Verso il Tempo del Creato

Seguo con molta attenzione quanto sta maturando all’interno della chiesa cattolica a 5 anni dall’enciclica Laudato si’.

Di seguito la tavola rotonda organizzata due giorni fa dall’Osservatorio Laudato Si’ dell’Università Gregoriana.

Dell’evento parlava ieri l’Osservatore Romano con questo articolo: Scelte a misura di ambiente

Sul tema segnalo anche un appuntamento italiano del Movimento cattolico mondiale per il clima (GCCM) in programma lunedì sera a conclusione del frequentatissimo corso di formazione che si è svolto il mese scorso:

Siete tutti invitati a partecipare lunedì 22 giugno dalle ore 20.45 alle 22.00 all’incontro on line degli Animatori Laudato Si’ italiani, aperto a tutti. #LaudatoSi5

Daremo il benvenuto ai nuovi Animatori Laudato Si’ che hanno appena ricevuto il certificato, celebreremo il loro entusiasmo e la voglia di impegnarsi.

Questo incontro mensile sarà incentrato sulla preparazione del Tempo del Creato, che ricorre ogni anno dal 1 settembre al 4 ottobre e che quest’anno avrà per tema il “Giubileo per la Terra”.

Per registrarti clicca qui

Non + di 1,5°: lettera aperta per raggiungere l’obiettivo di Parigi

La Settimana Laudato Si’ è stata una campagna internazionale di sensibilizzazione degna di nota, come sintetizzato in questo articolo e video: Top 5 Laudato Si’ Week Highlights

Interessante anche la lettera aperta a IEA (Agenzia Internazionale per l’Energia), firmata da 70 leader impegnati a vario titolo per il clima, tra cui Tomás Insua del Global Catholic Climate Movement: Letter to IEA May 2020

L’iniziativa è ripresa da Bloomberg.com nell’articolo apparso ieri: The World’s Most Influential Energy Model Needs a Climate Update. Open letter accuses the International Energy Agency of marginalizing key climate goals

Il cambiamento climatico riguarda tutti: è ora di reagire!

La Settimana Laudato Si’ è iniziata nel migliore dei modi, con iniziative molto partecipate in varie parti del mondo…

Stamattina Papa Francesco l’ha ricordata brevemente durante la preghiera del Regina Coeli:

Oggi comincia la Settimana Laudato si’, che finirà domenica prossima, nella quale si ricorda il quinto anniversario della pubblicazione dell’enciclica. In questi tempi di pandemia, nei quali siamo più consapevoli dell’importanza della cura della nostra casa comune, auguro che tutta la riflessione e l’impegno comune aiutino a creare e fortificare atteggiamenti costruttivi per la cura del creato.

Papa Francesco

Stasera poi si è tenuta la seconda parte del ritiro internazionale Laudato Si’ in lingua inglese.

Si tratta sicuramente di un appuntamento del mondo cattolico, ma solo i distratti non colgono la portata di questa iniziativa globale… L’enciclica Laudato Si’ ha l’obiettivo di contribuire all’impegno di tutti – cattolici e non – per la cura della casa comune.

Laudato Si’ come road map

Da oggi al 24 maggio i cattolici di tutto il mondo (e non solo 🙂 ) sono invitati da Papa Francesco a prendere sul serio l’appello di Madre Terra. E’ la Settimana Laudato Si’, a cui ho accennato nel post precedente.

Vi invito a guardare questo breve video, molto intenso.

Personalmente seguo con interesse e ho l’impressione che questi cinque anni dalla pubblicazione dell’enciclica non siano trascorsi invano. Qualcosa sta crescendo tra i cattolici di tutto il mondo: una sensibilità ecologica nuova, che parla più lingue e che spinge ad incontrarsi e ad agire.

Faccio un esempio concreto: oggi e domani si sta svolgendo un ritiro Laudato Si’ in videoconferenza su Zoom. Tutto in lingua inglese con centinaia di persone collegate da vari paesi: New York, Bogotà, Portland, Roma, Gran Canaria, Manaus, ecc…

Con qualche spunto simpatico: nella chat Franca S. scrive sconsolata: “Una traduzione in italiano? non capisco nulla”. E poco dopo le risponde Donata M.: “Il ritiro di oggi è in inglese”. E Yeni dall’Ecuador: “No puedo seguirles por el idioma”.

Provate a dare un’occhiata ai due video trasmessi oggi pomeriggio in streaming: Laudato Si’ Retreat: An Introductory Immersion (1) e Laudato Si’ Retreat: An Introductory Immersion (2)

Domani dalle 19 alle 20,30 la seconda parte del ritiro sempre sul canale youtube del Global Catholic Climate Movement.

Il ritiro in italiano è programmato per sabato 23 maggio (ore 9-13).

Su Twitter è interessante curiosare tra gli hashtag #LaudatoSi5 #LaudatoSiWeek #SemanaLaudatoSi #LaudatoSiWeek2020 #LaudatoSi

Qualcosa di bello si sta sviluppando.

Settimana Laudato Si’: dal 16 al 24 maggio

#exemplumomnibus

Quest’opera, realizzata ad Albano Laziale nel settembre scorso dallo street artist Maupal, è un’ottima introduzione alle iniziative che si svolgeranno nei prossimi giorni in tutto il mondo per ricordare il quinto anniversario dell’enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco.

Agenzia SIR (13 maggio): Laudato Si’: dal 16 al 24 maggio la “Settimana” per i 5 anni dell’enciclica sulla cura della casa comune

Pandemia e cambiamenti climatici: il dovere di cambiare

La rivista cattolica Città Nuova , promossa dal Movimento dei Focolari di Chiara Lubich, ha messo in evidenza nei giorni scorsi il collegamento che fatichiamo a vedere: Pandemia e cambiamento climatico

Invece di soffermarsi solo sul trattamento dei sintomi la politica è chiamata a mettere a fuoco il processo generativo di squilibri e pericoli. Al riguardo, rimando all’approfondimento del WWF: LA CONNESSIONE TRA IL CAMBIAMENTO CLIMATICO E LA DIFFUSIONE DI NUOVE EPIDEMIE

Esiste un legame strettissimo tra le malattie che stanno terrorizzando il Pianeta e le dimensioni epocali della perdita di natura. Molte delle malattie emergenti come Ebola, AIDS, SARS, influenza aviaria, influenza suina e il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 (COVID19) non sono catastrofi del tutto casuali, ma sono la conseguenza indiretta del nostro impatto sugli ecosistemi naturali.

Merita attenzione il Report integrale del WWF: MALATTIE TRASMISSIBILI E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Come la crisi climatica incide su zoonosi e salute umana (pdf)

1° settembre: Giornata per la custodia del creato

La Chiesa italiana sta entrando sempre più in una consapevolezza nuova circa le tematiche ambientali.

Da 14 anni il 1° settembre si celebra la Giornata per la custodia del creato e, a livello ecumenico e internazionale, il Tempo del creato (1° settembre – 4 ottobre, festa di S.Francesco).

Di seguito un estratto del Messaggio della Conferenza Episcopale:

É allora forse il momento che ogni comunità si impegni in una puntuale opera di discernimento e di riflessione, facendosi guidare da alcune domande: Qual è la «nostra Amazzonia»? Qual è la realtà più preziosa – da un punto di vista ambientale e culturale – che è presente nei nostri territori e che oggi appare maggiormente minacciata? Come possiamo contribuire alla sua tutela? Occorre conoscere il patrimonio dei nostri territori, riconoscerne il valore, promuoverne la custodia.