Bogani fa così, ma vi sembra corretto?

OCCHIO ALLA LEGA E A BOGANI!

È corretto usare questa foto istituzionale, scattata in occasione dell’8 marzo, per farsi propaganda elettorale sulla pagina facebook Gianluca Bogani Sindaco???

Non vi sembra un uso spregiudicato dell’immagine? La pagina contiene infatti anche comunicazioni di carattere prettamente elettorale.

Queste signore sono tutte supporter dell’attuale Vicesindaco? Non mi risulta.

Le cittadine di #PadernoDugnano meritano più rispetto.

Aumento ponderale

Quanto pesa adesso, in termini elettorali, la lista civica Insieme per cambiare? Se lo chiedono in tanti.

Certamente, in questi cinque anni la “coccinella” ha fatto un grande lavoro, sia in Consiglio Comunale sia sul territorio. Ha promosso l’azione in rete su singoli temi di interesse per la città: contro le palazzine in un parco pubblico (cosiddetto RE3), contro l’ampliamento del Carrefour, sui temi della sicurezza urbana (controllo di vicinato), eccetera…

Il peso elettorale di questo straordinario gruppo, che è sempre al lavoro (per rendersene conto basta passare davanti alla sede di via Rotondi 71), è certamente aumentato rispetto al 2014.

I cittadini più attenti se ne sono accorti.

Purtroppo, però, ci sono anche i padernesi distratti, sbadati, menefreghisti, qualunquisti… Quelli che dicono: “Sono tutti uguali”.

Non è assolutamente vero. Basta approfondire un po’ e ci si accorge che non è così.

Eppure nelle urne pesa anche il loro voto (e non voto).

Non pochi per cambiare le cose a Paderno Dugnano penseranno di affidarsi a Forza Italia e alla Lega, senza considerare che nel nostro Comune queste due forze politiche governano (maluccio) da 10 anni.

Per cambiare le cose bisogna mandare a casa chi ha gestito la città finora: Bogani, Ghioni, Alparone , ecc…

Lettera aperta al Vicesindaco f.f. di Sindaco Bogani, alla Giunta e al Consiglio Comunale

Ricevo dal concittadino Andrea Colombo il seguente contributo, che pubblico volentieri:

Buongiorno, un po’ di mesi fa ho avuto modo di trovare una copia de Il Giorno, credo risalente all’autunno scorso, e di leggere un articolo in cui veniva intervistato il sindaco Bogani che alla domanda della giornalista se riteneva servissero nuove case nell’area ex Scaltrini il sindaco rispondeva semplicemente con un sì. Non ricordo di avere trovato la motivazione a fronte di una dichiarazione così’ impegnativa e mi sarei aspettato almeno un minimo di argomentazione a riguardo. Io vorrei provare ad esporre la mia opinione, se possibile.

Innanzitutto ci sono diverse palazzine con appartamenti invenduti da diversi anni (tra l’altro tanto più le palazzine sono alte più ci sono appartamenti invenduti); quindi qualche domanda un amministratore se la dovrebbe porre a riguardo sull’opportunità di nuove costruzioni e nel caso la risposta sia affermativa, ma con motivazioni fondate ed accurate, si dovrebbe ripensare la tipologia di case da costruire.
Il passato chiaramente non è cancellabile, ma per lo meno serva da lezione; se la lezione non interessa, non abbiamo speranze e quindi non promettiamo cambiamenti solo per il gusto della promessa.
In passato ho avuto modo di interloquire con persone che dicevano che palazzi alti avrebbero consentito di risparmiare suolo e offrire spazi verdi più ampi, eppure stavamo parlando sempre dello stesso luogo e devo dire che io di praterie verdi non ne ho viste, anzi in zone ad alta intensità di palazzine non corrispondevano grandi spazi verdi, al max dei fazzoletti verdi. E già in passato ricordo di avere sentito che le costruzioni di nuovi appartamenti erano giustificate dalla necessità di dare alloggi a persone in difficoltà economica; quindi sono già state costruite case con finalità popolari.
Se così’ fosse, si potrebbe cominciare ad usare quelle invendute.
Se l’intento cmq è la giustizia sociale penso che sia più utile ed efficace fornire alle persone un’opportunità di lavoro seria piuttosto che offrire una casa a prezzi calmierati che cmq richiederà il pagamento delle rate del mutuo, l’acquisto di mobili, costi notarili, condominiali, la tari, le varie utenze etc etc. Se hanno un lavoro precario, sottopagato o a tempo determinato come potranno affrontare queste spese?
Se Paderno Dugnano si è meritata la fama di essere un paese dormitorio, probabilmente non è così povero di alloggi.

Secondariamente la cittadina conta già quasi 50 mila abitanti e quindi immetterne di nuovi richiede maggiore attenzione, come ad esempio richiede attenzione una questione in cui mi sono imbattuto personalmente proprio recentemente ed è il problema delle sepolture. Quando scade il termine di concessione dei colombari e si vuole mettere il corpo nell’ossario, senza cremazione, che cosa si può fare? A quanto pare nel 90% dei casi il corpo va messo in un campo provvisorio in cui consentire la completa scheletrizzazione, ma il campo si trova solo a Cassina Amata, e quindi molte persone, soprattutto quelle in età avanzata, per ogni visita devono affrontare uno spostamento impegnativo essendo senza auto e trovandosi il cimitero di Cassina Amata in una posizione molto decentrata rispetto a chi abita nelle altre frazioni. Oppure devono optare per la cremazione anche se contraria alla loro sensibilità ed alla loro religione e nonostante non sia stata espressamente richiesta dalla persona deceduta. L’estensione della concessione non risolve il problema, lo rimanda.
Chi è religioso praticante sa cosa questo significa e comporta, chi invece è religioso non praticante o non religioso dovrebbe fare uno sforzo di comprensione. Per questo motivo sono molto scettico verso le candidature o ricandidature di persone che hanno governato questo paese ed hanno lasciato sedimentare questo problema, da una parte hanno semplificato o banalizzato un’operazione oggettivamente impegnativa di accrescimento demografico, come fosse bere un bicchiere d’acqua, dall’altro hanno reso complicato una cosa elementare, qual’ è la sepoltura.
Di fatto il problema esiste, va affrontato e risolto.
Dovrebbe essere normale che vi sia un campo provvisorio in ogni cimitero e non uno solo per quattro.
Se qualcuno è portato a pensare che i morti in quanto morti non sia una questione meritevole di attenzione commette un grave errore, innanzitutto per la mancanza di rispetto verso le persone defunte, secondariamente verso le persone che le vanno a trovare e terzo verso la religione che riguarda quelle persone.
Questo è un esempio elementare delle conseguenze che implica la crescita in numero di abitanti; ve ne sono molti altri, ma vedendo come viene affrontato questo, che è uno dei casi più semplici e prevedibili, non posso essere ottimista sulle altre azioni.
Ovviamente la mia lettera non è semplicemente un’esternazione, ma soprattutto una richiesta di soluzione.
Chi (insieme a chi non lo ha consigliato opportunamente) trova il tempo, per progettare, e lo spazio, per costruire cento o duecento nuove ulteriori abitazioni, ha il dovere di trovare il tempo per una soluzione ed il giusto spazio ai defunti.
Se si ritiene così facile ed immediato insediare nuove abitazioni, allora trovare una soluzione a questo problema sarà un’autentica passeggiata.

Saluti,

Andrea Colombo

P.S. Ho notato che in via C. Battisti è stata effettuata una potatura molto severa degli alberi lungo il viale, quindi a mio avviso veramente eccessiva. Avevo letto in qualche blog una critica verso l’AC corrente secondo la quale trattava gli alberi come un puro oggetto d’arredo, eppure penso che se fosse stato vero, cioè considerare gli alberi alla stregua di arredi, non sarebbe mai avvenuto un intervento così drastico. E’ scappata la mano agli operai, o è stato appositamente voluto?

La Lega e la suora

Saprà la suora che questa fotografia è stata scattata per uso politico? O concorda con le tesi leghiste in nome del noto rosario agitato da Salvini in Piazza Duomo?

Le prossime elezioni saranno per molti versi una partita giocata tra diverse sensibilità del mondo cattolico: oltre ai cattolici che si fidano di Salvini ce ne sono altri praticamente in tutte le formazioni in lizza.

Da credente ritengo che il periodo che precede le elezioni sia l’occasione per un discernimento e per una crescita nella fede e nella coscienza civile. Non ogni scelta è equivalente e alcune sono migliori di altre.

Tra le tante segnalo un’ottima occasione per coniugare fede e impegno politico: la neonata lista civica Persone al centro.

Ehi, ma a #PadernoDugnano la Lega governa da 10 anni!

Se ne sentono di belle ai gazebo. Un signore guarda il manifesto con la mia faccia in primo piano e mi dice: “Quello lì io non lo voto più! Perché il Sindaco mi ha deluso”. Sorpreso, gli dico che quello lì sono io e che non somiglio neanche un po’ ad Alparone, fosse solo per la capigliatura… 🙂

Gli spiego che io in questi cinque anni sono stato all’opposizione e ho voglia di cambiare la situazione. Dunque, se la pensiamo in modo simile… potrebbe votarmi.

Un’altra persona che c’è l’aveva con gli immigrati mi dice che qui ci vuole Salvini… Rispondo che a Paderno Dugnano la Lega governa da 10 anni e, se ha fatto poco, è ora di cambiare.

C’è da ridere (e da piangere).

Così va il mondo…

Mancano 50 giorni al voto e la situazione politica è ancora confusa

E’ incredibile: mancano 50 giorni alle elezioni comunali e ancora il panorama politico locale appare incerto.

Leggendo Il Notiziario, si apprende che Forza Italia ha mollato Ghioni (il candidato di Alparone) per allinearsi – per volontà superiori che poco hanno a che fare con la nostra città – con la Lega di Bogani.

Così Ghioni resta solo, ma già si vocifera di una possibile alleanza a due con una nuova formazione di matrice alparoniana. Sarà vero? Lo scopriremo nei prossimi giorni, perché ormai il tempo è davvero poco: entro il 27 aprile le liste dei candidati, corredate da oltre 200 firme certificate, devono essere consegnate al protocollo del Comune.

Il vecchio Carroccio non esiste più a Paderno Dugnano: vi militano volti e persone che fino all’altro ieri erano fan di Silvio Berlusconi. Il caso più clamoroso è Nunzio Papaleo che, dopo essere stato tenuto al suo posto dal segretario Rodolfo Tagliabue (ingiustamente silurato), adesso ha piena libertà di movimento nel partito che fu di Bossi.

Povero Alberto da Giussano!

Da quel che sento dire in giro sono molti gli elettori leghisti di Paderno Dugnano che non voteranno Lega.

Non gioca a favore della Lega né di Forza Italia il fatto che le cose di Paderno Dugnano vengano decise nelle segreterie provinciali / regionali. Bella politica, vero?

Di Maio ancora non ha scelto, o almeno non lo ha pubblicamente comunicato.

I fuoriusciti di Forza Italia (che non sono in buoni rapporti con Alparone) non possono allearsi con Ghioni, ma neppure con Bogani perché sembrerebbe che nel partito berlusconiano ci siano ancora i due Torraca che non sarebbero graditi. Dunque, situazione fluida.

Il Movimento 5 Stelle, che fino a poco tempo fa sembrava non voler partecipare alle elezioni con la propria lista, nelle ultime settimane si sta muovendo. Anche qui occorre attendere per capire quali saranno le scelte.

Rifondazione Comunista ha presentato giovedì pomeriggio la propria proposta con Cristian Gligora.

Il PD di Ezio Casati si muove in alleanza con la neonata lista civica Paderno Dugnano futura, che sarà presentata oggi pomeriggio (sabato, ore 17) presso il Comitato elettorale di via Roma 58.

Infine, le notizie migliori dal mio punto di vista.

La lista civica Insieme per cambiare (coccinella) continua a farsi conoscere attraverso una discreta vivacità su Facebook, Instagram, Twitter e, soprattutto, attraverso l’animazione di gazebo in strada. In occasione della Fiera di Primavera diffonderà un volantino con le prime proposte programmatiche.

Al fianco di Insieme per cambiare sono state presentate in settimane le due liste alleate: Sinistra per Paderno Dugnano (di Marco Coloretti) e Persone al centro (area cattolica e non solo). Quest’ultima formazione è stata presentata oggi da due nomi nuovi, che hanno mostrato la straordinaria freschezza e la determinazione del gruppo: Anna Maria Nava e Franco Rainoldi.

Il cammino verso le elezioni è breve, eppure ancora piuttosto lungo…

Se avete altre informazioni o gossip, contattatemi. Garantisco discrezione 😉

* * *

Registro infine un cambio di assetto tra le forze di opposizione in Consiglio Comunale: da ieri il consigliere Marco Coloretti (ex PD, poi indipendente avendo scelto di passare a LeU) e la consigliera Rita Tomaselli (ex M5S, poi Noi x Paderno Dugnano) hanno deciso di costituire il gruppo consiliare Sinistra per Paderno Dugnano. La scelta consente una maggiore libertà di azione in campagna elettorale nei rapporti tra la forza politica e gli uffici comunali.

Campagna elettorale, oltre il circo

La campagna elettorale sta entrando nel vivo e, con ciò, la visibilità delle questioni si riduce per effetto delle manovre messe in atto per raccogliere il consenso.

Partiti e personaggi politici che negli ultimi anni sono stati spesso assenti si rivedono adesso per le strade padernesi con i loro gazebo.

Insieme per cambiare è la sola forza politica che negli ultimi cinque anni è rimasta costantemente attiva, sia in Consiglio Comunale, sia per le vie della città. Difficile negarlo.

Le forze di maggioranza, che sembrano marciare divise verso il voto, dovrebbero spiegare che cosa hanno fatto in 10 anni di governo. I cittadini sono curiosi di sentire le ragioni per cui dovrebbero ancora dare loro il voto.

Si attendono, intanto, gli sviluppi della vicenda di Forza Italia: il partito azzurro continuerà ad appoggiare la candidatura di Ghioni (come vuole Alparone) oppure, per effetto di decisioni dei livelli superiori, si sposterà sul candidato Bogani in nome dell’unità del centrodestra? Si vocifera addirittura di un possibile ostracismo nei confronti di alcuni esponenti responsabili di aver generato rotture… Vedremo.

Lasciamo da parte queste considerazioni che, tutto sommato, fanno parte del folklore di questa sorprendente campagna elettorale e restiamo concentrati sui bisogni della nostra città: che cosa è stato fatto e che cosa invece non è stato realizzato dei programmi del centrodestra? quali sono i bisogni primari di Paderno Dugnano? qual è il gruppo politico che ha la squadra migliore per garantire una Amministrazione seria e innovativa?

Forza Italia & Alparone: che cosa succederà ora?

Il primo a dire qualcosa di diverso rispetto a quanto stava accadendo nella nostra città è stato il Cavaliere: Berlusconi contro Alparone: come la mettiamo con Paderno Dugnano cresce?

La lettera del fondatore di Forza Italia non è stata accolta a Paderno Dugnano come un’indicazione da seguire, ma come un’opinione non vincolante.

Così, Alparone ha continuato a costruire le sue creature “Paderno Dugnano Cresce” e “Cormano Cresce”.

Quest’opera (finalizzata evidentemente a creare un bacino di consenso personale, non al servizio del partito) non è piaciuta a qualcuno.

Si è aggiunta poi la crisi con la Lega.

Ettore Fusco (il commissario inviato nella nostra città da Via Bellerio per riportare la pace dopo il colpo di mano tentato da Alparone sul Carroccio) è un leghista col forcone che parla chiaro e digrigna i denti. Sul Notiziario di venerdì ha dichiarato: “Ai giochini di Marco Alparone non ci stiamo. Facciamo un passo avanti a loro e ai loro interessi personali e a quello che non riguarda i cittadini. Per 9 anni, qui c’è chi ha portato avanti solo la sua immagine”.

Sufficientemente chiaro?

Direi di sì, visto che nella giornata di sabato si sono viste le prime ripercussioni in provincia di Milano. Affari Italiani le ha riassunte così:
Lega-Fi, lite in tre comuni. Effetto domino da Paderno

Adesso Mariastella Gelmini è al lavoro per mediare e ricucire. Deve trovare il bandolo della matassa: l’esito non è affatto scontato.

A Paderno Dugnano sono possibili più scenari: 1) tutto resta così com’è con Forza Italia che sostiene Alberto Ghioni e Paderno Dugnano Cresce; 2) per ragioni di equilibri provinciali/regionali tra Lega e Forza Italia quest’ultima potrebbe essere costretta a mollare il sostegno a Ghioni per confluire sul candidato Bogani (in questo caso Alparone resterebbe con Forza Italia o sceglierebbe di uscirne per continuare a fare il patron del suo partitino locale?); 3) potrebbe anche verificarsi un colpo di scena: Gelmini potrebbe decidersi per un drastico repulisti: far fuori, cioè, la dirigenza locale di Forza Italia per ricostruire il partito con altri nomi.

Stay tuned: la vicenda riserva possibili sorprese.

Una città di 50mila abitanti deve avere i servizi sanitari sul proprio territorio

Sulla situazione di Palazzo Sanità (via Due Giugno) bisogna parlare chiaro:

1) La struttura versa in uno stato di degrado inaccettabile.

2) A Paderno Dugnano la Giunta Alparone-Bogani ha governato per 10 anni e in questo lungo periodo non ha fatto niente per risolvere il problema.

3) Lo sportello di scelta e revoca del medico ha ridotto i tempi di apertura al pubblico con conseguenti file, disservizi e malumori.

4) In una città di quasi 50mila abitanti l’Amministrazione Comunale non ha fatto abbastanza per garantire ai cittadini un servizio sanitario efficiente e accessibile.

È ora di cambiare!