Consiglio sciolto, ma resta in carica fino alle elezioni

Leggere sulla Gazzetta Ufficiale a metà luglio la notizia dello scioglimento del Consiglio Comunale suscita impressione. Ma L’art. 53 comma 1 del Testo Unico Enti Locali consente ad un Consiglio Comunale dichiarato sciolto e alla Giunta guidata dal Vicesindaco (nominato da un Sindaco decaduto) di restare in carica fino a nuove elezioni.

Trevisiol, conti in tasca al consigliere regionale Alparone

In un commento postato ieri su questo blog Renzo Trevisiol mette in evidenza alcuni particolari, non noti a tutti, del politico Alparone.

E’ una vera opportunità che resta un miraggio fin tanto che non si va ben molto più in là che il semplice raccogliere firme in due comuni: Alparone si soddisfa nel far vedere che si hanno grandi progetti (piccoli se terminano a Paderno) ma che sono gli altri che non vogliono realizzarceli… Del resto se non facesse queste boutade come potrebbe giustificare il suo stipendio mensile di 10.545 € (come tutti i consiglieri regionali) ai quali vanno aggiunti 1.080 € perché vice-presidente della commissione ambiente e protezione civile e altri 540 € perché vice-presidente di una commissione speciale (?). Quindi se vi offre un caffè non fatevi remore ad accettare, può essere l’occasione per chiedergli se sottoscriverà l’iniziativa della consigliera Rozza (PD): anche lei nuova eletta, si è accorta che i contributi pensionistici ai consiglieri regionali sono regalati dall’INPS (cioè da tutti noi) e pertanto ha richiesto che ogni consigliere regionale paghi i suoi contributi per la pensione con soldi propri. Alparone con 12.165 €/mese ce la può fare?
Per chi è interessato guardi http://www.consiglio.regione.lombardia.it/wps/portal/crl/home/istituzione/I-Consiglieri/compensi-connessi-all-assunzione-della-carica/dichiarazioni-su-reddito-e-patrimonio-e-altre-informazioni

Alparone vicepresidente della Commissione Ambiente

Nei giorni scorsi la Commissione regionale Ambiente ha eletto presidente Pase (Lega, Senago) e vice Alparone (Forza Italia, Paderno).

Nei nove anni di sindaco a Paderno e nei precedenti di consigliere comunale di opposizione Alparone ha dimostrato una spiccata sensibilità ecologica.

Evviva!

Domani Consiglio Comunale: primo step verso la decadenza del Sindaco

Si terrà domani 26 aprile a partire dalle ore 19,30 il Consiglio Comunale dedicato prevalentemente al cosiddetto bilancio consuntivo.

Vedi ordine del giorno e proposte in discussione sul sito del Comune.

In particolare al punto 6 verrà avviato l’iter per dichiarare decaduto il Sindaco Alparone dopo la sua elezione nel Consiglio Regionale. I riferimenti normativi sono gli articoli 65 e 69 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267 e l’articolo 5, comma 3 bis, della Legge Regionale 2 dicembre 2016, n. 31.

Vi siete chiesti, però, perché Alparone non si dimette?

Varie: scarichi Seveso, donna rapinata in casa, Consiglio Regionale, Sant’Ambrusin

NordMilano24.it (5 aprile): Seveso, 1.420 scarichi abusivi. Gli Amici del Parco Nord scrivono a Regione e Arpa: “Perché non intervenite?”

Settegiorni (5 aprile): Donna rapinata in casa a Paderno Dugnano

Giornale di Como (5 aprile): Primo Consiglio regionale in Lombardia

Sant’Ambrusin e Palio Amatese:

IXC informa su biotestamento ed evidenzia immobilismo. Giovedì Commissione Legalità

La lista civica Insieme per cambiare ha pubblicato una segnalazione operativa circa la legge sul testamento biologico.

La testata NordMilano24.it riprende la denuncia delle coccinelle circa lo stallo politico-amministrativo causato dalla candidatura del Sindaco Alparone in Regione.

Intanto giovedì 5 aprile alle ore 18,30 (dopo lunga attesa) il presidente Boatto ha potuto convocare la Commissione Legalità.

Giunta Regionale presentata, Alparone tira un sospiro di sollievo

E alla fine, dopo tanti tira e molla in Forza Italia, ecco la Giunta Regionale.

Varese News (29 marzo): Tutti gli assessori della Giunta Fontana (VIDEO)

La nomina di Giulio Gallera consentirà al nostro Sindaco Alparone di entrare in Consiglio Regionale.

Consiglio Regionale: Alparone ancora in panchina

E’ divertente seguire gli aggiornamenti del toto-Giunta-Regionale.

Fino a qualche giorno fa la squadra sembrava pronta, imminente la presentazione. Fontana aveva annunciato di dare la poltrona a 16 pretendenti (la Giunta Maroni si fermava a 14 assessori), poi i tempi si sono allungati e la soglia massima è tornata a 14.

Si attende naturalmente che cosa decideranno a Roma, perché le alchimie politiche sono cosa delicata.

Dal Giorno di oggi le ultime notizie: Giunta regionale, i tre nodi da sciogliere. Intese nazionali, donne e province: questi i rebus. Verso 14 assessori

Il Sindaco Alparone per ora rimane in panchina.

Alparone, farmacie & sanità

Il nostro Sindaco Marco Alparone (attualmente candidato per Forza Italia al Consiglio Regionale della Lombardia) se ne intende di farmacie e, in genere, di sanità.

Non solo per competenze personali (laurea in farmacia) e per ragioni familiari e professionali (la farmacia di Cassina Amata e la nuova parafarmacia aperta all’interno della Clinica San Carlo sono di famiglia; inoltre il fratello Mario è direttore generale della ASST di Melegnano e della Martesana). A fine settembre 2017 Marco Alparone è stato eletto nel Consiglio dell’Ordine dei Farmacisti delle Province di Milano, Lodi e Monza Brianza. In passato, politicamente apparteneva alla corrente di Forza Italia che fa/faceva riferimento a Mario Mantovani (ex sottosegretario alle infrastrutture nel governo Berlusconi ed ex assessore regionale alla sanità, nonché vicepresidente del Consiglio Regionale, attualmente fuori dai giochi delle candidature per i “i ripetuti incidenti giudiziari”).