Passaggio a livello: il punto di vista del Comitato per Palazzolo

Pubblico di seguito il comunicato del Comitato che si è costituito contro la decisione di Ferrovie Nord di chiudere il passaggio a livello di Palazzolo:

COMUNICATO STAMPA DEL COMITATO PER PALAZZOLO MILANESE

La notizia dell’apertura di un tavolo di confronto su un problema che riguarda la nostra città, ovvero la chiusura del passaggio a livello di Palazzolo Milanese, è un primo importante risultato raggiunto.

La sospensione dei termini per la chiusura e la messa in sicurezza dell’attraversamento pedonale sono i temi prioritari affrontati nell’incontro odierno e sono anche il frutto del nostro incontro con l’Amministrazione Comunale .

Rimaniamo in attesa di trovare riscontro formale e concreto, da parte di Ferrovie Nord, che ha annunciato il ritiro della richiesta al Comune di adottare un’ordinanza di chiusura del passaggio a livello entro il prossimo 22 giugno.

Un primo importante passo sembra essere stato ottenuto quindi e per questo desideriamo ringraziare l’Amministrazione Comunale che ha sostenuto il nostro impegno e l’iniziativa, condividendola.

Riteniamo però che la discussione e il confronto debbano ancora iniziare;
vogliamo vengano presi in considerazione tutti gli aspetti territoriali connessi all’attraversamento del passaggio a livello per non tagliare in due Palazzolo Milanese, assolutamente per metterlo rapidamente in sicurezza ma anche per progettare e definire una riqualificazione più completa dell’area, sotto diversi punti di vista.

Rimandare o risolvere ? Questa è la domanda che abbiamo posto all’Amministrazione Comunale in occasione dell’incontro avuto il giorno 08/06/20. La nostra posizione non è cambiata, ne ieri ne oggi, nonostante l’apertura di un tavolo di confronto.

Sarà un percorso lungo, complesso, anche complicato ma che è necessario ed indispensabile affrontare, perchè si lega a progetti futuri che interessano la nostra comunità.

Il ruolo ed il compito del Comitato è molto chiaro; affiancare l’Amministrazione Comunale nella definizione di una progettazione più ampia, completa e definitiva di riqualificazione dell’area, senza rimandare il problema nel tempo, senza archiviarlo per il momento, senza pensare a chi toccherà, … con un obiettivo condiviso quindi e di ampio respiro.

Perchè il problema sicurezza del passaggio a livello è più ampio rispetto al semplice attraversamento pedonale. Già diversi anni addietro fu richiesto di metterlo in sicurezza da parte dell’Associazione Genitori; perchè il tema sicurezza riguarda anche vie adiacenti e vicine a quella zona attualmente rese pericolose ed insicure, oltre che poco vivibili.

E sono solo alcuni esempi fra tanti.

Non ci interessa rinviare il problema al futuro; siamo interessati ad intraprendere il percorso migliore per risolvere il problema definitivamente, sotto tutti i punti di vista.

Auspichiamo un nuovo incontro con il Sindaco, per dare concretamente inizio a tutto questo.

Comitato per Palazzolo Milanese

Passaggio a livello: Roberto Alberti propone una soluzione seria e motivata

Roberto Alberti è un palazzolese doc.

La sua riflessione sulla richiesta di chiusura del passaggio a livello da parte di Ferrovie Nord deve essere letta con attenzione.

Blog Piccole storie a Paderno Dugnano (1 giugno): Passaggio a livello di Palazzolo Milanese, una soluzione possibile

Roberto Alberti è attivo nella lista civica Persone al centro e si impegna per la città a stretto contatto con Insieme per cambiare. E’ stato uno dei promotori della campagna per una riqualificazione innovativa di via S.Ambrogio (mobilità leggera e salvaguardia dei tigli della via Comasinella).

Trenord: Bogani scrive in Regione, ma in Commissione Territorio solo fumo e qualche tampone

La testata online NordMilano24.it pubblica oggi la lettera del Vicesindaco Bogani all’Assessore Regionale Claudia Terzi a seguito dell’ordine del giorno “disservizio Trenord”, da me proposto e approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di martedì: Ritardi e disagi Trenord, il vicesindaco di Paderno scrive all’assessore regionale

*   *   *

A proposito della riunione di oggi in Regione con la presenza dell’Assessore Terzi e dell’AD di Trenord Marco Piuri ecco le prime informazioni:

AskaNews (Giovedì 8 novembre 2018 – 17:11): Commissione Lombardia: rinnovo con Trenord solo con nuovi treni. “Riveda struttura organizzativa per garantire livello adeguato”

Corriere della Sera (8 novembre): Trenord: «Autobus al posto dei treni sulle linee meno frequentate»

Repubblica (8 novembre): Pendolari, il piano di Trenord: “Autobus al posto dei treni sulle linee meno frequentate”

Varese News (8 novembre): Pendolari, “Trenitalia investa quanto Trenord”. Audizione in commissione. L’assessore “fase emergenziale, tutelare i viaggiatori”. Le opposizioni: “Era tutto prevedibile e chi guida la Regione tenta di scaricare la responsabilità su altri”

Affari Italiani (8 novembre): Trenord, Claudia Terzi: “La Regione ha fatto il suo, ora tocca a Trenitalia”

Il Cittadino (8 novembre): Treni in Lombardia, il Pd accusa il centrodestra: «Trenord pagherà 36 milioni di bonus e penali»

Imprese-Lavoro (8 novembre): Trenord: gli utenti contro l’azienda

Continuate a firmare la PETIZIONE ONLINE!!!

 

Promesse non mantenute: la grande #BRUTTEZZA

Ricordate la prima pagina della Calderina del febbraio 2016? Andate adesso a vedere come hanno sistemato l’area di via Arborina e ditemi che cosa ne pensate…

La lista civica Insieme per cambiare prende posizione in modo chiaro. Non è questa la città che vogliamo!

IXC (21 giugno): Via Arborina – Stazione Paderno: ci avevano promesso una cosa e ne hanno fatta un’altra

Questa non è sicurezza, ma disprezzo del verde e dei cittadini

La lista civica Insieme per cambiare denuncia il disboscamento indiscriminato e indecente, realizzato nei giorni scorsi sulle sponde del Seveso tra via Battisti e via Camposanto.

Di seguito alcune foto che parlano da sole, pubblicate su Facebook dal blog Cara Terra Mia, da Mirella Marini e Claudio Gaudioso.

Segue galleria fotografica.

Continua a leggere “Questa non è sicurezza, ma disprezzo del verde e dei cittadini”