Vasche di laminazione: a che punto siamo? ma servono?

Dopo l’esondazione del Seveso a Niguarda l’assessore milanese Marco Granelli ha fatto il punto su Facebook sulle vasche di laminazione:

Un brevissimo aggiornamento sulle attività di contenimento delle esondazioni: 1) per quanto riguarda la vasca di Senago sono ripresi i lavori dopo l’emergenza per la diffusione del coronavirus e servono 12 mesi lavoro per la realizzazione. 2) Vasca del Parco Nord: aggiudicata l’ impresa e a giugno è prevista la consegna dei lavori con una previsione di 18 mesi di lavoro ma vi ricordo che sulla realizzazione vi sono due ricorsi pendenti. 3) Per Lentate e zone golenali a Cantù è prevista la pubblicazione della gara di appalto entro fine maggio quindi inizio dei lavori a dicembre 2020 e poi 15 mesi di lavori. Varedo sta facendo il progetto definitivo della bonifica e della vasca.4) A Milano, invece, sono in corso i lavori sul Redefossi ovvero il tratto tombinato del Seveso da piazza Repubblica a corso Lodi.

Marco Granelli (15 maggio 2020)

Da Paderno Dugnano, invece, il Circolo Grugnotorto di Legambiente esprime un giudizio critico con due articoli sul proprio blog:

15 maggio: I numeri parlano

16 maggio: Ma dove è finita l’acqua del Seveso?


Il Giorno (16 maggio): Vasche di laminazione in alto mare, città sott’acqua. I tre impianti a Senago, Lentate e Parco Nord non sono pronti. Polemica fra Milano e Bresso

Un vecchio articolo apparso su VITA nel 2014: Le vasche di laminazione sono una soluzione a metà

Un anno intero, anzi sette dedicati alla #LaudatoSi

Mi sarebbe bastata l’enfasi data quest’anno al quinto anniversario dell’enciclica Laudato Si’, a cui viene dedicata una settimana per farla conoscere e sottolinearne l’importanza (16-24 maggio)…

Scopro invece che la Settimana Laudato Si’ è solo l’introduzione ad un anno intero dedicato all’enciclica socioambientale: dal 24 maggio 2020 al 24 maggio 2021! Così infatti ha deciso il Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale.

Ottimo!

In 12 mesi… a furia di insistere… si potrà fare una più efficace sensibilizzazione su questi temi. E’ in ballo la “conversione ecologica” (come la chiamava, prima di Papa Francesco, l’indimenticato Alex Langer).

Leggo meglio la notizia e… mi accorgo che è ancora più promettente: l’anno dedicato alla Laudato Si’ apre in realtà un settennio!

Durante l’anno speciale di anniversario, informa il dicastero pontificio, verrà avviato un programma e un pubblico impegno da parte delle varie istituzioni per un percorso di “sostenibilità totale” da realizzare in 7 anni, nello spirito della Laudato sì. Destinatari; famiglie, diocesi, scuole, università, ospedali e strutture sanitarie, mondo degli affari, ordini religiosi. Per “incoraggiare e promuovere azioni concertate individuali e comunitari per la cura della nostra casa comune” e per “promuovere buone pratiche” in questo ambito verranno infine istituiti i Premi annuali Laudato sì. La prima cerimonia di premiazione avverrà proprio a conclusione dell’anno speciale dedicato al quinto anniversario dell’enciclica di Papa Francesco.

(Agenzia SIR, 16 maggio 2020)

Informatevi direttamente:

Agenzia SIR (16 maggio): Laudato si’: Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, un anno speciale dedicato al quinto anniversario

Vatican News (16 maggio): Un Anno Speciale dedicato alla Laudato si’

E sull’Osservatore Romano di oggi (che offre anche un supplemento dedicato a Giovanni Paolo II) si legge questo articolo: Un anno speciale per celebrare la Laudato Si’.

Avvenire (16 maggio): È la «Laudato si’» la pietra angolare sui cui rifondare presente e futuro

Diocesi di Milano (14 maggio): «Regolarizzare badanti e colf senza contratto è un atto di giustizia secondo i principi della “Laudato si’”»

National Catholic Reporter (15 maggio): Here’s what to expect for Laudato Si’ Week as pope’s ecology document turns five

Laudato Si’ come road map

Da oggi al 24 maggio i cattolici di tutto il mondo (e non solo 🙂 ) sono invitati da Papa Francesco a prendere sul serio l’appello di Madre Terra. E’ la Settimana Laudato Si’, a cui ho accennato nel post precedente.

Vi invito a guardare questo breve video, molto intenso.

Personalmente seguo con interesse e ho l’impressione che questi cinque anni dalla pubblicazione dell’enciclica non siano trascorsi invano. Qualcosa sta crescendo tra i cattolici di tutto il mondo: una sensibilità ecologica nuova, che parla più lingue e che spinge ad incontrarsi e ad agire.

Faccio un esempio concreto: oggi e domani si sta svolgendo un ritiro Laudato Si’ in videoconferenza su Zoom. Tutto in lingua inglese con centinaia di persone collegate da vari paesi: New York, Bogotà, Portland, Roma, Gran Canaria, Manaus, ecc…

Con qualche spunto simpatico: nella chat Franca S. scrive sconsolata: “Una traduzione in italiano? non capisco nulla”. E poco dopo le risponde Donata M.: “Il ritiro di oggi è in inglese”. E Yeni dall’Ecuador: “No puedo seguirles por el idioma”.

Provate a dare un’occhiata ai due video trasmessi oggi pomeriggio in streaming: Laudato Si’ Retreat: An Introductory Immersion (1) e Laudato Si’ Retreat: An Introductory Immersion (2)

Domani dalle 19 alle 20,30 la seconda parte del ritiro sempre sul canale youtube del Global Catholic Climate Movement.

Il ritiro in italiano è programmato per sabato 23 maggio (ore 9-13).

Su Twitter è interessante curiosare tra gli hashtag #LaudatoSi5 #LaudatoSiWeek #SemanaLaudatoSi #LaudatoSiWeek2020 #LaudatoSi

Qualcosa di bello si sta sviluppando.

Paderno Dugnano per l’ambiente

Martedì 19 maggio vi invito a partecipare ad un momento di riflessione e confronto sulle sfide ambientali in occasione del quinto anniversario dell’enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco, che è stata ampiamente accolta come una forte presa di posizione per amore del pianeta Terra.

Da oggi al 24 maggio si svolge la campagna mondiale Laudato Si’ Week, che si propone di attirare l’attenzione su un tema fondamentale per la vita di tutti.

In questa cornice l’Amministrazione Comunale invita le Comunità pastorali della città, l’associazionismo ambientale e tutta la cittadinanza ad un dialogo in chiave locale: che cosa possiamo fare noi contro i cambiamenti climatici? quali scelte siamo chiamati a operare? come possiamo organizzarci per lavorare meglio insieme per essere più efficaci?

La pioggia abbondantissima dei giorni scorsi (che a Milano ha portato all’esondazione del Seveso e che anche nella nostra città ha suscitato preoccupazione) è un segnale a cui dobbiamo porre la massima attenzione in quanto il Comune di Paderno Dugnano è classificato dal regolamento regionale come un’area ad “alta criticità idraulica”.

Sul sito del Comune puoi leggere il programma dell’incontro.

Ezio Casati – Sindaco
Saluti istituzionali

Giovanni Giuranna – Assessore all’Ambiente
Introduzione e moderazione

Don Paolo Boccaccia – Comunità pastorali Paderno Dugnano
L’ecologia integrale di Papa Francesco: un’enciclica che interpella tutti

Anna Varisco – Assessore all’Educazione Ambientale
Osare strade nuove. Rapporto uomo-ambiente dopo l’emergenza Covid

Lucio Romani – Presidente Commissione Territorio
Cambiamenti climatici: la gestione del rischio idrogeologico a Paderno Dugnano

Francesco Spinello – Circolo Grugnotorto di Legambiente
Cittadinanza attiva e volontariato ambientale: agire subito, insieme

Martedì 19 maggio, ore 20,30

Settimana Laudato Si’: dal 16 al 24 maggio

#exemplumomnibus

Quest’opera, realizzata ad Albano Laziale nel settembre scorso dallo street artist Maupal, è un’ottima introduzione alle iniziative che si svolgeranno nei prossimi giorni in tutto il mondo per ricordare il quinto anniversario dell’enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco.

Agenzia SIR (13 maggio): Laudato Si’: dal 16 al 24 maggio la “Settimana” per i 5 anni dell’enciclica sulla cura della casa comune

IL RECUPERO DI VIALE BAGATTI — Legambiente Circolo Grugnotorto Paderno Dugnano

Una testimonianza dal Circolo Grugnotorto nel 40ennale di Legambiente. Per noi del circolo Grugnotorto di Paderno Dugnano la riqualificazione di viale Bagatti è stata una vittoria, una delle pagine più belle scritte dal nostro circolo. La storica villa Bagatti ed il suo viale sono sempre stati luoghi molto cari alle comunità di Palazzolo Milanese e […]

IL RECUPERO DI VIALE BAGATTI — Legambiente Circolo Grugnotorto Paderno Dugnano

Varie: a fuoco minigolf e rifiuti, coronavirus, calcio

Cittadino (9 maggio): Un gazebo al minigolf e un camion dei rifiuti, doppio incendio a Paderno Dugnano

Notiziario (9 maggio): Paderno, incendio al minigolf: bruciano sterpaglie e cassoni dei rifiuti

Il Gazzettino Metropolitano (9 maggio): Paderno Dugnano, doppio incendio: a fuoco il minigolf e un camion di rifiuti

Notiziario (9 maggio): Coronavirus a Paderno, 353 contagi (101 in Rsa): 102 guariti e 55 morti

Sprintesport.it (10 maggio): Casatese, Stefano Armando è il nuovo Responsabile dell’Attività di Base

Di seguito l’appello della ricercatrice padernese Annalisa Bergna e le indicazioni del Sindaco Ezio Casati:

Comunità pastorale S.Paolo VI: attenzione ai cambiamenti climatici

Segnalo dal sito della Comunità pastorale di Calderara – Dugnano – Incirano il richiamo ai temi ambientali:

La parola di don Mauro

Carissimi,

il dono della Pasqua di Gesù è offerto per tutti, è offerto per ogni uomo e ogni donna ma anche per la creazione intera. Per questo motivo nelle settimane del tempo pasquale stiamo offrendo alcuni spunti di riflessione e di approfondimento della Lettera Laudato sì.

Il sottotitolo del testo di Francesco non è casuale: “sulla cura della casa comune”.

Già il 22 aprile 2015 il Papa diceva:

“esorto tutti a vedere il mondo con gli occhi di Dio Creatore: la terra è l’ambiente da custodire e il giardino da coltivare. La relazione degli uomini con la natura non sia guidata dall’avidità, dal manipolare e dallo sfruttare, ma conservi l’armonia divina tra le creature e il creato nella logica del rispetto e della cura, per metterla al servizio dei fratelli, anche delle generazioni future”.

L’approccio indicato non si presta a fraintendimenti perchè impedisce ogni lettura parziale della questione ecologica. Se la Chiesa Cattolica, in comunione con i fratelli Ortodossi e protestanti chiede un’ “ecologia integrale” è perchè sa bene come l’uomo potrebbe piegare un presunto rispetto per l’ambiente ai propri interessi.

Sempre papa Francesco con chiarezza ricorda che l’uomo e la donna sono chiamati a custodire la creazione:

“la vocazione del custodire non riguarda solamente noi Cristiani, ha una dimensione che precede e che è semplicemente umana, riguarda tutti. E’ il custodire l’intero creato, la bellezza del creato, come ci viene detto nel libro della Genesi e come ci ha mostrato San Francesco d’Assisi: è l’avere rispetto per ogni creatura di Dio e per l’ambiente in cui viviamo”.

In concreto l’uomo non è padrone della terra ma amministratore di un dono ricevuto, un dono che ci precede e ci fa stare bene.

Nel momento in cui questo equilibrio armonico viene infranto per ragioni d’altro tipo lo squilibrio che ne deriva è l’inquinamento ambientale ma, ancor più precisamente, l’inquinamento antropologico. In altre parole essere “custodi” è saper riconoscere che quanto abbiamo ricevuto non può essere piegato a nostro piacimento come un qualsiasi bene da consumare, ma da valorizzare riconoscendo le esigenze intrinseche alla stessa natura creata.

Concludendo se nella Pasqua di Gesù “ogni cosa è fatta nuova” anche il nostro stare dentro la creazione non può che riconoscerne la bontà del dono ricevuto e operare nel

rispetto della creazione, luogo di incontro con l’amore di Dio che ci salva dall’inquinamento del peccato.

Don Mauro

Dal Viale Bagatti si vede Milano!

Dobbiamo andare orgogliosi di questo luogo meraviglioso di Palazzolo, anzi di Paderno Dugnano! Qualche decennio fa il Viale Bagatti era una discarica, che è stata recuperata!).

Questa bellissima foto aerea compare nel dosssier didattico Il clima cambia – cosa possiamo fare insieme?, pubblicato il 9 gennaio scorso sul sito della Regione.

Davvero bella la foto e importantissimo l’argomento trattato nel fascicolo.

Si prega di leggere e diffondere.

Inquinamento e pandemia: esiste una relazione?

Oggi pomeriggio la televisione cattolica italiana TV 2000 ha trasmesso una puntata per esplorare la relazione tra lo smog e la diffusione della pandemia.

Ad oggi non esiste alcun rapporto di causa-effetto, si è ipotizzato che le polveri sottili, il Pm10 e il Pm2,5, potessero contribuire al trasporto e alla diffusione del virus, ma non sono state riscontrate evidenze che supportassero quest’idea. Siamo Noi, programma pomeridiano di Tv2000 in diretta alle 15.20, ne parla con: Patrizia Gentilini, oncologa di ISDE Medici per l’Ambiente; Lucia Capuzzi, giornalista di Avvenire; Antonio Caschetto, responsabile della formazione del Movimento cattolico globale per il clima.

Papa Francesco nell’Udienza di oggi, dedicata alla 50.ma Giornata mondiale della Terra (leggi il testo del discorso):