Calderara, sovrappasso e sottopasso: quale sicurezza?

Andare o venire da Calderara a piedi o in bicicletta è un’impresa. Lo sa bene chi è costretto a percorrere (a proprio rischio e pericolo) il sottopasso di via Cardinal Riboldi o la via Santi che scavalca la Milano-Meda all’altezza del Carrefour.

Basta posizionarsi in questi due punti per osservare situazioni di pericolo.

Vogliamo una città che garantisca la mobilità leggera e la sicurezza stradale!

Grazie ai cittadini che si impegnano per difendere il verde

Pomeriggio di teatro, musica e cabaret ieri presso il Salone ex Splendor per raccogliere fondi a favore del ricorso al TAR contro la Variante RE3 voluta da Alparone-Bogani.

Buona la partecipazione. Ancora una volta i cittadini hanno dimostrato di volere una città più rispettosa del verde e meno prona agli interessi dei privati.

Se condividete la causa, è possibile sostenere il ricorso al TAR versando un contributo tramite Legambiente:

  • Dai il tuo contributo via PayPal
  • oppure con Bonifico Bancario intestato a: Legambiente Circolo Grugnotorto-Paderno Dugnano con causale “Sostieni Ricorso RE3” utilizzando il seguente Cod. IBAN: IT35K 03359 01600 100000 159724 aperto c/o Banca Prossima sede di Milano

Bitumati 2000: raccolta firme per la V.I.A.

Segnalo un problema ambientale da Cassina Nuova, Bollate, al confine con Paderno Dugnano.

LEGAMBIENTE - CIRCOLO DI BOLLATE

Anche il Circolo bollatese di Legambiente aderisce alla raccolta firme promossa dagli attivisti di “Federazione della Sinistra” e dal gruppo consiliare “Per Un’altra Bollate”, di cui si riporta in questo articolo de “Il Giorno”
Scopo della raccolta é chiedere che si proceda ad avviare la V. I. A. ( https://www.tuttoambiente.it/commenti-premium/cose-la-valutazione-impatto-ambientale-via/ ).
I membri del direttivo del Circolo Legambiente Bollate ( ritratti in foto , al centro, tra i 2 rilevatori di firme del banchetto presente ieri a Cassina Nuova) invitano i cittadini bollatesi e i soci del Circolo ad aderire alla raccolta firme che si protrarrà anche in prossime date.
Per informazioni ed aggiornamenti seguite questo gruppo Facebook
Per gli approfondimenti:
bitumatia3.pdf
190212a_a5_aumentbitum2.pdf

View original post

Oggi tutti a teatro contro le palazzine nel parco

Ti aspetto, se puoi, oggi pomeriggio presso l’ex cinema Splendor.

Il Coordinamento RE3 che si batte contro la costruzione di tre palazzine nel parco di via Gorizia / via Dalla Chiesa organizza un evento di autofinanziamento per sostenere il ricorso al TAR.

La cattiva politica permette di costruire in un’area verde pubblica. I cittadini che amano Paderno Dugnano si oppongono allo scempio.

Varie: Allende robot, Cross per tutti, DIA, Primarie PD, ecosostenibilità al Metropolis, PAP

Il Giorno (16 febbraio): Paderno Dugnano, alle medie si educa con il robot. L’istituto Allende inaugura lo spazio Atelier realizzato con i fondi del Miur

Fidal Milano (16 febbraio): CROSS PER TUTTI, LE CLASSIFICHE INDIVIDUALI DOPO 4 GARE

Qui Paderno Dugnano (14 febbraio): Parla la DIA…

Primarie PD 3 marzo – Paderno Dugnano: Seggi elettorali a Paderno Dugnano: 1- sede circolo PD Via Gramsci 57 (Paderno e Dugnano); 2- sede di quartiere di Cassina Amata, via Corridori; 3- gazebo via Coti Zelati angolo via Manzoni (Palazzolo e Incirano); 4- gazebo via Chopin (di fronte alla chiesa di Calderara); 5- gazebo via Tripoli angolo via Messico al Villaggio Ambrosiano.

Verdi Paderno Dugnano (15 febbraio): Paderno Dugnano. IL FUTURO PROSSIMO in 3 film. Rassegna. Sostenibilità, globalizzazione
e rivoluzione digitale

Liberi e Uguali Paderno Dugnano (12 febbraio): 3 film per riflettere su Sostenibilità, Globalizzazione e Rivoluzione digitale

Potere al Popolo Paderno Dugnano (10 febbraio): ELEZIONI LOCALI E SERVIZI IN DIFFICOLTA’

Cattolici, un po’ di coraggio!

Una parte non esigua di cattolici simpatizza, tifa, stravede o addirittura spasima per Matteo Salvini. Mi pare impossibile che sia così, ma devo arrendermi all’evidenza: persone che conosco e a cui in chiesa stringo la mano per scambiare la pace la pensano così. Non so dire quanti siano, ma sono consapevole che sono più di quelli che, come me, provano disagio.

Come può Salvini riscuotere il consenso di chi si fida di (ha fede in) Gesù? Me lo chiedo ma, in questa sede, non provo a rispondere.

Piuttosto mi rivolgo agli altri cattolici, a quelli che non si riconoscono nella politica, negli slogan e nei selfie di Salvini. Tra questi penso ai cattolici padernesi e mi permetto di lanciare una proposta.

Abbiamo a disposizione un magistero così stimolante come quello di Papa Francesco, nella nostra Diocesi di Milano abbiamo la parola dell’Arcivescovo Mons. Mario Delpini che recentemente ha visitato Paderno Dugnano, lasciandoci un messaggio che merita di essere preso sul serio: Il paese dei desideri piccoli… Siamo eredi di una tradizione ricchissima di insegnamenti e di testimonianze: non possiamo restare in un angolo o ridurci al silenzio per timidezza!

Se c’è un tempo in cui i cattolici sono chiamati a venire fuori per dare il proprio contributo alla costruzione della città di tutti nella ricerca del bene comune, questo tempo è adesso (parola di mazzolariana memoria!).

“La messe è molta ma gli operai sono pochi”, diceva Gesù nel vangelo. Anche nel campo politico le necessità sono tante, ma le persone disposte a metterci la faccia e a spendere le proprie forze sono troppo poche…

Fai un passo avanti, coinvolgiti, lavoriamo insieme per Paderno Dugnano!

Lavoro, problemi Carrefour

Sul sito de La RepubblicaEconomia & Finanza si legge un riferimento al Carrefour padernese in un quadro di esuberi che preoccupa non poco: Carrefour Italia, nel piano al 2022 ci sono 590 esuberi

Comunicato Filcams CGIL:

Carrefour, ancora una dichiarazione di esuberi. Gravi per la Filcams le determinazioni aziendali e l’ennesima messa in discussione dell’occupazione.

Dopo le due procedure di licenziamento collettivo avviate nel 2017 che hanno coinvolto più di 600 lavoratori, nel corso dell’incontro di oggi alla presenza dell’Amministratore Delegato, Carrefour ha dichiarato ulteriori 590 esuberi FTE, di cui 440 rispetto al canale ipermercati e 150 sulla sede e la necessità di avviare, conseguentemente, altre 2 procedure.
In considerazione della difficile situazione in cui continua a versare l’impresa, è stata inoltre avanzata la richiesta, dalla multinazionale francese di applicare il Protocollo per la gestione di gravi crisi aziendali di recente definito dal CCNL della Distribuzione Moderna Organizzata e procedere alla rinegoziazione del Contratto Integrativo Aziendale.
Fortemente critiche le prime valutazioni della Filcams a fronte dell’ennesima messa in discussione dell’occupazione da parte di Carrefour, dopo anni di sacrifici per i lavoratori.
Ribadita indisponibilità a prevedere deroghe o sospensioni in ordine ad istituti della Contrattazione Nazionale, la Filcams ha richiesto all’azienda di non procedere all’apertura di procedure di licenziamento collettivo e di avviare un confronto per discutere nel merito delle problematiche poste, definendo soluzioni di carattere organizzativo a tutela dell’occupazione.
#siamodovesei #filcamscollettiva

Ex ASL, scelta e revoca del medico: questa situazione non è sostenibile

Alcune persone mi hanno segnalato il disservizio che va avanti da tempo a Palazzo Sanità (via Due Giugno).

Lo sportello – che comprende attività amministrative, scelta e revoca del medico e pediatra, esenzioni per patologie e reddito, prime iscrizioni – non riesce a rispondere adeguatamente alle richieste dei cittadini. Si registrano, infatti, aperture al pubblico ridotte rispetto al passato con avvisi sul sito dell’ASST Rhodense che cambiano ogni pochi giorni.

Conseguentemente, chi ha bisogno di ricevere un servizio si trova davanti a lunghe file di attesa e, in alcuni casi, è costretto a recarsi agli uffici di Bollate o Garbagnate. Non occorre rammentare che per anziani, malati e persone sole o non del tutto autosufficienti lo spostamento è motivo di grande disagio.

Su questo tema, come consigliere comunale della lista civica Insieme per cambiare, sono intervenuto più volte (vedi post del 7 agosto 201510 agosto 201525 agosto 20155 settembre 20151 marzo 2018).

In questi giorni, però, la situazione mi sembra sinceramente molto precaria e non più tollerabile.

E’ fondamentale che lo sportello di scelta/revoca del medico e i vari servizi sanitari siano facilmente accessibili ai cittadini di Paderno Dugnano.