Convitto Falcone di Pasquale Scimeca: un corto da guardare

Grazie alla Cineteca Italiana, che nella nostra città gestisce Area Metropolis 2.0, fino al 31 maggio è possibile vedere in streaming il corto Convitto Falcone di Pasquale Scimeca.

L’opera è stata presentata in anteprima alla 69esima Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Eventi speciali ed è stato girato quasi interamente all’interno del Convitto di piazza Sett’Angeli a Palermo.

Dura 30 minuti, merita la visione.

Soprattutto oggi.

Registrati e guarda gratuitamente in streaming

23 maggio, Giornata della Legalità: insieme contro le mafie!

Il Giorno (23 maggio): Minuto di silenzio, lenzuolo bianco e un film online Anche Paderno Dugnano ricorda il giudice Falcone

L’iniziativa della Cineteca di Milano:

Giornata della Legalità – Cineteca

In occasione del 28^ anno dalle stragi di Capaci e di via d’Amelio, la Cineteca di Milano propone il film Convitto Falcone, cortometraggio del 2012 diretto da Pasquale Scimeca, sua personale dedica alla figura di Giovanni Falcone.
Nel 1999 l’undicenne Antonio arriva da un paese delle Madonie a Palermo per frequentare la prima media al convitto nazionale “Giovanni Falcone”. Inizia così la sua avventura che lo porterà 13 anni dopo a tornare da giornalista al convitto. Per lo streaming gratuito clicca qui
http://www.comune.paderno-dugnano.mi.it/tutto_su/servizi_alla_persona/cultura_tl/pagina244.html

Dal sito del Comune:

Invitiamo la cittadinanza a collegarsi in diretta streaming dal canale youtube del Comunale raggiungibile al link https://www.youtube.com/channel/UCg6tabXJxghkBDx_GpjVCcw/live per commemorare virtualmente alle 17.57 tutti insieme l’anniversario della strage di Capaci in un minuto di silenzio che il Sindaco Casati osserverà dal Comune indossando la fascia tricolore, simbolo dell’unità nazionale e dei nostri valori costituzionali.

Alle 18, aderendo all’iniziativa lanciata dalla Fondazione Falcone, invitiamo la cittadinanza ad appendere un lenzuolo bianco dal balcone di casa e ad affacciarsi tutti insieme per “ricordare ed esprimere un pensiero di gratitudine a chi, nella lotta alla mafia, o nella dura battaglia contro la pandemia, ha fatto la propria parte”.

Un lenzuolo bianco sarà esposto sulla facciata del Comune in corrispondenza dell’ufficio del Sindaco come simbolica e significativa adesione dell’Amministrazione Comunale e di tutta la città.

Lenzuliamo Paderno Dugnano, in memoria di tutte le vittime di mafia e in segno di gratitudine verso le donne e gli uomini che con coraggio e amore per la libertà combattano in ogni forma e in ogni luogo le mafie e chi consente alle mafie di inquinare le nostre comunità.

Legalità, si apre il dibattito

Il post precedente ha suscitato due reazioni che ospito con piacere, restando disponibile ad altri interventi da parte dei lettori.

Sul servizio del TG2 ho ricevuto il seguente contributo:

Caro Giuranna,
approfitto di questo suo spazio per esprimere alcune riflessioni dopo aver assistito, sbigottito, l’altra sera al servizio del Tg2 Rai.
Il Tg2 non ha reso un bel servizio a Paderno, con una cronaca monca e insufficiente. E tuttavia ciò a volte succede, per la fretta e per la scarsità dello spazio assegnato.
Meno giustificabile è l’atteggiamento di latitanza della Giunta comunale, che concede a talune associazioni la formalità della collaborazione, ma non la sostiene con una adesione convinta. E non può quindi confutare un’immagine sbagliata della nostra città, proprio perché manca una condivisione dei valori promossi da questa o quella iniziativa.
Spero solo che questo ennesimo infortunio di comunicazione serva da lezione per il futuro. Né aderire né sabotare è pura miopia politica, perché significa solo nascondersi dietro un dito.

Paderno Dugnano, 24 maggio 2018

Un cittadino padernese

Di seguito un messaggio sulle iniziative padernesi del 23 maggio:

Spett.le blog,
scrivo a proposito delle manifestazioni per la giornata legalità a cui vorrei partecipare ma che sono collocate a mio parere in orari poco sensati per le abitudini di molti cittadini padernesi che lavorano a Milano o altrove. Perché non organizzare per esempio la fiaccolata alle 21 e non all’ora di cena? Credo ci sarebbe molta più affluenza e avrebbe senso chiamarla fiaccolata perché almeno inizierebbe a fare buio. Grazie.

[lettera firmata]