Come rinnovare la politica locale

Sulla mia nuova pagina facebook ieri ho scritto così:

Per rinnovare la politica locale è necessario puntare fortemente sul civismo, fare agli elettori una proposta nuova che esca dagli schemi.

Con questo non intendo una riverniciatura civica su un impianto politico vecchio… In questo campo il maquillage non convince.

Bisogna attingere energie ad un livello più profondo!

Leggete la definizione di “civismo” proposta dal vocabolario Treccani.

Se condividi, metti un like alla pagina fb Con Giovanni Giuranna

Una domenica grigia e umida: considerazioni varie

Giornata uggiosa che invita alla riflessione.

Per prima cosa vi invito a leggere il discorso del Presidente della Repubblica sulla Giornata del Ricordo: si tratta di una vera e propria lezione di storia sulle foibe e sulla necessità di custodire con impegno l’ideale europeo.

Mi unisco all’affetto di tanti per Silvana Carcano, che è ricoverata in ospedale dopo un grave infarto. Sono rimasto molto colpito dalla notizia del suo malore e del prontissimo intervento sanitario che l’ha salvata.

In vista delle elezioni europee ricevo e vi segnalo l’appello Onda Verde Civica, sottoscritto da varie personalità (attori, cantanti, docenti, professionisti…).

Per quanto riguarda la cronaca politica padernese riprendo un pensiero di Sergio Bucci su Facebook. Non sta a me dire se e quanto corrisponda alla realtà, ma è comunque un punto di vista interessante:

Riflessioni del sabato mattina sulla politica locale: Il csx al momento sembrerebbe diviso in 3: il pd che non ha ancora sciolto la candidatura del suo number one Ezio Casati. Giovanni Giuranna che rappresenta una lista civica molto attiva e sponsorizzato da LeU e da Rifondazione. Giovanna Baracchi potrebbe essere la candidata per PaP. A destra le cose vanno decisamente meglio. Rientrato il problema in casa lega con il commissariamento della sezione “alla faccia del “padroni a casa nostra” Forza Italia ai minimi storici a livello nazionale ma a livello locale vanta un cavallo di pura razza che alle regionali ha toccato le 3mila preferenze, il che significa che senza Alparone a Paderno Forza Italia conta il 2 di spade quando la briscola è bastoni. Paderno Cresce a mio avviso è cresciuta fin troppo fin dalla nascita, per questo penso che avrà un buon risultato ma difficilmente ripetibile. Mancherebbe la lista poltrone e sofà e come dicono in pubblicità, gli sconti finiscono domenica. 😱

[da un suo commento odierno sempre su fb]: Bogani è candidato ma sembrerebbe che interferenze esterne al suo partito abbiano deciso di cambiare cavallo.

Sergio Bucci

Dal sito padernese di Liberi e Uguali segnalo due numeri del giornale che riassume le opinioni e le attività del gruppo politico di Marco Coloretti: gennaio febbraio.

Mancano 104 giorni alle elezioni comunali del 26 maggio. A tutti mi permetto di ricordare quella che ritengo essere la soluzione migliore per andare alle elezioni e offrire un’alternativa concreta alle politiche cittadine degli ultimi dieci anni: Partiamo da qui, INSIEME

Infine, segnate una data in agenda: c’è bisogno di tanti per sostenere il ricorso al TAR contro la costruzione di palazzine nell’area verde pubblica di via Dalla Chiesa / via Gorizia.

Cittadino: spazio a INSIEME e al PD

Segnalo dal Cittadino (da oggi in edicola) due articoli:

  • Casati prende tempo: “Dialogo con più parti”. L’ex sindaco verso la discesa in campo per il centrosinistra. “Ci sto pensando, non spasimo”
  • La civica sceglie Giovanni Giuranna. E’ lui il candidato sindaco di “Insieme”. Il portavoce Rossetti: “Scelto per ciò che ha fatto dentro e fuori il Consiglio e per quello che rappresenta nella società civile”

La riflessione pre-campagna elettorale non si è ancora conclusa. In questi giorni si stanno svolgendo confronti, dialoghi, mosse a sorpresa

Nel centrodestra le manovre in corso hanno tratti grotteschi (ne so poco, eppure quel poco fa molta impressione). Del Movimento 5 Stelle per ora nessuna notizia.

Stay tuned 😉

Cronaca politica cittadina

Il Notiziario, da oggi in edicola, ha pubblicato la lettera che avevo inviato al direttore. Ringrazio, sorridendo sulla frase conclusiva.

Sullo stesso giornale interviste a Casati (PD) e a Gligora (PRC).

Nulla sulle turbolenze interne alla Lega.

Foto di Alparone e militanti di Forza Italia in casacca azzurra che prendono le distanze dalle dichiarazioni del capogruppo Turano pro Tagliabue.

Io il migliore? Non lo sono. Lettera al direttore del Notiziario

Domenica scorsa (20 gennaio) ho rilasciato un’intervista al Notiziario, che si può leggere sul numero che è ancora in edicola. Purtroppo alcuni aspetti necessitano di una precisazione.

Per questo ho scritto la seguente lettera al Direttore, chiedendone la pubblicazione.

Il titolo dell’articolo non esprime il mio pensiero: potrebbe essere corretto così.

Potenza della #parola

Le parole sono diverse tra parlato e scritto.

Io, per esempio, mi chiamo Giovanni Giuranna (questo è il mio nome per iscritto), ma nel mondo magico dei suoni sono /dʒo’vanni dʒu’ranna/.

Per entrare veramente in relazione con la realtà è importante non fermarsi a codificazioni unilaterali; occorre auscultare attentamente le parole, prenderle sul serio per coglierne il dinamismo esistenziale.

Quando si riesce a fare ciò, la parola si rivela nella sua forza poietica, creatrice e generatrice di mondi; in caso contrario resta segno grafico o semplice flatus vocis.

Troppo spesso chiacchiera improduttiva.

Piazza solidale: Africa al centro

Alle ore 11 vi aspetto in Tilane per una chiacchierata a più voci sull’Africa e sul saccheggio in corso che provoca movimenti di profughi.

Insieme a relatori di rilievo (il giornalista Raffaele Masto, l’infaticabile Paolo Sormani fondatore dell’associazione limbiatese Variopinto e Suor Agata Cantoni, missionaria comboniana) parlerò anch’io, attingendo all’esperienza missionaria fidei donum vissuta a Garoua, nord Camerun, con la mia famiglia da novembre 2000 a giugno 2002.