Consiglio Comunale: Caniato (PD) fa una domanda scomoda, l’Amministrazione per ora non risponde

Il Consiglio Comunale è stato convocato per giovedì 27 settembre (lo stesso giorno in cui si svolgerà l’assemblea pubblica sul ricorso RE3 – Salviamo i parchi).

E’ degna della massima attenzione l’interrogazione presentata da Antonella Caniato (capogruppo PD) con oggetto “Applicazione codice degli appalti D. Lgs 50/2016 art. 36 comma 1”.

L’Amministrazione Comunale per ora non risponde, perché è in corso un procedimento interno di verifica.

Leggi il testo dell’interrogazione e la risposta interlocutoria del Vicesindaco Bogani (facente funzioni di Sindaco) sul sito del Comune tra i documenti in discussione.

Controllo di vicinato: ecco il protocollo della Prefettura firmato (in ritardo) da Paderno

Il 17 settembre anche il Comune di Paderno Dugnano, con altri sei sindaci, ha firmato il protocollo sul controllo di vicinato come si legge anche sul sito della Prefettura.

Protocollo d’Intesa ”Progetto Controllo del Vicinato”

Altri sette Comuni del territorio metropolitano hanno aderito al Protocollo d’Intesa “Progetto Controllo del Vicinato” che disciplina le attività del controllo di vicinato e stabilisce le modalità di azione, nel rispetto dei principi e delle disposizioni normative.
Oggi pomeriggio, in Prefettura, i Sindaci dei Comuni di Gorgonzola, Magnago, Mediglia, Paderno Dugnano, Pozzo d’Adda, San Donato Milanese e San Giuliano Milanese hanno firmato l’Accordo che valorizza la collaborazione con i cittadini che, in qualità di sentinelle della legalità potranno contribuire all’innalzamento degli standard di sicurezza della propria comunità segnalando alle forze di Polizia statali e locali ogni informazione ritenuta utile.

Il documento era stato sottoscritto inizialmente il 12 luglio scorso dai seguenti Comuni: ARESE, ASSAGO, BRESSO, BUCCINASCO, BUSSERO, BUSTO GAROLFO, CAMBIAGO, CANEGRATE, CARPIANO, CASSANO D’ADDA, CASSINA DE’ PECCHI, CASTANO PRIMO, CERNUSCO SUL NAVIGLIO, CERRO AL LAMBRO, CERRO MAGGIORE, CINISELLO BALSAMO, COLOGNO MONZESE, CORSICO, CUSAGO, LACCHIARELLA, LAINATE, LEGNANO, MAGENTA, NERVIANO, PARABIAGO, PAULLO, PIOLTELLO, POGLIANO MILANESE, PREGNANA MILANESE, RODANO, ROSATE, ROZZANO, SAN COLOMBANO AL LAMBRO, SAN VITTORE OLONA, SENAGO, SESTO SAN GIOVANNI, TREZZANO SUL NAVIGLIO, VANZAGHELLO, VAPRIO D’ADDA, VERMEZZO, VILLA CORTESE.

Paderno Dugnano, nonostante l’ordine del giorno votato dal Consiglio Comunale il 4 aprile 2017, è arrivata in ritardo… Si tratta comunque di unìadesione importante.

Leggi il testo del protocollo sul controllo di vicinato.

La politica rinasce dalla città: la proposta delle Acli a Trieste

E’ in corso di svolgimento a Trieste il 51° Incontro nazionale di studio delle Acli sul tema “Animare la città”. Puoi seguire lo streaming degli interventi o consultare articoli, video e documentazione sul sito web delle Acli.

Mi piace riprendere dall’agenzia SIR alcune parole pronunciate dal presidente nazionale Roberto Rossini:

“Occorrerà tornare a formarsi per leggere la realtà e saperci stare dentro. Sarà necessario che ci si riappassioni al fare politica, non a quella partitica – ché dobbiamo sempre riaffermare la nostra libertà attraverso l’autonomia – ma ad un fare politica attento ai temi e ai bisogni, alla classe dirigente che possiamo promuovere, alla conoscenza dei difficili meccanismi che regolano il consenso e la decisione democratica. […] Di qui formare delle ‘cellule politiche’ in ogni città: piccoli gruppi di impegno politico che ci aiutano a capire cosa succede in città. Come Chiesa viva, come Chiesa di popolo, non possiamo contribuire a costruire una città fondata sul rancore. La nostra è una città umana, aperta, dove convivono e trovano un senso la gioia con la sofferenza, la pace nel conflitto, la speranza nel disorientamento. Una città dove abbiamo un compito, una missione da costruire con altri”.

LGBT: se ne parla in Comune con tre associazioni impegnate per i diritti

Oggi alle ore 18,30 in Sala Giunta la Commissione Servizi effettuerà l’audizione di tre associazioni impegnate sul versante dell’inclusività LGBT.

La seduta è aperta a tutti: vedi programma.

Sarà un’occasione per approfondire un tema che suscita ancora imbarazzi, risatine, discriminazione, violenza…

Se il portone è chiuso, suonare il campanello.

7 settembre Commissione Servizi: Sportello LGBT ed elezione nuovo Vicepresidente

La vita politica padernese riprenderà ufficialmente venerdì 7 settembre (ore 18,30-20) con la convocazione della Commissione Servizi, che non si riunisce da moltissimo tempo.

Dopo aver approvato il verbale della seduta del 14 settembre 2017 (!) e dopo aver eletto il nuovo Vicepresidente al posto della dimissionaria Elisabetta Russo, la Commissione discuterà – su proposta della consigliera Rita Tomaselli – di Sportello LGBT con audizione di tre associazioni del settore.

Di seguito l’ordine del giorno:

Faccio notare che ad oggi la Commissione Servizi non si è ancora incontrata per esaminare il Piano del Diritto allo Studio. Si prevede pertanto un’altra seduta prossimamente.

La tentazione di credere che bisogna distruggere l’Europa per cambiarla

Dopo l’incontro tra Salvini e Orban il disegno appare più chiaro.

Lo ha riassunto ieri su Affari Italiani in modo comprensibile il filosofo filogovernativo Diego Fusaro:

Salvini e Orban riusciranno a cambiare l’Europa?
“Io spero che più che cambiarla, questa Unione europea, la facciano crollare e da lì poi si riparta per un’Europa unita, vera, di popoli affratellati, democratici, solidali e, aggiungo, socialisti. Il contrario dell’Unione europea bancocratica e turbocapitalistica oggi imperante”.

Molti purtroppo pensano che le “picconate” di Salvini e Orban porteranno ad un miglioramento del funzionamento delle istituzioni europee.

Imperdonabile ingenuità: distruggere è facile, ricostruire è molto più difficile, per non dire impossibile.

Mandare l’Europa a gambe all’aria è pericolosissimo.

 

La “svolta storica” voluta da Salvini-Orban è un cambiamento in peggio

E’ un pericolo quello che si profila all’orizzonte, non un passo in avanti.

L’incontro politico tra Salvini e Orban svoltosi oggi pomeriggio in Prefettura a Milano mira alla distruzione dell’Europa, non al suo cambiamento in meglio.

Contro questa prospettiva è di grande significato il presidio (partecipatissimo) in Piazza San Babila.

#EuropaSenzaMuri