Riunione di Medicina Democratica

MEDICINA DEMOCRATICA Nord Milano invita tutti alla riunione che si terrà il giorno 19 ottobre alle 21 presso la sede di Punto Rosso in via Italia 13 a Paderno Dugnano (sotterraneo scuola media Allende).

All’ordine del giorno i seguenti argomenti: Valutazione andamento su “delibera sui malati cronici della regione Lombardia”, Situazione impianti inquinanti Nord Milano, Pubblicizzazione strumenti esistenti ed iniziative di MD (Forum Newsletter, Convegni, Rivista), Eventuale apertura su FB pagina Medicina Democratica Nord Milano, Iscrizioni e rinnovo cariche sociali, Varie ed eventuali.

Più importante la salute: Aiea e Medicina Democratica contro i cartelli in dialetto voluti dalla Lega

Giovedì ho ricevuto da Aiea Paderno Dugnano e Medicina Democratica il seguente comunicato stampa:

LA LEGA SI OCCUPA DELLA LINGUA… NON DELLA SALUTE DEI CITTADINI!

In Regione Lombardia la Lega da sempre vuole il Bilinguismo.
Nel 2016, una legge per la “tutela della lingua lombarda”, che rientra “tra quelle a rischio d’estinzione”, presentata dalla Lega fu approvata in Consiglio Regionale. Il progetto aveva come scopo la “promozione, tutela e conservazione della lingua lombarda e di tutte le sue varianti. Obiettivo del provvedimento è introdurre, nei fatti, una sorta di bilinguismo in Lombardia, con l’utilizzo del dialetto lombardo nelle istituzioni e tra i cittadini. Di qui, l’introduzione della “lingua lombarda” nei cartelli stradali e nella toponomastica.
Per tutelare i dialetti locali, i leghisti volevano anche che la Regione tutelasse e promuovesse il lavoro di chi si occupa di studiarli e di tramandarli, prevedendo l’istituzione di un apposito elenco di ricercatori e di associazioni, oltre a un ‘Osservatorio regionale per la lingua lombarda’, da finanziare con 300.000 euro.
Anche nel Testo Unico della Cultura approvato dal consiglio di regione Lombardia, sono inclusi alcuni articoli che si occupano della salvaguardia delle lingue lombarde, in tutte le sue varianti. Non solo il milanese, quindi, ma anche il bergamasco, il bresciano, il mantovano, e la lingua di Bondeno. La lingua lombarda, infatti, ha una sola forma grammaticale comune, molto diversa dall’italiano, ma si suddivide in tante varianti.
Anche a Paderno Dugnano i leghisti locali non sono da meno.
Cartelli stradali in dialetto anche a Paderno Dugnano. Così Paderno diventa Paderna, Dugnano invece Dugnan. E Palazzolo si leggerà Parazzoeu. L’obiettivo secondo l’Amministrazione comunale è finalizzata alla “migliore identificazione dei contesti di quartiere volti alla riscoperta delle tradizioni locali”. Forse per non far capire ai non locali e agli immigrati dove si trovano?
I primi cartelli sono già visibili nelle piazze e lungo le strade padernesi. Il costo dell’operazione supera i 15 mila euro: per metà sostenuti da privati in base a una convenzione in essere, il restante lo mette il Comune. In totale saranno installati 14 cartelli stradali nei punti individuati dal Comune che saranno dotati anche di foto d’epoca.
Cosa chiediamo?
Invece di buttare soldi in orpelli, per noi inutili, tipo la “segnaletica bilingue” i comuni dovrebbe utilizzarli invece per azioni di prevenzione e difesa della salute dei cittadini. Come Associazioni AIEA e MEDICINA DEMOCRATICA del Nord Milano abbiamo da tempo protocollato al Comune di Paderno Dugnano un documento con specifiche richieste in questo senso. (Di cui alleghiamo copia)
Non siamo stati neanche degnati di una minima risposta.
La bonifica dei siti contenenti amianto, gli scarichi abusivi nel torrente Seveso da eliminare, il controllo delle aziende inquinanti e a rischio, uno studio epidemiologico sullo stato di salute dei cittadini che abitano contigui alle grandi infrastrutture viabilistiche non sono interventi degni di considerazione? Per l’Amministrazione Padernese parrebbe di no.

ASSOCIAZIONE ITALIANA ESPOSTI AMIANTO
MEDICINA DEMOCRATICA
di Paderno Dugnano

Per quanto mi riguarda ribadisco: LEGA SPRECONA, Paderno non perdona

Proposta radicale: coltivare marijuana per malati a Paderno

Ricevo da Gianni Rubagotti, segretario del’associazione per l’iniziativa radicale Myriam Cazzavillan, il seguente comunicato stampa:

Marijuana per i malati: coltiviamola a Paderno Dugnano

Ora che la Regione ha deciso di fornire gratuitamente la cannabis terapeutica ai malati è urgente che venga prodotta anche nei nostri territori: infatti quella prodotta allo stabilimento militare di Firenze è insufficiente e la carenza di questo farmaco sul mercato è da tempo un problema grave. Chiedo allora al Vicesindaco Bogani di attivarsi presso il governo per autorizzare nel nostro comune la sua coltivazione, creando posti di lavoro non solo nella cura delle piante ma anche nella filiera di inscatolamento e trattamento (Coldiretti valuta in 10000 i posti che si potrebbero creare) e spero che qualcuno voglia portare la questione in Consiglio Comunale, altrimenti bisognerà attendere qualche altra firma sulla petizione su cui le sto raccogliendo.
Mi riferisco alla Deliberazione della Regione Lombardia N° XI / 491 del 02/08/2018 con cui viene dato il via libera alla somministrazione dei farmaci a base di cannabis, oli, capsule o cartine, sia negli ospedali sia a domicilio in forma gratuita: le cure saranno a carico del sistema sanitario regionale.
Questa delibera è il risultato anche di una proposta di legge di iniziativa popolare regionale su cui anche la Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan” aveva dato un contributo in raccolta firme insieme ad altre forze politiche.
Tra le patologie curabili con la cannabis terapeutica ci sono:
– controllo di nausea, vomito, appetito nei pazienti sottoposti a chemioterapia.
– controllo del dolore cronico.
– il controllo degli spasmi muscolari nelle persone affette da sclerosi multipla.
Ovviamente se invece di comprare il medicinale dall’estero a costi altissimi la coltivassimo noi ci costerebbe di meno e creeremmo lavoro in un territorio che era leader nella produzione della canapa.
Ricordo inoltre che la Torretta di Incirano era parte di una azienda di produzione di funi in canapa che forniva anche di bandiere la Marina Reale.
La ministra Giulia Grillo a fine luglio ha lanciato l’allarme per la mancanza di cannabis, dichiarando che si sarebbe impegnata per farla tornare nelle farmacie.
Paderno Dugnano ha sicuramente aziende che hanno le competenze per attuare una coltivazione protetta come quella in questione e quindi perché non chiedere al governo di autorizzarla anche da noi?
Coldiretti già nel 2014 in un rapporto presentato a Cernobbio stimava in 10.000 i posti di lavoro che poteva creare della filiera della canapa terapeutica: ce li vogliamo lasciar sfuggire?

L’Associazione per l’Iniziativa Radicale ‘Myriam Cazzavillan’ è la associazione che nel 2017 si è presa carico della promozione delle attività del Partito Radicale a Milano e in altre zone della Lombardia contribuendo al raggiungimento delle 3000 iscrizioni lo stesso anno.

Web: iniziativaradicale.wordpress.com
Twitter: @AirCazzavillan
Facebook: Associazione per l’Iniziativa Radicale “Myriam Cazzavillan”

PD Cormano: avanti in solitudine

A Cormano l’Amministrazione Comunale di centrosinistra, guidata dal Sindaco Tatiana Cocca, appare in affanno.

L’appuntamento con le urne è fissato, come per Paderno Dugnano, nella primavera 2019, ma la situazione è instabile…

Il Giorno (15 aprile): Cormano, il Pd resta solo alla guida della città. In Consiglio i partiti di sinistra all’opposizione: il rapporto è logoro

NordMilano24.it (14 aprile): Cormano, il sindaco Cocca resta solo. I partiti di sinistra ritirano l’appoggio alla giunta