Varie: cantiere abusivo, tragedia sfiorata, Mercalli, facciata termoattiva, azzardo

Il Notiziario (19 settembre): Paderno, cantiere abusivo con 4 operai in nero: uno è clandestino

Il Notiziario (19 settembre): Paderno, panico allo svincolo della Milano-Meda e tragedia sfiorata

Qui Paderno Dugnano (19 settembre): La predica di Mercalli

Il Sole 24 Ore (19 settembre): Con la facciata termoattiva la casa dice addio alla caldaia

Comune Paderno Dugnano (17 settembre): Giochi d’azzardo, Il TAR dà ragione al Comune: l’ordinanza che limita gli orari delle slot machine rimane in vigore

Oggi commissioni Territorio e Antimafia

Oggi alle ore 19 si riunisce in sala Giunta la commissione territorio e alle 20 la commissione antimafia.

Oltre all’elezione di presidente e vicepresidente, la commissione territorio affronterà l’esame di una delibera per il prossimo Consiglio comunale sui temi della sostenibilità energetica in relazione ai cambiamenti climatici (PAESC).

La seduta è pubblica. Suonare il campanello.

Paderno Dugnano per l’ambiente: una settimana densa di impegni

Stasera arriva a Paderno Dugnano il meteorologo e climatologo Luca Mercalli: un appuntamento di cultura e attualità da non perdere. Organizza l’associazione Carpe Diem in collaborazione con il Comune.

Ma questa non sarà l’unica iniziativa dedicata all’ambiente nei prossimi giorni: sui temi della ecosostenibilità l’Amministrazione Comunale vuole schiacciare sull’acceleratore, per questo propone un percorso intenso che si inserisce nella mobilitazione mondiale dello Sciopero del Clima.

Leggi il comunicato stampa: Una settimana di iniziative dedicate all’ambiente

Villaggio, mercoledì 18 h 18: contro l’abbandono dei rifiuti

Mercoledì 18 settembre alle ore 18, presso la sede Acli di via Messico 3 (ex sede di quartiere) sarò al Villaggio Ambrosiano per incontrare i cittadini con l’obiettivo di risolvere i problemi di abbandono rifiuti sul territorio.

👉 Partecipa anche tu perchè senza l’impegno dei residenti è difficile risolvere situazioni di degrado e inciviltà.

Il cimelio del “Nord”, stampato a Paderno Dugnano 23 anni fa

Il 15 settembre 1996, giusto 23 anni fa, dalla tipografia Seregni di Paderno Dugnano usciva il numero zero de il Nord, prologo unico de La Padania considerato oggi un cimelio introvabile, tanto che c’è chi lo propone su eBay alla modica cifra di 9mila euro.

Il Fatto Quotidiano (15 settembre): Lega, c’era una volta ‘Il Nord’: il quotidiano nato prima della ‘Padania’ ora è introvabile e vale 9mila euro

La vera urgenza

Ci sono tante urgenze a cui rispondere in una città come Paderno Dugnano, soprattutto sul fronte delle manutenzioni delle strade e del verde, degli impianti sportivi, delle fognature, di tombini e caditoie che presentano problemi, ecc

C’è però un’urgenza che viene prima, perché costituisce la base per poter rispondere a tutte le questioni che si presentano. Mi riferisco alla necessità di ripristinare le forme della partecipazione alla vita della nostra città dopo un decennio in cui la partecipazione popolare è stata spenta (per un preciso disegno politico: meno partecipazione = meno noie per chi amministra).

I cittadini ogni giorno scrivono e-mail all’URP del Comune, si rivolgono direttamente agli assessori, al sindaco o agli uffici, e la struttura cerca di rispondere – con qualche difficoltà – alle molte richieste (derivanti da anni di scarsa cura del territorio).

Non abbiamo luoghi in cui incontrare i cittadini: delle sette sedi di quartiere resta ad uso del Comune solo quella di Cassina Amata. Le forze politiche non hanno possibilità di utilizzare per iniziative di ascolto e confronto con la cittadinanza le sedi dei centri anziani Arci-Calderara, Arci-Palazzolo e Centro Falcone e Borsellino – Paderno.

I consigli di quartiere sono stati eliminati, come pure le consulte tematiche.

Un cosa deve essere chiara a tutti: se vogliamo risolvere INSIEME i problemi della nostra città abbiamo bisogno di definire forme e strumenti di partecipazione attraverso cui poter lavorare INSIEME per una politica orientata al bene comune.

Guardiamoci intorno.

Il Comune di Milano, dopo una fase di sperimentazione, ha approvato nel maggio scorso un regolamento che, secondo me, presenta molti motivi di interesse: Regolamento sulla disciplina della partecipazione dei cittadini attivi alla cura, alla gestione condivisa e alla rigenerazione dei Beni Comuni urbani

Ma in giro per l’Italia ci sono – secondo la rivista VITA e il sito Labsus – “196 Comuni che hanno approvato o stanno per approvare un Regolamento che faccia da cornice ai i patti collaborazione con i cittadini”…

Il primo regolamento per una partecipazione innovativa è stato quello di Bologna (2014).

A Paderno Dugnano la nuova Amministrazione Comunale vuole dare un segnale di cambiamento rispetto al passato.

Lavoriamo insieme!