La Giunta

Sto tornando a casa dopo una giornata intensa tra impegni scolastici (esami di terza media), corsa alle 14 a Paderno Dugnano per firmare l’accettazione delle deleghe con gli altri assessori, poi di nuovo esami e ora in gran fretta dall’arcivescovo a Cinisello

Sul Notiziario si può leggere il quadro degli assessorati: Paderno, i nuovi assessori e la giunta nominati dal sindaco Ezio Casati

Vedi anche sul sito del Comune.

Comincia un nuovo percorso e avrò bisogno dell’impegno di tutti. Grazie!

AT3 S2: un “controsenso”…

Il capannone di cemento in costruzione davanti alla chiesetta del Pilastrello è una scelta insensata da vari punti di vista. Una delle scelte sbagliate dell’Amministrazione Alparone-Bogani!

Legambiente Circolo Grugnotorto - Paderno Dugnano

Il Piano di Governo del Territorio vigente del nostro Comune definisce come Ambito di Trasformazione n.3 il recupero dell’area dismessa ex Metalli Preziosi, come indicato nella figura seguente. Il “buonsenso” immagina che un progetto di trasformazione di questo ambito preveda la demolizione della struttura fatiscente, la bonifica dei terreni, il riciclaggio dei materiali demoliti e la ricostruzione di una nuova struttura produttiva che riduca l’impatto ambientale e aumenti in modo consistente il suolo libero.

AT3 S2

Pochi mesi dopo l’approvazione del PGT (2014) viene adottata dall’Amministrazione Comunale una proposta di Piano attuativo che prevede la suddivisione dell’AT3 in due sub ambiti :

AT3 S1 : riguarda l’area industriale dismessa

AT3 S2 : prevede la realizzazione di un nuovo capannone industriale sul suolo libero del comparto AT3 che confina con il muraglione della Rho-Monza e la struttura fatiscente della ex Metalli Preziosi, come indicato nel seguente disegno:

1di2

I lavori per la realizzazione di…

View original post 118 altre parole

PREMIO SPECIALE A INFRASTRUTTURA VERDE ALLA TRIENNALE DI MILANO 2019

Un premio prestigioso e meritatissimo!

Infrastruttura verde

Giornata conclusiva oggi di CITY-BRAND & TOURISM LANDSCAPE alla Triennale di Milano, il convegno internazionale che ha posto l’accento sulle importanti funzioni di interesse generale che il paesaggio svolge oggi sul piano culturale, ecologico e ambientale e come esso rappresenti l’innesco virtuoso di un processo trasformativo che, nel rispetto della biodiversità e dell’identità dei luoghi offre alla società contemporanea un formidabile motore di sviluppo.

Si respirava aria fresca oggi nel Salone d’onore della Triennale e non era il fresco dell’impianto di condizionamento. Sarebbe un luogo, questo ed altri di questa natura, che andrebbero frequentati più spesso dagli amministratori pubblici delle nostre città.

Il progetto integrativo di mitigazioni ambientali INFRASTRUTTURA VERDE  connesso alla realizzazione dell’autostrada conosciuta come Rho Monza, fortemente voluto dai cittadini del CCIRM, ha ricevuto oggi, alla conclusione dei lavori, il premio speciale CITY LANDSCAPE nella sezione “Riqualificazione paesaggistica dei territori di frangia”.

Un altro riconoscimento della qualità, della…

View original post 56 altre parole

Don Giampiero, il ricordo di Efrem Maestri

Efrem Maestri, già consigliere comunale PD e vicepresidente del Consiglio Comunale, ricorda così su Facebook don Giampiero Borsani:

Quando scrivevo per un giornale locale, Città 2000, conobbi un simpatico sacerdote di origini bustesi di cui tanti, anche non della sua parrocchia, parlavano strabene.

Lui era una sorta di “mito” e mi ha sempre colpito il fatto che anche i non credenti parlassero bene di lui: “non è un parroco di sacrestia! Quello è uno vicino alle persone, ai poveri, ai lavoratori. Ha costruito un quartiere anche con noi”.

Alcuni credenti mi dicevano “fa le prediche corte, forse troppo corte. Ma scalda il cuore: io con lui capisco cosa dice il Vangelo, con altri no”.

Quel simpatico prete arrivato nei primi anni ’60 come semplice coadiutore del parroco di Paderno – “mi mandò qui il cardinal Montini. Tu sai chi era il cardinal Montini?”, mi disse – che si occupava della zona di Calderara è divenuto il primo parroco di Calderara (e si può dire anche l’ultimo: ora ci sono le comunità pastorali che al don Giampiero non è che piacessero molto).

Parlando con lui, che mi raccontò di come nacque dal niente la parrocchia, l’oratorio e l’Acli, capii il senso delle parole “ha costruito un quartiere anche con noi”, inteso come la realizzazione un senso di appartenenza ad una comunità, quella di Calderara.

Dal Comune di Paderno Dugnano, infatti, ricevette due Calderine (l’onorificenza assegnata a coloro che si distinguono per spirito di servizio a favore della comunità): una d’argento e una d’oro.

Mancherà a tanti, anche ai non calderaresi. Ciao don Giampiero!

RIAPRE LA CHIESETTA DEL PILASTRELLO

Segnalo volentieri.

Legambiente Circolo Grugnotorto - Paderno Dugnano

L’Associazione della Compagnia del Pilastrello ha programmato l’apertura della Chiesetta  il prossimo 23 giugno con il programma illustrato nel volantino allegato.

Per la circostanza i volontari del Circolo Grugnotorto Legambiente contribuiranno, come altre volte in  passato, alla pulizia dello spazio verde in cui la Chiesetta è inserita.

View original post

Sorpreso da tanto affetto: grazie a voi!

È trascorsa la prima settimana dopo il ballottaggio che a Paderno Dugnano ha liquidato il centrodestra e aperto le porte del Comune all’alleanza larga di Ezio Casati (che è più ampia del centrosinistra).

In questi giorni ho ricevuto moltissime attestazioni di stima, che mi hanno sinceramente colpito.

Mi hanno ringraziato con particolare calore e affetto i molti che fanno capo alle tre liste Insieme per cambiare, Persone al centro e Sinistra per Paderno Dugnano. Questa cosa mi ha sorpreso perché ha superato di gran lunga le mie aspettative.

Non mi considero particolarmente dotato di qualità meritevoli di tanto affetto, anzi ritengo di trovarmi io nella condizione di dover ringraziare tutti quelli (e sono moltissimi!) che in questi ultimi mesi hanno voluto, sostenuto e accompagnato la mia candidatura.

Devo dirvi GRAZIE perché siete straordinari!!! Un gruppo come il nostro è speciale! ❤️

E grazie anche ai molti cittadini che incontro per la strada e che si avvicinano per complimentarsi, aggiungendo commenti e considerazioni che fanno piacere.

Dai prossimi giorni comincia un percorso nuovo per la città.

Ultimo giorno di campagna elettorale

Ieri sera comizio in Piazza della Meridiana (di cui riporto il video).

E oggi ultimo venerdì prima del turno di ballottaggio: a mezzanotte scatterà infatti il silenzio elettorale e domenica dalle ore 7 alle 23) i cittadini di Paderno Dugnano sceglieranno il Sindaco.

In queste ore gli incerti decideranno da che parte stare.

E’ un momento molto importante, perché da questa scelta dipendono i prossimi cinque anni della vita della nostra città.

Non credo nella personalizzazione della politica: Casati e Bogani sono solo i volti di due squadre che si propongono per governare. Bisogna guardare oltre la schiuma della campagna elettorale per concentrarsi sui contenuti.

Basta lamentarsi su Facebook: vota Casati per rilanciare Paderno Dugnano.

INUTILE CERCARE SCUSE !

Una precisazione di Legambiente.

Legambiente Circolo Grugnotorto - Paderno Dugnano

A proposito della rinuncia di Bogani a partecipare ai confronti pubblici, abbiamo letto nei giorni scorsi alcune affermazioni che ci coinvolgono e che non possiamo ignorare.

Dopo aver avuto l’autorizzazione all’utilizzo della Sala Consiliare e la conferma della disponibilità del moderatore per la data del 8 maggio, Legambiente Paderno Dugnano invia il 28/3 un invito ai cinque candidati a sindaco, in quel momento conosciuti.

Casati, Giuranna e Gligora aderiscono prontamente. Bogani e Ghioni tacciono.

Lo scenario politico Padernese evolve con un’altra candidatura, quella di Simona Arosio, che appena diventa ufficiale, il 19/4 viene invitata anch’essa all’incontro pubblico. Invito accettato. Bogani e Ghioni tacciono ancora.

Dopo oltre un mese dall’invito, tre giorni prima dell’incontro, Bogani ci comunica “non sarò presente all’incontro da voi organizzato in quanto ho altri impegni legati alla campagna elettorale”. Il 7 maggio per “il Cittadino” è libero ed invece l’8 per Legambiente è occupato. Siamo stati sfortunati.

View original post 337 altre parole