Per Flavio stasera rosario in diretta facebook, domani messa di Padre Giulio

Da ieri, come tanti, mi sento svuotato, anche fisicamente a terra.

La morte di Flavio Mariani è una cosa troppo grossa, perché inattesa e assolutamente imprevedibile. Il tempo passa al rallentatore e la mente continua a girare intorno ai ricordi di lui, che affiorano numerosi; e poi il pensiero va alla moglie Paola e alle figlie Beatrice e Claudia…

Per chi crede (e Flavio ha sempre partecipato attivamente all’eucaristia e alla vita della comunità cristiana) la preghiera è un modo concreto di ritrovare la comunione oltre lo strappo della morte.

Per questo segnalo due appuntamenti: stasera alle ore 21 il rosario via Facebook dalla parrocchia di Palazzolo, guidato da don Simone e dal parroco don Paolo; e domani alle ore 10 – sempre in diretta Facebook – la celebrazione dell’eucaristia presieduta da Padre Giulio Michelini, palazzolese e grande amico di Flavio.

Tonino Govoni ci ha lasciato: lo ricorderemo come merita

La scomparsa di Tonino Govoni, avvenuta nei giorni dell’emergenza coronavirus, ha impedito per ragioni di sicurezza il doveroso saluto e la commemorazione che la persona merita.

In un intenso colloquio telefonico ho espresso al figlio Mirko le condoglianze dell’Amministrazione Comunale: ricorderemo Tonino appena possibile, ritrovandoci insieme e facendo memoria di ciò che ha rappresentato per la nostra città.

Tra i molti messaggi di cordoglio e ricordo ne riprendo qualcuno.

Segnalo la breve comunicazione apparsa sul sito di Sinistra per Paderno Dugnano: Tonino Govoni ci ha lasciato

Diego Spinello (Europa Verde / Insieme per cambiare) ha scritto per lui questo messaggio:

Saluto l’amico Tonino. Un uomo veramente per bene.

Domani ci sarà il funerale di Tonino Govoni (in forma privata a causa delle disposizioni di contrasto al coronavirus).
Siamo diventati amici nel 1985 partecipando, da consiglieri, alle riunioni del Consiglio Comunale, nonostante si fosse in gruppi politici diversi. Amici anche se lui orgogliosamente comunista ed io orgogliosamente demoproletario. Il suo attaccamento al PCI è continuato anche dopo lo scioglimento del 1991 continuando ostinatamente a partecipare alle manifestazioni pubbliche con la bandiera del suo vecchio partito, mostrando così il suo convincimento a mantenere quei valori che sono stati di riferimento nella sua vita.
Instancabilmente impegnato nel sociale, è stato fino alla fine un riferimento per il Centro Sociale Amicizia e Solidarietà ARCI di Palazzolo Milanese.
Grazie per l’amicizia. Ciao Tonino, buon riposo.

Diego Spinello

Il Partito Democratico padernese lo ha ricordato così su facebook:

Ciao Tonino!

Nato il 1°maggio 1932 e non poteva essere diversamente ”per un comunista come me”, frase che soleva dire con orgoglio il nostro amico e Compagno Tonino Govoni che ci ha lasciato questa notte.

Presidente del quartiere di Palazzolo Milanese dal 1978 al 1980 e consigliere comunale del PCI di Paderno Dugnano dal 1980 al 1995, ricoprendo anche il ruolo di Capogruppo.

Sempre con e per la gente della nostra città dove aveva deciso di stabilirsi e impegnarsi attivamente, non solo in politica, ma presso l’ARCI di Palazzolo Milanese, la sua seconda famiglia, che ha amato quasi quanto la prima.

Ricorderemo sempre la sua voglia di aiutare i suoi anziani e la generosità nel lasciare spazio anche ai più giovani.
In città numerosissime sono le persone che lo porteranno nel loro cuore, tra queste Sandra che con dolcezza scrive:

“E’ difficile trovare le parole per esprimere un pensiero. Per me e la mia famiglia, oltre che un amico, era come un fratello. Ho il ricordo di un Compagno sempre in prima linea, affettuoso e con un grande sorriso per tutti”.

Efrem che scrive un personalissimo ricordo e ci chiede su richiesta di molti padernesi di ricordarlo in un evento in prossimità del suo amato 25 aprile.

Giorgio che commosso scrive: “che la terra ti sia lieve, caro compagno”.

Sergio ricorda che quando aveva bisogno di parlargli, se non lo trovavi a casa era sicuramente all’ARCI.

Daniela ne sintetizza lo spirito con un laconico: “Bella ciao Tonino”.

Potremmo andare avanti ancora per ore a parlarvi del nostro caro amico, perché la sua era una presenza costante, concreta e sincera che si rifaceva ai valori e ai principi della nostra democrazia.
Ora ti salutiamo mentre tu sulla bicicletta pedali tra Paderno Dugnano e la tua Ferrara.

Con rispetto ed affetto tutto il nostro gruppo si stringe in un caloroso abbraccio ai figli Mirco e Maurizio Govoni e ai parenti tutti.

PD Paderno Dugnano

L’ex vicepresidente del Consiglio Comunale Efrem Maestri (PD) ha ritratto in modo vivido una relazione di amicizia politica e stima reciproca:

Quando lo incontravo mi salutava con un “ciao compagnino!” (e ovviamente col pugno chiuso). E quando gli dicevo “ma tu sai che son figlio e nipote di democristi?!?” lui mi rispondeva sempre dicendomi «ma tu sei un democristo di quelli che va bene!».

Un’Istituzione di e per Palazzolo Milanese: fu il primo Presidente del Quartiere dal ’78 all’ ’80, e successivamente per i primi anni del periodo ’95-’99. E come non ricordarlo alla guida dell’Arci di Palazzolo.

Un’istituzione anche per Paderno Dugnano: fu consigliere comunale dal ’80 al ’95 (capogruppo del PCI).

Rispettato e salutato da tutti, anche da chi non la pensava come lui. Un bell’esempio di uomo umile al servizio della politica e della comunità.

Alle celebrazioni del 25 aprile e del 2 giugno portava sempre la bandiera del vecchio PCI. Una volta per stuzzicarlo gli chiesi: “Tonino, ma come mai sei stato comunista e lo sei tutt’ora?!?”. La risposta fu “uno come me, nato il 1° maggio, per forza dev’essere comunista!».

Ciao compagno Govoni, che la terra ti sia lieve!

Efrem Maestri

I nostri valori

Il sovranismo non può rappresentare la difesa dei “nostri valori” tradizionali. Può certamente essere espressione di un disagio diffuso, di una reattività sociale e in certo senso culturale, ma non può aspirare a nulla di più.

I “nostri valori” sono altro rispetto all’egoismo becero.

Il primo valore che vogliamo difendere è il rispetto (dal latino respicio: vedo, mi accorgo di te, ti riconosco… Unicuique suum: riconoscere a ciascuno il suo).

I nostri valori affondano le radici nel pensiero greco, nel diritto romano, nell’incontro fecondo con la tradizione ebraico-cristiana, negli sviluppi del pensiero critico della modernità fino alla sintesi novecentesca della nostra Costituzione…

Come può il sovranismo – grezzo e brutale (anche se talora travestito da gentiluomo) – recitare la parte dell’avvocato difensore dei “nostri valori”?

Respinto Salvini, stop al sovranismo!

😍👍🤩✌️💓

La strategia di Salvini è stata sconfitta in Emilia Romagna, dove il capitano aveva forzato la mano trasformando le elezioni regionali in una sorta di referendum su di sé.

In Calabria, come da previsioni, vince il centrodestra vecchia maniera (Berlusconi esulta per la ritrovata centralità di Forza Italia).

Grazie alle sardine, grazie alla straordinaria partecipazione dei cittadini al voto… il leader leghista è costretto ad accontentarsi che ci sia stata partita.

La realtà è un’altra: la Lega sovranista ha preso una batosta.

Otto mesi fa anche a Paderno Dugnano la Lega (superfavorita) ha perso, nonostante due passaggi sul territorio del capo carismatico.

W la democrazia!

Revisione del bonus libri: perché è giusto così

Anche sull’ultimo numero della Calderina va avanti la polemica dell’opposizione nei confronti della scelta della nuova Amministrazione Comunale di rivedere i criteri di assegnazione del bonus libri (precedentemente era dato indistintamente).

A tutti fa piacere ricevere un sostegno economico dal Comune… Occorre però fare una riflessione più profonda, anche alla luce delle ultime preoccupanti notizie sul divario tra benestanti e non in Italia:

Repubblica – Economia & Finanza (12 gennaio): Si allarga la forbice: i redditi più “ricchi” superano di sei volte quelli più “poveri”

Cresce il divario tra chi guadagna di più e di meno. In Italia il 20% della popolazione con i redditi più alti può contare su entrate superiori a sei volte quelle di coloro che sono nel quintile più in difficoltà…

Dare il bonus libri a tutti senza alcun riferimento all’indicatore ISEE è una scelta ingiusta. Bisogna dirlo!

Anziani e giovani, Persone al centro: copiare le buone pratiche

La lista civica Persone al centro segnala sulla sua pagina fb una buona pratica:

Quanti #anziani soli ci sono a #PadernoDugnano? E quanti #studenti #fuorisede cercano una camera 🛏️ in affitto a prezzo accettabile?
Forse… con il coordinamento di qualcuno (Comune? Caritas? Associazioni? Cooperative?) si potrebbe fare un esperimento socialmente innovativo anche nella nostra città ❤️ 👌

Repubblica Milano (11 gennaio): Studenti e anziani nella stessa casa: così a Milano battono il caro affitti e la solitudine

Che cosa ne pensate?

Lista civica Persone al centro

Cimbro, possiamo dirlo?

Che delusione!!!

Lo dico ad alta voce esprimendo il pensiero di tanti. Che delusione prendere atto del riposizionamento politico dell’ex onorevole Eleonora Cimbro di Bollate (nota a Paderno Dugnano anche per le vicende Rho-Monza)…

Repubblica (8 gennaio): Dal Pd alla Lega passando per Leu: il salto carpiato dell’ex deputata Eleonora Cimbro, folgorata da Salvini

Trasformismo? Opportunismo? Conversione sulla via di Damasco? Confusione valoriale?

Questa scelta spiace. Credo anche a molti leghisti.

Ma la Lega non è più quella di una volta e oggi abbonda di transfughi e di tanti “ex” pronti al riciclo politico.