaria di tutti i mezzi di trasporto (biglietto unico), la sperimentazione di tagliandi di viaggio innovativi (biglietti modificabili in corsa o tessere a scalare) e l’adozione di un’area più omogenea.
Ci chiediamo perché ora, a distanza di circa 3 anni, il Vice Sindaco Bogani non abbia sottoscritto la lettera assieme ai suoi colleghi. Non solo: il già Sindaco Marco Alparone, ora consigliere regionale che – giustamente! – si è tanto impegnato per la riqualificazione delle metrotranvie e per il prolungamento della M3, che fa? Non fa cambiare idea al suo capogruppo Comazzi? Non dice nulla in merito?
Invitiamo il Vice Sindaco Bogani e il consigliere Alparone a sostenere questo nuovo sistema di tariffazione per cerchi concentrici, già presente in molte metropoli europee, misura che porterebbe notevoli benefici pratici e ed economici ai padernesi: ad esempio, l’attuale abbonamento annuale ATM Area Media passerebbe dagli attuali 685 € a 552 €, mentre il mensile da 79 € a 60 €.
Il biglietto unico sarebbe un elemento veramente importante per convincere sempre di più cittadini padernesi ad utilizzare i mezzi pubblici a vantaggio della qualità dell’aria e per farli sentire veri e propri cittadini Metropolitani.

Antonella Caniato
segretaria Pd Paderno Dugnano e capogruppo Pd consiglio Comunale

Varie: Metropolitana M3, Metrotranvia Limbiate, prima Miss dell’anno

Lombardia Notizie (18 dicembre): Metropolitana a Paderno Dugnano e Magenta. Terzi: 138.000 euro per studio di fattibilità

MiTomorrow (18 dicembre): M3 a Paderno, 5 Stelle in campo

Giornale di Monza (18 dicembre): Metrotranvia i soldi di Limbiate li mette la Regione. Approvato l’emendamento al Bilancio di previsione a favore dei comuni di Limbiate, Paderno Dugnano e Cormano

La giovane padernese Giulia Derosa aspira a diventare la prima Miss dell’anno. Il Giorno (18 dicembre): Miss Italia, lombarde a caccia del titolo Miss 365

Studio di fattibilità per prolungamento metro gialla fino a #PadernoDugnano

Nella seduta di ieri il Consiglio Regionale ha approvato i seguenti provvedimenti:

APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI ACCORDO CON IL COMUNE DI MILANO PER LA REDAZIONE ED IL FINANZIAMENTO DELLA PRIMA PARTE DELLA PRIMA FASE DEI PROGETTI DI FATTIBILITÀ TECNICA ED ECONOMICA DEL PROLUNGAMENTO DELLA LINEA METROPOLITANA M3 DA COMASINA A PADERNO DUGNANO, DEL PROLUNGAMENTO DELLA LINEA METROPOLITANA M5 DA SETTIMO MILANESE A MAGENTA E PER L’AGGIORNAMENTO DEL CRONOPROGRAMMA DELL’ACCORDO DEL 18 DICEMBRE 2017

APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI PROTOCOLLO D’INTESA CON CITTA’ METROPOLITANA DI MILANO, PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA E COMUNI DI MILANO, SESTO SAN GIOVANNI, CINISELLO BALSAMO E MONZA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROLUNGAMENTO DELLA LINEA METROPOLITANA M5 DA BIGNAMI A MONZA E DELEGA AL COMUNE DI MILANO PER LA PRESENTAZIONE DELL’ISTANZA AL MINISTERO DELLE INFRATRUTTURE E DEI TRASPORTI NELL’AMBITO DELL’AVVISO RELATIVO ALL’ACCESSO ALLE RISORSE PER IL TRASPORTO RAPIDO DI MASSA


Varie: Carlino trasferito a Niguarda, truffa assicurazioni, tranvia Limbiate, M3, cane azzanna bambino, stent

Il Cittadino (20 luglio): Paderno: baby calciatore dell’Inter ferito in un incidente, Carlino trasferito all’ospedale Niguarda

Corriere della Sera (20 luglio): Paderno Dugnano, i 40 automobilisti truffati dalla finta assicurazione

Il Cittadino (20 luglio): Paderno Dugnano: quaranta automobilisti truffati dall’assicuratrice

Giornale di Monza (20 luglio): Metrotranvia Milano Limbiate la quota di Varedo la mette la Regione

Il Saronno (20 luglio): Tranvia Milano-Limbiate: i comuni vanno in consiglio

NordMilano24.it (20 luglio): M3 a Paderno e M5 a Monza, anche il sindaco Sala spinge per realizzarle

Qui Paderno Dugnano (18 luglio): La coerenza di Alparone A proposito di M3

Askanews (18 luglio): M3 fino a Paderno Dugnano, primo sì da Commissione R.Lombardia

Il Notiziario (17 luglio): Azzanna bambino a Paderno, il cane è senza microchip: multa da 1.000 euro

Il Giorno (13 luglio): Paderno, impiantato uno stent che si riassorbe: è la prima volta in Italia