Varie: casa della salute, assunzioni in Comune, eletti Consiglio pastorale, elicottero a bassa quota, incubo Trenord

Qui Paderno Dugnano (22 ottobre): Una Casa della salute a Paderno Dugnano

Comune di Paderno Dugnano: Bandi di concorso per nuove assunzioni

Comunità pastorale Palazzolo – Cassina Amata (22 ottobre): Risultati delle elezioni per il Consiglio pastorale

Notiziario (22 ottobre): Elicottero a bassa quota tra Paderno e Bollate: il video è virale | VIDEO

Notiziario (22 ottobre): Trenord da incubo: malori a Cusano. Treni in ritardo sulla Milano-Asso

3 pensieri su “Varie: casa della salute, assunzioni in Comune, eletti Consiglio pastorale, elicottero a bassa quota, incubo Trenord

  1. Renzo Trevisiol

    Ho saputo che il sindaco Casatidimaio ha confermato il segretario comunale che con Alparone ha “condotto la macchina comunale” per 10 anni: è un segno di debolezza? Infatti mette in evidenza come, dopo essere stato assente 15 anni dalla vita amministrativa di Paderno, non conosca cosa è successo/succede all’interno della casa dei padernesi in via Grandi 15. Eppure il fatto che a Paderno gli atti amministrativi siano visibili/consultabili solo per 15 giorni mentre in tutti gli altri comuni d’Italia sono disponibili/consultabili senza limite di tempo avrebbe dovuto fargli fare almeno la seguente riflessione: i segretari comunali degli altri comuni che ci riescono in cosa sono più bravi? perché “il mio” non ci riesce?

    "Mi piace"

  2. Renzo Trevisiol

    E’ sparita una delibera, si, la 135 del 26/09/2019. Ricordo d’averla letta, l’ho ricercata ieri e nella pagina che presenta tutte le delibere della giunta http://www.comune.paderno-dugnano.mi.it/form/ c’è un salto: dalla 134 si passa alla 136! Di cosa trattava? Parlava della assegnazioni delle competenze/compiti dei vari dirigenti comunali. Si era reso necessario scriverla perché dal primo ottobre la dirigente “dei lavori pubblici” è andata in pensione e pertanto le sue competenze sono state assegnate “ad interim” al dirigente finanziario in attesa di chi ha vinto il concorso già svolto. Ma la cosa curiosa mi era apparsa subito quella del dirigente all’urbanistica: Alparone ha sempre rinviato di anno in anno l’assunzione di un titolare ufficiale all’urbanistica e ha sempre assegnato l’incarico “ ad interim” ad un altro dirigente. Sino a ieri “l’interim” per l’urbanistica, presumevo, lo avesse il dirigente della polizia locale!. Sulla delibera invece era riportato che era diventato il titolare ufficiale dell’ urbanistica e assumeva “ad interim” la dirigenza per la polizia locale: a cosa era dovuto questo capovolgimento? E la cosa mi è stata confermata anche dal sito comunale dove alla pagina della polizia locale risulta che quel dirigente è “ad interim” già dal 25/10/2017. http://www.comune.paderno-dugnano.mi.it/governo_citta/il_comune/settori/pagina7.html
    Nella pagina dell’urbanistica il dirigente risulta titolare dal 24/10/2017: MISTERI !!! http://www.comune.paderno-dugnano.mi.it/governo_citta/il_comune/settori/pagina4.html
    Allora ad essere vacante non è stato/è il dirigente dell’urbanistica ma quello della vigilanza! Sono l’unico a non averlo mai capito! E comunque almeno adesso si capisce meglio il perché è stato indetto un concorso di assunzione di BEN 10 vigili sui 38 che dovrebbero essere (nel frattempo un altro se ne deve essere già andato via).
    Riusciremo a rivedere la 135? Almeno come “ANNULLATA”?

    "Mi piace"

    1. Renzo Trevisiol

      Come prescrive la legge anche a Paderno chi è stato eletto in consiglio comunale ha dovuto presentare la propria dichiarazione reddituale/patrimoniale e le spese elettorali sostenute per essere eletto http://www.comune.paderno-dugnano.mi.it/governo_citta/amministrazione/organizzazione/pagina320.html
      Queste ultime interessano in modo particolare i candidati sindaci:
      – Casati ha speso 2.400 € e non ha ricevuto nessun contributo
      – Arosio ha speso 5.428 € e non ha ricevuto nessun contributo
      – Giuranna ha speso 59 € e ha ricevuto 50 € in contributi + 10.133 € spesi dalla lista “Insieme per cambiare”
      – Bogani ha speso 22.875 € di cui 21.000 € di contributi (in particolare 5.000 € da Immobiliare San Michele e 10.000 € da Immobiliare Cava Nord)
      – Ghioni ha speso 23.287 € di cui 9.165 € ricevuti dal partito e 15.000 € di contributi (in particolare 4.000 € da Immobiliare San Michele e 4.000 € da Immobiliare Cava Nord)
      Spero d’aver riportato esattamente tutti i dati, ed eventualmente potete verificarli nel sito su riportato.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.