Tanto da fare, non perdiamo la fiducia!

Girando per Paderno Dugnano, raccolgo tanti sentimenti di scoraggiamento. Le persone si guardano attorno, vedono che le cose non funzionano come dovrebbero e si convincono che nulla possa cambiare.

Alcuni pensano che i politici siano tutti uguali, ma ci sono anche tante persone che attendono veramente una svolta. Ricevo anche molti segnali di simpatia e di speranza.

Molti non sono informati su quanto sta accadendo in città.

Questo dipende soprattutto dal fatto che l’Amministrazione Comunale in questi anni non si è preoccupata di informare puntualmente i cittadini sulle progettualità in corso.

Per il futuro bisognerà fare molto di più per la trasparenza e per un’adeguata comunicazione.

C’è molto da fare: lavoriamo insieme per migliorare questa nostra città!

Varie: clima e cemento, Cross per tutti, Nord Milano, disturbi alimentari, PD, NordMilano24 chiude

Qui Paderno Dugnano (15 marzo): Clima e cemento

Fidal Milano (14 marzo): CROSS PER TUTTI 2019, DOMANI LA FESTA FINALE CON GENNY DI NAPOLI

Qui Paderno Dugnano (13 marzo): Ben tornato Nord Milano

Potere al Popolo Paderno Dugnano (13 marzo): FIOCCO LILLA’ SPERANZA PER I GIOVANI?

PD Paderno Dugnano (12 marzo): Europei di Cittadinanza

Una notizia triste, per me, che da oltre dieci anni mi impegno per l’informazione locale. Il sito NordMilano24.it chiude. Si spegne una voce interessante di cui abbiamo goduto per sette anni: Nordmilano24.it sospende le pubblicazioni

La pace dipende dalle nostre scelte (politiche, economiche, culturali…)

A poche ore di distanza dall’attacco sferrato nella notte dalla coalizione USA – Gran Bretagna – Francia contro obiettivi in Siria sento il bisogno di esprimere la mia personale preoccupazione per quanto sta accadendo.

Chi si oppone a questa politica irresponsabile e altamente rischiosa è chiamato a investire le proprie energie verso percorsi alternativi:

  1. dare il giusto spazio all’interno dei mezzi di comunicazione all’informazione su ciò che accade al di fuori dei confini italiani (Europa, Africa, America Latina, Medio Oriente e Asia);
  2. rimettere in primo piano le Nazioni Unite, il cui ruolo oggi appare sbiadito e inefficace di fronte alla crisi internazionale;
  3. far emergere in politica un nuovo modo di pensare (che metta al centro il bene comune della famiglia umana) e una nuova prassi (basata sulla mediazione e sulla ricerca di convergenze).

 

Ex materna di via Tunisia: abbattuti gli alberi, nessuna informazione ai cittadini

Una persona mi scrive:

Buongiorno. Ieri hanno già tirato giù il primo albero gigante… E’ assurdo: avevamo un albero gigante. Avevano messo un cartello “per potatura piante”

Un’altra registra il fatto e domanda:

Oggi abbiamo visto tagliare tutti gli alberi nell’ex asilo di via Tunisia😥 Sai perché?? 😩😩

Infine:

Alla faccia della trasparenza. Dobbiamo dire grazie a chi?