Paderno Dugnano nella relazione semestrale DIA (1° semestre 2017)

La Relazione del Ministro dell’Interno al Parlamento (DIA – Direzione Investigativa Antimafia) relativa al 1° semestre 2017 cita espressamente Paderno Dugnano come uno snodo di rilievo per il traffico di droga (vedi pagina 49):

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno messo in luce come l’attività illecita era prevalentemente svolta a Milano, in alcuni comuni dell’hinterland (Paderno Dugnano, Cesano Boscone, Cormano, Cesano Maderno, Bollate e Novate Milanese) e della provincia di Monza e della Brianza (Seregno e Carate Brianza). Tra gli arrestati figurano anche un soggetto di spicco della cosca TRIMBOLI del mandamento ionico-reggino e un elemento di vertice della famiglia di cosa nostra ACQUASANTA-ARENELLA di Palermo.

Per una sintesi giornalistica vedi MB News (16 febbraio): La Ndrangheta in Brianza: la relazione Antimafia 2017

#Mafie in Lombardia: ConfCommercio fotografa l’economia criminale

Il 21 novembre scorso, nell’ambito della quinta edizione dell’iniziativa Legalità Mi piace, ConfCommercio Milano ha presentato un report di grande interesse sulla presenza delle mafie nell’economia lombarda.

Di seguito vi invito a leggere:

 

Boatto all’assemblea nazionale di #AvvisoPubblico

Nei giorni scorsi il presidente della Commissione Legalità, Francesco Boatto (nella foto con David Gentili, presidente della Commissione Antimafia di Milano), ha partecipato all’assemblea nazionale di Avviso Pubblico a Casal di Principe per il 20° anniversario dell’associazione.

Ammiro e ringrazio Boatto per il suo impegno e per la tenacia che lo contraddistingue sui temi della legalità.

Di seguito i filmati sull’Assemblea di Avviso Pubblico, pubblicati sul canale YouTube di Boatto.

Continua a leggere “Boatto all’assemblea nazionale di #AvvisoPubblico”

Ancora un incendio a sito di stoccaggio rifiuti. Oggi a Cinisello. Che cosa vuol dire?

Questa storia degli incendi che si ripetono a siti di stoccaggio e lavorazione rifiuti vorrà pur dire qualcosa… O si lavora in condizioni di insicurezza o qualche signorotto vuole imporre le proprie regole.

Stamattina è allarme a Cinisello, come riferisce Il Giorno: Cinisello, maxi incendio in un sito di stoccaggio rifiuti: allarme intossicazione. Le fiamme si sono sviluppate all’alba, vigili del fuoco al lavoro con 13 mezzi

La Repubblica (il titolo compare sulla home page nazionale) è ancora più chiara: Rogo in un deposito rifiuti di Cinisello Balsamo: al lavoro i vigili del fuoco. E’ del gruppo Carluccio, lo stesso gruppo cui appartiene il deposito andato a fuoco lo scorso luglio a Bruzzano. Negli scorsi mesi sono stati numerosi gli incendi di depositi di rifiuti nel Milanese e anche nel Pavese.

Le notizie dei giorni scorsi sull’inquinamento mafioso del territorio confermano la preoccupazione. I magistrati non fanno che ripetere che la situazione è allarmante. La politica pare non accorgersene. Anche a Paderno Dugnano l’attenzione sembra essere sotto soglia.

Oggi Il Giorno pubblica un excursus storico: ‘Ndrangheta, da Star Wars alla bomba Infinito: così la Brianza si è scoperta assediata. Ecco le operazioni che hanno svelato la situazione in Brianza

Intanto a Senago la Sindaca leghista fa marcia indietro: Senago, il sindaco cambia idea e licenzia Vitalone. Ex assessore in lacrime: “Solo fango”

Ignoto 23 e la ‘Ndrangheta: da Paderno Dugnano a Seregno

Il Cittadino ha pubblicato oggi un dossier: ’Ndrangheta, da “ignoto 23” al “traditore”: i personaggi chiave dell’inchiesta di Seregno

La notizia è occasione per riportare l’attenzione al tema delle “mafie”.

Ciò che ancora una volta magistrati ed esperti ribadiscono è che il territorio lombardo dimostra di non avere gli anticorpi necessari per contrastare gli interessi mafiosi. Anzi, alcuni settori dell’economia lombarda cercano rapporti affaristici con le mafie.

Qualcosa però si muove a Milano: 30 settembre, prima festa contro la ,ndrangheta

Contro il gioco d’azzardo servono azioni coordinate e concrete

Importante convegno stamattina a Milano sul tema “Istituzioni e Azzardo in Italia”, organizzato dalla Consulta Nazionale Antiusura, la Fondazione San Bernardino e la Caritas Ambrosiana.

Di seguito alcune sintesi giornalistiche:

Il Consiglio Comunale di Paderno Dugnano ha recentemente approvato un ordine del giorno contro il gioco d’azzardo che fa seguito alla delibera del 2013 (non richiamata nel testo votato il 29 maggio scorso).

Occorre mettere in atto in modo efficace questi orientamenti.