Capire le dinamiche del commercio prima di ampliare il #Carrefour

Gli Amministratori Comunali della nostra città hanno fatto il passo più lungo della gamba, impegnandosi con Carrefour per l’ampliamento del Centro Commerciale Brianza. Hanno pensato (illusoriamente) che un semplice ampliamento della galleria commerciale potesse rendere possibile il rilancio dell’ipermercato. Così, purtroppo, non è. Questa progettualità si rivela – all’esame dei fatti e delle dinamiche in corso – semplicistica e fuori dalla realtà.

Bene pertanto che ci sia stato uno stop all’ampliamento del Carrefour, almeno fino alle elezioni.

Il commercio, infatti, sta attraversando una profonda crisi di trasformazione sia a causa della guerra in atto tra vari colossi della Grande Distribuzione sia per effetto del commercio online
(vedi per esempio l’ultimo report di GDO News: nell’ultimo anno si è registrato un calo “soprattutto per un importante decremento provocato dai risultati deludenti degli ipermercati“).

Per capire meglio la posta in gioco ti invito a partecipare ad una serata di grande valore culturale e politico giovedì 24 gennaio in auditorium Tilane.

Stop #Carrefour: il ruolo della Lega, il grande lavoro dell’opposizione e la voce non ascoltata dei commercianti

Pubblicato ieri su YouTube il videoservizio Brianza TV di Pier Mastantuono sulla Commissione Territorio dedicata alla questione dell’ampliamento del Centro Commerciale Brianza.

La Lega tira il freno a mano, l’ex sindaco Alparone prova a dire: “Avanti tutta!” e il suo predecessore Casati rileva la mancanza di chiarezza/partecipazione e il totale non ascolto delle ragioni dei commercianti padernesi.

In occasione dell’incontro pubblico del 5 giugno scorso in aula consiliare (organizzato non dall’Amministrazione ma da una rete di forze politiche di opposizione e associazioni) avevo chiesto a ConfCommercio di rendere pubbliche le osservazioni interessantissime che sono state presentate ma non adeguatamente considerate dalla Giunta. Ad oggi tale documento non è ancora a disposizione della cittadinanza: varrebbe la pena di renderlo noto a tutti, e non solo agli addetti ai lavori, perché si comprenderebbe – da una voce terza rispetto alle forze politiche di opposizione – che l’ampliamento Carrefour è fondato su ragioni deboli.

L’opposizione della Lega a questo progetto è solo l’ultimo step di un lungo percorso che ha visto impegnate le forze politiche di minoranza e alcune associazioni locali: sul tema Carrefour negli ultimi due anni è stato raccolto un dossier ampio e circostanziato, di cui Bogani e i suoi collaboratori non vogliono tenere conto.

La Lega ha semplicemente certificato che questo progetto di ampliamento non ha senso.


Il tiro alla fune intorno a CiniselloHub e l’ampliamento Carrefour di #PadernoDugnano

Il sito del Cittadino racconta oggi la contesa tra Cinisello e Monza per la realizzazione del megacentro commerciale CiniselloHub: Linea dura Allevi: Monza presenta il conto a Cinisello per il maxi piano Auchan

Intanto, a Paderno Dugnano l’ampliamento del Carrefour ha fatto martedì sera un passaggio in Commissione Territorio. I consiglieri sono stati informati della proposta unilaterale fatta da Carrefour (in sinergia con il Comune, visto l’uso dello stemma della nostra città) per la realizzazione di opere a scomputo nei sette quartieri. I dettagli sono presentati questa settimana sulla stampa locale (Notiziario e Cittadino).

Per ora si tratta solo di materiale da prendere in visione (un CD che – è stato detto in Commissione – sarà presto pubblicato online).

Il tema sarà oggetto di discussione a fine estate. Sempre che in maggioranza siano tutti d’accordo con questa Variante che regala qualche risorsa alla città ma presenta molti punti critici.

Finalmente a Paderno si parla di commercio (ma il merito non è della Giunta)

Dobbiamo dire grazie alla rete di cittadini, associazioni e forze politiche di opposizione che hanno promosso la Tavola Rotonda La Città e il Commercio se ieri sera in Aula Consiliare si è potuto parlare – in modo serio e documentato – del rapporto tra negozi di vicinato e Grande Distribuzione.

Ha coordinato il dibattito Gianfranco Massetti, ultimo sindaco di centrosinistra. Sullo sfondo il tema dell’ampliamento del Centro Commerciale Brianza, in primo piano l’analisi delle dinamiche economiche in atto nel Nord Milano.

Per l’Amministrazione Comunale era presente l’Assessore Andrea Tonello che, in base al recente rimpasto di Giunta, ha il compito di seguire la Variante Carrefour. Assente invece l’Assessore Anna Campi, a cui è stata affidata la delega per il commercio (senza Carrefour). Peccato che non abbia potuto sentire le relazioni… perché è evidente che non si può impostare una seria politica commerciale se si prescinde dall’analisi ricca di dati e numeri fatta ieri dal Prof. Tamini del Politecnico e da Origgi (Confcommercio), Abbà (ex assessore a Monza) e Mezzi (Città Metropolitana).

La serata ha visto la presenza di numerosi cittadini, tra cui diversi commercianti locali e l’ex deputato PD Ezio Casati.

L’Assessore Tonello ha promesso “appena saremo pronti” un’assemblea pubblica di illustrazione della Variante Carrefour con il dettaglio dei benefici per la città. Gli ho ricordato che l’Amministrazione Comunale è in grande e grave ritardo: nel settembre 2016 (in occasione della prima presentazione pubblica della proposta di ampliamento Carrefour) il Sindaco aveva promesso un processo partecipativo ampio che ad oggi (quasi due anni dopo) non è ancora iniziato. E sappiamo che le intenzioni della Giunta sono quelle di chiudere la partita prima delle elezioni, cioè entro la primavera 2019.

La posizione di Tonello è eloquente: occorre, a suo avviso, ragionare su quali siano le opportunità per Paderno Dugnano in questa proposta avanzata dall’azienda. Dunque, questa cosa “s’ha da fare”, bisogna solo definirne le condizioni.

Personalmente continuo a credere (soprattutto dopo quello che ho sentito ieri, in particolare dal Prof. Tamini e da Origgi) che serve invece un’attenta analisi dei bisogni e delle dinamiche commerciali dell’area vasta del Nord Milano, altrimenti non vi sarà nessun vantaggio né per i lavoratori Carrefour, né per i commercianti locali e i cittadini, ma solo per la Dirigenza dell’azienda.

La Città e il Commercio: oggi ore 21

Un’occasione di alto profilo stasera in Aula Consiliare per riflettere sulle politiche del commercio, con particolare attenzione ai negozi di vicinato e alla Grande Distribuzione.

I relatori ci aiuteranno ad analizzare le dinamiche attuali del commercio nel Nord Milano, mettendo in luce criticità e buone pratiche.

L’iniziativa è organizzata da Aiea, Anpi, CCIRM, Circolo Eco-Culturale La Meridiana, Circolo Grugnotorto di Legambiente, Lista civica “Insieme per cambiare”, Lista civica “Noi X Paderno Dugnano”, Liberi e Uguali, Medicina Democratica, Partito Democratico, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Socialista Italiano, Verdi.

Emergenza commercio di vicinato: se Milazzo fa rima con #PadernoDugnano

Chi ha voglia di informarsi sulle dinamiche del commercio cittadino non deve fare molta fatica. Una semplice ricerca in rete offre molti esempi concreti.

L’ultima notizia viene dalla Sicilia: la riferisce proprio oggi un giornale online dell’isola:  Crisi del commercio a Milazzo, la ricetta di Pippo Russo (Confcommercio)

Anche a Paderno Dugnano il progetto di ampliamento del Carrefour solleva molti dubbi.

Come mai la Giunta (prima con Alparone e ora con Bogani) non comprende che tale proposta è miope e insostenibile???

Se vuoi saperne di più, vieni stasera in Aula Consiliare alle ore 21.

 

Carrefour, primo resoconto del confronto azienda-sindacati a Bologna

Il sito sindacale UILTuCS ha pubblicato una sintesi di quanto emerso ieri a Bologna durante l’incontro tra l’azienda e le rappresentanze sindacali: Carrefour: male gli Ipermercati e bene gli Express. Chiude l’ipermercato di Marcianise

Questo quadro suscita forti dubbi sulla scelta di ampliare, a Paderno Dugnano, il Centro Commerciale Brianza. E’ una progettualità che nasce vecchia e si pone al di fuori delle attuali dinamiche di mercato.

NO AMPLIAMENTO CARREFOUR

Martedì 5 giugno ne parleremo approfonditamente durante la Tavola Rotonda La Città e il Commercio

Carrefour: il 28 incontro a Bologna tra azienda e sindacati

La Giunta padernese si agita per poter approvare entro il prossimo anno l’ampliamento del Centro Commerciale Brianza…

Che fretta c’è Signor Vicesindaco?

Una gestione più oculata e attenta agli sviluppi della Grande Distribuzione seguirebbe con attenzione l’andamento delle trattative in corso tra lavoratori e Direzione aziendale.

La sigla sindacale UILTuCS informa che:

L’incontro nazionale con il Gruppo Carrefour si terrà il prossimo 28 maggio 2018 a Bologna allo Starhotel Excelsior di via Pietramellara 51 a partire dalle 11.
Nell’incontro saranno affrontate le tematiche inerenti gli andamenti aziendali e delle politiche organizzative che incidono sulle condizioni di lavoro.
Permangono criticità relazionali e temi da affrontare che saranno prontamente messe a calendario nello stesso incontro.

Bogani parte male

Gianluca Bogani, nominato vice da un sindaco che non c’è più, ha reso nota la nuova Giunta attraverso un comunicato stampa.

Fuori Alparone, dentro Simone Tagliabue (Bilancio) e Anna Maria Campi (Commercio, senza però Carrefour).

Segnale decisamente negativo la “delega zoppa” al Commercio che mostra chiaramente l’intento di chiudere velocemente la partita immobiliare dell’ampliamento del Centro Commerciale Brianza, che darà la mazzata finale al commercio di vicinato.

Vedi anche:

Qui Paderno Dugnano (22 maggio): La nuova Giunta Comunale. All’insegna del Carrefour

NordMilano24.it (23 maggio): Paderno Dugnano, ecco la nuova Giunta di Gianluca Bogani