Educare, educare, educare: necessità prima

Il tema dell’educazione (non della buona o cattiva educazione, ma dell’azione educativa intesa come fonte di socialità) è stato spesso sottovalutato o anche tenuto ai margini in nome di una libertà educativa che spesso si è configurata come giustificazione pretestuosa per abbandonare invece i più giovani a se stessi, ai media e, più di recente, ai social…

Oggi più che mai si avverte il bisogno di tornare a educare, cioè a lavorare con i ragazzi facendo loro intravedere dei fini per cui valga la pena vivere.

In questo orizzonte segnalo il comunicato stampa della Diocesi di Milano:

L’ARCIVESCOVO INVITA TUTTA LA DIOCESI A UN MOMENTO DI PREGHIERA PER ADOLESCENTI E GIOVANI, LA SERA DEL 21 FEBBRAIO
 
Milano, 13 febbraio 2021 – Anche a seguito dei drammatici fatti di cronaca che hanno recentemente coinvolto alcuni adolescenti e giovani, e in sintonia con l’appello di papa Francesco, che l’8 febbraio scorso – nel discorso al Corpo Diplomatico presso la Santa Sede – ha chiesto di non rimanere inerti di fronte alla “catastrofe educativa”, l’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, invita tutta la Diocesi a una speciale preghiera il 21 febbraio, prima domenica di Quaresima.
 
Lo fa con un’accorata lettera in cui intende «condividere lo strazio dell’impotenza». Desiderio dell’Arcivescovo è quello di «dare voce a tutti i genitori, gli educatori, gli insegnanti che percepiscono questo momento come una emergenza spirituale ed educativa e si rendono conto che non sono a portata di mano rimedi e soluzioni immediate».
 
Soprattutto, mons. Delpini vuole «dare voce a ragazzi e ragazze che sono sconvolti dall’isolamento, dai comportamenti incomprensibili e violenti fino alla morte di coetanei ai quali sono affezionati».
 
«Vorrei – scrive ancora l’Arcivescovo nella lettera che in questi giorni è stata inviata a tutte le parrocchie – che questa voce arrivasse alle istituzioni e che l’alleanza tra le istituzioni si rivelasse con maggior evidenza e incisività. Brucia dover constatare la mia, la nostra impotenza».
 
Ma, prosegue Delpini, «non ho niente da rimproverare a nessuno, non ho niente da insegnare. Verrà il momento per discorsi più ragionati, per proposte e impegno: la Chiesa c’è, ci sarà, per tutti. Ma in questo momento porto davanti al Signore questi sentimenti, con la certezza che il Signore continua ad amare ciascuno».
 
Con queste premesse e intenzioni, l’Arcivescovo conclude la lettera annunciando che domenica 21 febbraio pregherà dalle 20.45 nel santuario di San Pietro in Seveso: «Vorrei sentire che siamo in tanti in ogni parte della Diocesi a pregare in quella sera di inizio Quaresima. Tanti: genitori, adolescenti e giovani appassionati del bene e avvertiti del male che insidia e rovina anche i loro coetanei. Tanti: preti, persone consacrate, insegnanti, educatori, tutti coloro che condividono lo strazio dell’impotenza e continuano a gridare verso Dio. Ogni chiesa, ogni santuario, ogni convento, ogni monastero, può essere aperto, in questo stesso orario, per un tempo di preghiera».
 
Leggi sul sito della Diocesi di Milano

Raccogliere la sfida educativa contro bullismo e violenza giovanile

Il pestaggio avvenuto nel sottopasso della stazione di Paderno merita attenzione come sintomo del malessere dei più giovani.

Serve l’attenzione di tutti (non la delega alle agenzie educative) per rispondere ai bisogni dei ragazzi, soprattutto in questo tempo difficile caratterizzato dall’emergenza sanitaria.

Di seguito il commento del Sindaco Casati.

Pestaggio nel sottopasso della stazione: individuato il capobanda della spedizione punitiva

Milano Today (2 febbraio): Milano, organizzano una spedizione punitiva contro il compagno di classe: li aveva redarguiti perché disturbavano la Dad – Video

Da Pupia TV: https://www.pupia.tv​ – Da Milano si sono recati fino a Paderno Dugnano per aggredire un loro coetaneo “colpevole” di un rimprovero davanti a tutta la classe durante una lezione on line. Nove minorenni sono stati indagati dalla Procura di Milano per rapina aggravata, violenza privata e lesioni personali in concorso. La storia ha origine lo scorso 8 dicembre quando il gruppo di ragazzi – tutti dei quartieri Affori e Comasina di Milano – vanno in treno a Paderno per “punire” un ragazzo, compagno di classe di alcuni di loro, che nei giorni precedenti aveva ripreso il “capo della banda” perché disturbava tutta la classe durante una lezione in didattica a distanza. Un’offesa non tollerata dal gruppo che, una volta arrivato a Paderno, ha incrociato la vittima nel sottopassaggio della stazione in compagnia di due amici. Prima calci e pugni al compagno di classe, poi ancora calci e pugni ai due amici che cercavano di difenderlo, con lo sfregio finale della bicicletta rubata a uno dei due. Le vittime hanno chiamato i genitori, sono andate al pronto soccorso per le cure e le successive dimissioni con prognosi di 10 e 20 giorni, poi la denuncia ai carabinieri. I militari di Paderno Dugnano hanno acquisito le registrazioni dei sistemi di videosorveglianza della stazione. Il 31 dicembre il capo della banda è stato raggiunto da un’ordinanza restrittiva con l’obbligo di permanenza in casa. Le successive indagini hanno portato a individuare e denunciare altri 8 minorenni che, interrogati, hanno tutti ammesso le proprie responsabilità. (02.02.21)

Elena Radice (artista padernese) e Sophie Jung in mostra a Milano

Vi segnalo Unsetting presso Istituto Svizzero a Milano a cura delle artiste Sophie Jung e Elena Radice (nostra concittadina, che vive a Milano per lavoro).

Purtroppo la visita della mostra è sospesa a causa del Covid, ma è possibile una visita virtuale.

Al seguente link trovate il testo curatoriale (pdf)

Di seguito il video per visitare a distanza la mostra.

Papa Francesco: Urge una diversa narrazione economica

Si è da poco concluso ad Assisi l’evento internazionale The Economy of Francesco.

Di seguito il videomessaggio del Papa (dal minuto 3h, 33′ 29″):

Testo del videomessaggio del Papa

Segnalo anche il commento acuto di Gad Lerner apparso sul Fatto Quotidiano: Assisi è la vera anti-Davos

Ansa (21 novembre, ore 18,06): Papa Francesco: ‘Non siamo condannati a un’economia di solo profitto’

Corriere della Sera (21 novembre): Bergoglio ai giovani economisti: «Politiche nuove, è tempo di osare»

Rai News (21 novembre): Papa: “L’attuale sistema mondiale è insostenibile, urge una nuova narrazione economica”

Il Sole 24 Ore (21 novembre): Il Papa lancia il “Patto di Assisi” per un nuovo modello economico post-Covid

Adnkronos (21 novembre, ore 18,29): Papa: “I poveri hanno dignità sufficiente per sedersi ai nostri incontri”

La Stampa (21 novembre): Il Papa chiede ai giovani di tutto il mondo “un patto per cambiare insieme l’economia”

AGI (21 novembre): È tempo di osare un nuovo modello di sviluppo, esorta il Papa

Repubblica (21 novembre): Papa ai giovani: “Non siamo condannati a un’economia che sia solo profitto. Impegnatevi o la storia vi passerà sopra”

Associated Press (21 novembre): Pope to young: after pandemic to build new economy with poor

Mimì Fitzgerald: domani esce il primo singolo della cantante padernese

Lo ha annunciato lei via Facebook e, conoscendo la voce e la qualità della persona, do evidenza sul blog:

Venerdì condividerò con voi
il mio primo singolo:
“Smoke And Woods”

Mimì Fitzgerald

Giovani per un’economia sostenibile: gratis l’articolo di Aggiornamenti Sociali

In vista dell’evento internazionale The Economy of Francesco, che si svolgerà online da giovedì 19 al sabato 21 novembre, la rivista dei Gesuiti milanesi AGGIORNAMENTI SOCIALI mette a disposizione gratuitamente per questa settimana l’articolo I giovani per un’economia sostenibile. Tre voci da Economy of Francesco