Politica: nel mondo cattolico si muove qualcosa?

Sul sito c3dem leggo l’interessante editoriale di Sandro Antoniazzi, pubblicato oggi: L’unità necessaria tra cattolicesimo democratico e cattolicesimo sociale

Di seguito uno schema illustrativo che evidenzia alcune polarità interne al cosiddetto “mondo cattolico” (dalle slides Il cattolicesimo democratico tra storia e politica del prof. Guido Formigoni – 2017).

Nei giorni scorsi ho letto un articolo sul sito Il Sussidiario che riporta una novità interessante: ELEZIONI REGIONALI/ Dalla Campania alla Liguria, ecco il patto tra verdi e cattolici

L’accordo raggiunto per la lista congiunta tra Verdi-Europa Verde e Demos in Campania è la vera novità politica del momento. Europa Verde e Demos saranno alleati anche in Liguria e in diversi altri comuni. È la prima volta che il mondo cattolico e quello ambientalista stringono una vera alleanza e, qualora l’esperimento avesse successo, rappresenterebbe una vera svolta politica in Italia.

Democrazia Solidale: sta nascendo qualcosa di interessante?

Paolo Ciani (classe 1970) è l’unico consigliere regionale eletto in Lazio il 4 marzo 2018 dalla lista Centro Solidale per Zingaretti (48.872 voti, 1,93%).

Sabato 6 ottobre a Roma c’è stata l’assemblea di DEMOS – Democrazia Solidale, una forza politica vicina a Comunità di Sant’Egidio e altre realtà dell’associazionismo cattolico e non. Vedi rassegna stampa sul sito demosolidale.org (tra gli altri l’articolo su Il Messaggero) . Padrini dell’iniziativa Andrea Riccardi e Paolo Gentiloni.

Sono curioso. Ecco il Manifesto di questo nuovo movimento.

Certamente c’è bisogno di una rinnovato impegno cattolico in politica nello spirito del Concilio Vaticano II. Al di là di questa neonata formazione politica serve maggiore presenza e più coraggio da parte dei cattolici anche nei partiti esistenti.