5 giugno: Giornata mondiale dell’Ambiente

Nel 1972 l’ONU ha proclamato il 5 giugno Giornata mondiale dell’Ambiente (World Environment Day). Quest’anno l’appuntamento internazionale è dedicato al tema del drammatico declino della biodiversità del pianeta.

Circa un milione di specie viventi (su un totale stimato di circa 8,7 milioni) sono minacciate di estinzione. L’attuale ritmo di estinzione delle specie fa ritenere gli scienziati che siamo di fronte alla sesta grande estinzione massa. Molti ecosistemi sono stati distrutti, degradati, frammentati e solo una piccola percentuale è rimasta intatta.

In questa occasione, l’ISPRA organizza una tavola rotonda con il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, e il Ministro delle politiche agricole, Teresa Bellanova, insieme ai vertici di ISPRA ed esperti e tecnici di numerose istituzioni.

Puoi seguire in diretta su ISPRA TV il 5 giugno dalle ore 10,30 alle 12,00.

Non + di 1,5°: lettera aperta per raggiungere l’obiettivo di Parigi

La Settimana Laudato Si’ è stata una campagna internazionale di sensibilizzazione degna di nota, come sintetizzato in questo articolo e video: Top 5 Laudato Si’ Week Highlights

Interessante anche la lettera aperta a IEA (Agenzia Internazionale per l’Energia), firmata da 70 leader impegnati a vario titolo per il clima, tra cui Tomás Insua del Global Catholic Climate Movement: Letter to IEA May 2020

L’iniziativa è ripresa da Bloomberg.com nell’articolo apparso ieri: The World’s Most Influential Energy Model Needs a Climate Update. Open letter accuses the International Energy Agency of marginalizing key climate goals

Palazzolo/Incirano: che cosa respiriamo?

Ieri, 28 maggio, ho ricevuto due distinte segnalazioni da residenti di Palazzolo/Incirano, molto preoccupati per l’aria irrespirabile della notte precedente.

Riporto alcune frasi con il consenso di chi le ha scritte: “Alle ore 01,30 di notte – riferisce un cittadino – sono stato svegliato da un forte odore di bruciato che ha invaso la mia casa. Ho subito chiuso le finestre ma l’odore è rimasto dentro per tutta la notte e lo abbiamo respirato per ore”.

Un’altra persona scrive: “Frequentemente la sera, intorno alle ore 23.00, quando mi affaccio alla finestra per chiudere le imposte percepisco uno sgradevole odore nell’aria, che descriverei come odore di combustione, chimico, acre, dolciastro. La notte scorsa, intorno alle 2.00, l’odore era così intenso e persistente da aver saturato la mia camera da letto, costringendomi a chiudere le finestre e provocandomi un senso di nausea”.

L’Ufficio Ecologia, come prevede la prassi, ha invitato i cittadini a compilare per 10-15 giorni la scheda di rilevazione delle molestie olfattive dell’ARPA.

Se notate qualcosa di strano, scrivete a ecologia@comune.paderno-dugnano.mi.it e chiedete il modulo.

Ecologia integrale: qualcosa si muove nella chiesa a livello internazionale

La campagna di sensibilizzazione su temi ambientali e sociali lanciata dalla Chiesa Cattolica merita la massima attenzione.

Sull’Osservatore Romano di oggi, la pagina 8 è totalmente dedicata al 5° anniversario dell’enciclica Laudato Si’. In particolare, si descrive l’anno “giubilare” dedicato all’ecologia integrale e un’iniziativa dell’episcopato francese, che ha lanciato una rivista online sul tema.

#LaudatoSi5: oggi inizia un anno speciale per riflettere sull’ecologia

Lo ha annunciato oggi Papa Francesco al termine della preghiera di mezzogiorno.

Vatican News (24 maggio): Francesco: un anno speciale dedicato alla Laudato si’ e alla cura della casa comune

Accolgo con gioia questa decisione perché penso che siamo TUTTI chiamati a confrontarci e metterci in gioco sui temi dell’ecologia integrale.

#LaudatoSi5: basta individualismo, ricostruire reti comunitarie

Questa frase, tratta dalla versione spagnola della Laudato Si’ (n. 219), esprime un orizzonte importante. “La conversione ecologica che si richiede per creare un dinamismo di cambiamento duraturo è anche una conversione comunitaria” (sempre nel n.219).

La settimana Laudato Si’ procede con moltissimi webinar e appuntamenti locali e globali. Anche Paderno Dugnano, ha fatto la sua parte martedì scorso (sto ricevendo alcuni messaggi di ringraziamento che mi colpiscono perché testimoniano che quel colloquio non è stato superficiale).

Si inserisce idealmente in questa cornice di impegno per una società più giusta l’appuntamento della Commissione Antimafia e Legalità, che sarà trasmesso domani venerdì 22 maggio ore 18 in diretta streaming sul sito del Comune.

“Emergenza Covid e rischio di infiltrazioni criminali. Quali strumenti di contrasto?”. Audizione di: Silvana Carcano (consulente della Commissione Nazionale Antimafia) e Michele Albanese (giornalista).

#LaudatoSi5 #PadernoDugnano anche in differita

In tempo di pandemia non è facile organizzare riunioni per approfondire e discutere un tema. Eppure ieri sera lo abbiamo fatto su temi ambientali e sociali a partire dall’enciclica Laudato Si’, coinvolgendo a distanza un discreto numero di persone.

Grazie a tutti.

Per chi si fosse perso questo momento di riflessione (locale e globale) la registrazione video è disponibile sul canale YouTube del Comune.

E al di là delle nostre opinioni e valutazioni resta valido l’invito a riprendere in mano il testo dell’enciclica sulla cura della casa comune, che in questo tempo di coronavirus rivela ancor più la sua attualità.

Diretta streaming ore 20,30: Paderno Dugnano per l’ambiente

Appuntamento alle ore 20,30 con la diretta video sul canale YouTube del Comune.

I cittadini possono proporre riflessioni e domande CLICCANDO QUI

PROGRAMMA

Saluti istituzionali
Ezio Casati – Sindaco

L’ecologia integrale di Papa Francesco: un’enciclica che interpella tutti
Don Paolo Boccaccia – Comunità pastorali Paderno Dugnano

Osare strade nuove. Rapporto uomo-ambiente dopo l’emergenza Covid
Anna Varisco – Assessore all’Educazione Ambientale

Cambiamenti climatici: la gestione del rischio idrogeologico a Paderno Dugnano
Lucio Romani – Presidente Commissione Territorio

Cittadinanza attiva e volontariato ambientale: agire subito, insieme
Francesco Spinello – Circolo Grugnotorto di Legambiente

Dibattito