M'illumino di meno: anche #PadernoDugnano aderisce

Rilancio comunicazione del Comune:

🔴 L’Amministrazione Comunale ha deciso di aderire alla sedicesima edizione dell’iniziativa ‘M’illumino di Meno’, lanciata nel 2005 dal programma radiofonico Caterplillar e Rai Radio 2 e che individua una giornata dedicata al risparmio energetico.

📌Quest’anno sarà il 6 marzo ed avrà come tema la riforestazione e l’aumento degli alberi 🌳🌳e del verde intorno a noi.
👉 Per la giornata del risparmio energetico, a Paderno Dugnano, la Giunta ha deciso di piantumare sette querce (una per quartiere) e di avviare, negli edifici pubblici, la sostituzione dell’esistente illuminazione con impianti illuminanti a basso consumo energetico (LED).💡

🆕 “Il Comune di Paderno Dugnano aderisce quest’anno, per la prima volta, all’iniziativa M’illumino di meno – commenta Giovanni Giuranna, Assessore all’Ambiente – Si tratta di un’iniziativa meritoria di Caterpillar e Rai Radio 2 che punta a sensibilizzare il grande pubblico sui temi della sostenibilità energetica e ambientale. Ci inseriamo in questa iniziativa di carattere nazionale per coinvolgere i nostri concittadini in azioni finalizzate a ridurre gli sprechi energetici e sviluppare le potenzialità verdi della nostra città. Il Comune sta programmando una riforestazione delle aree libere e del tessuto urbano, ma l’azione del Comune da sola non basta. Per questo invitiamo tutti i cittadini a compiere un’azione concreta: piantare il prossimo 6 marzo nel proprio giardino, sul balcone o, più semplicemente, sul davanzale della finestra un geranio, una pianta di salvia o di basilico… Anche se l’obiettivo sembra arduo, da amministratori comunali siamo convinti che tutti insieme possiamo fare importanti passi in avanti sulla strada della conversione ecologica”🙏💚.

#PadernoDugnano innova: questa è la direzione da seguire

Via Marmolada è una strada molto particolare di Paderno Dugnano con accesso da Cusano Milanino. Un’enclave al confine estremo del nostro Comune.

Lì ha sede lastart-up Underground Power Srl che è opportuno conoscere perché dà lustro alla nostra città, avendo elaborato un’idea innovativa che sta ottenendo significativi riconoscimenti.

Business Insider (29 aprile): In Italia il primo casello autostradale che genera energia pulita, grazie al moto ondoso

Candidandomi alla guida del Comune di Paderno Dugnano, penso che questa sia la via da seguire. Competenze, fantasia, innovazione, sostenibilità, ambiente!

Campagna elettorale, oltre il circo

La campagna elettorale sta entrando nel vivo e, con ciò, la visibilità delle questioni si riduce per effetto delle manovre messe in atto per raccogliere il consenso.

Partiti e personaggi politici che negli ultimi anni sono stati spesso assenti si rivedono adesso per le strade padernesi con i loro gazebo.

Insieme per cambiare è la sola forza politica che negli ultimi cinque anni è rimasta costantemente attiva, sia in Consiglio Comunale, sia per le vie della città. Difficile negarlo.

Le forze di maggioranza, che sembrano marciare divise verso il voto, dovrebbero spiegare che cosa hanno fatto in 10 anni di governo. I cittadini sono curiosi di sentire le ragioni per cui dovrebbero ancora dare loro il voto.

Si attendono, intanto, gli sviluppi della vicenda di Forza Italia: il partito azzurro continuerà ad appoggiare la candidatura di Ghioni (come vuole Alparone) oppure, per effetto di decisioni dei livelli superiori, si sposterà sul candidato Bogani in nome dell’unità del centrodestra? Si vocifera addirittura di un possibile ostracismo nei confronti di alcuni esponenti responsabili di aver generato rotture… Vedremo.

Lasciamo da parte queste considerazioni che, tutto sommato, fanno parte del folklore di questa sorprendente campagna elettorale e restiamo concentrati sui bisogni della nostra città: che cosa è stato fatto e che cosa invece non è stato realizzato dei programmi del centrodestra? quali sono i bisogni primari di Paderno Dugnano? qual è il gruppo politico che ha la squadra migliore per garantire una Amministrazione seria e innovativa?

Prendiamo esempio da #Friburgo

Domani sera, giovedì 7 marzo alle ore 21, presso la nuova sede della lista civica Insieme per cambiare (via Rotondi 71) vieni a vedere che cosa potrebbe diventare Paderno Dugnano con una politica ambientale e sociale all’avanguardia.

Racconteremo il nostro viaggio-studio effettuato nel giugno 2017 a Friburgo in Brisgovia (Germania), una delle città più ecologiche d’Europa, e sulla base di quest’esperienza metteremo a fuoco alcune scelte per il programma elettorale.

Vogliamo cambiare Paderno Dugnano guardando avanti!

Basta politiche di galleggiamento!

Il futuro del commercio esige di ripensare i mega centri commerciali

La scadenza elettorale ha imposto un momentaneo stop al progetto di ampliamento del Carrefour tanto caro all’ex Sindaco Alparone (che per questo si è esposto), al suo collaboratore primo Gianluca Bogani e alla lista civica Paderno Dugnano Cresce.

Dopo il voto però la questione tornerà di attualità perché l’opposizione della Lega è determinata solamente da una valutazione negativa delle ricadute del progetto sulla città (in poche parole il Carroccio per dire sì all’ampliamento vorrebbe più risorse da spendere e più opere da realizzare).

Il ragionamento da fare invece è un altro.

Il modello dell’ipermercato è ancora valido e ha prospettive per il futuro oppure no? Qual è lo stato di salute dell’azienda Carrefour in Italia? Su questo rinvio all’ultimo aggiornamento pubblicato oggi da MARK UP). Il modello dei mega centri commerciali si pone sulla linea dell’innovazione o dell’archeologia commerciale? Come si potrebbe fare altrimenti?

Per rispondere a queste domande, tenendo conto delle dinamiche attuali del commercio e delle conseguenti implicazioni urbanistiche VIENI GIOVEDI’ 24 GENNAIO in Auditorium Tilane: Centri commerciali e negozi di vicinato, grande distribuzione e consumo di suolo

Famiglie senz’auto, consumo di suolo, cambiamenti climatici, innovazione, testamento biologico

Mentre l’Amministrazione Comunale di Paderno Dugnano sonnecchia grazie ad una Giunta in scadenza, intorno a noi si evidenziano problematiche di rilievo che ci coinvolgono e interpellano.

Segnalo alcuni spunti:

Famiglie senz’auto, emergenza clima, commercio di vicinato (Brescia), mercoledì di Senago, ricerca e innovazione (Piacenza), 3 bandi di cofinanziamento su gestione rifiuti (MinAmbiente), eccetera…

Alcuni cittadini sono rimasti delusi dai lavori di risistemazione della stazione in Via Arborina (realizzati alcuni stalli per il posteggio, ma neanche un albero… solo asfalto e cemento!).

E sul testamento biologico Paderno Dugnano a che punto è? C’è una legge nazionale ma i cittadini sono informati di cosa hanno diritto di chiedere al Comune? E il Comune è in grado di garantire l’esercizio dei diritti?

Segnalo importante Convegno promosso dall’Unione Nazionale Camere Civili il 13 giugno scorso nell’aula magna della Cassazione: “L’Avvocato nel sociale – biotestamento tra etica e diritto alla vita”.

Su Radio Radicale è disponibile l’audio integrale delle relazioni.

Cultura: a che punto siamo a #PadernoDugnano?

La lista civica Insieme per cambiare si chiede attraverso Twitter:

In questo processo di cambiamento e innovazione ritengo che la cultura giochi un ruolo fondamentale. E’ opportuno, dunque, riflettere sulla vita culturale padernese. Come sta, da questo punto di vista, la nostra città?

Stasera a Cassina Amata a partire dalle ore 20,45:

Lunedì 21: Tavolo di lavoro sulla Cultura

Occhi e cuore per far bella #PadernoDugnano

Credo che Paderno Dugnano potrebbe diventare un punto di riferimento per il Nord Milano, una sorta di faro che segnala l’accesso nord alla grande… “Mila”.

La nostra città è posizionata su assi viari di rilievo, ancorché bisognosi di ripensamento: in senso nord-sud la superstrada Milano-Meda, la linea ferroviaria TreNord, l’antica via Comasina (il cui tracciato risale all’epoca romana), il tram Milano-Limbiate… e, in direzione est-ovest, le autostrade Rho-Monza e A4…

Senza dimenticare la rete verde (il sistema dei parchi, che va difeso e ha bisogno di essere implementato) e la rete blu (fiume Seveso da bonificare, canale Villoresi).

Per raggiungere l’obiettivo però servono occhi capaci di intravedere già oggi il futuro della nostra città. E servono cuori, cioè passione, intelligenza e audacia.

Non lasciamo la città in mano ai palazzinari!

La Giunta si è dimostrata culturalmente povera (non fatemi fare esempi) e, in otto anni di governo, ha saputo solo gestire l’esistente.

A causa della crisi economica non hanno devastato eccessivamente il territorio, ma non sono stati capaci di avviare processi virtuosi di partecipazione, innovazione e creatività per migliorare la qualità della vita a Paderno Dugnano.

Se andiamo avanti così, siamo destinati a restare per sempre periferia dell’Impero

Iper in crisi: l’ampliamento del #Carrefour non ha senso

I dati Nielsen di ottobre 2017 relativi alla Grande Distribuzione Organizzata confermano un trend già noto: Continuano i risultati positivi della GDO italiana, solo gli Iper vanno male

Quanto agli Iper Carrefour, la situazione non è affatto rosea.

Lo si ricava in modo chiarissimo dall’ultimo appuntamento nazionale di confronto tra azienda e sindacati (21 novembre a Bologna). Vedi resoconto UILTuCS: Carrefour: male gli iper, bene gli express. Relazioni sindacali in difficoltà

Carrefour Italia fa bene a investire in soluzioni innovative, come quella riferita oggi: Carrefour apre al CityLife shopping district di Milano

L’ampliamento del Centro Commerciale Brianza è, invece, un’idea che nasce già vecchia e che non fa uscire dalla crisi:  Il modello iper è in declino: serve innovazione!

Se hai qualche dubbio leggi l’articolo di Giampaolo Rossi su Il Giornale di domenica 26 novembre 2017: Usa, ancora fallimenti e chiusure. L’apocalisse dei centri commerciali. Da Macy’s a Toys R Us, le grandi catene sono ormai in crisi. L’economia corre, eppure i negozi continuano a sparire

Vasca di laminazione: Bresso perde i due ricorsi. Altri sono i progetti innovativi!

Sul Giorno la notizia della doppia sconfitta dell’Amministrazione e del Comitato di Bresso contro il progetto di costruire una vasca di laminazione nel Parco Nord:

Eppure, in giro per il mondo esistono idee innovative che potrebbero ispirare anche i progettisti nostrani… Ne ho scoperta una un paio di giorni fa grazie alla segnalazione fatta su Facebook dall’amico palazzolese, ing. Massimiliano Caruso.

Green.it: Ricerca urbanistica e sostenibilità: parcheggio pop-up per contrastare i cambiamenti climatici. Dalla Danimarca un’idea che mixa ricerca urbanistica e sostenibilità: parcheggio, serbatoio idrico e parco verde in un’unica soluzione pop-up