Cinemobile al Metropolis!

AREA METROPOLIS 2.0
OPEN AIR!

Riparte la stagione del Metropolis con proiezioni all’aperto con il Cinemobile!

Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano (MI)
Mercoledì 12 e giovedì 13 settembre ore 21

Riparte la nuova stagione di Area Metropolis 2.0 con un evento speciale: mercoledì 12 e giovedì 13 settembre nel cortile del cinema giungerà lo storico Cinemobile Sonoro Fiat 618 del 1936, un furgone dotato di un proiettore per pellicole 35mm e diffusori di suono incorporati che aveva la funzione di portare il cinema nei paesi e nelle contrade che ne erano privi per far scoprire la magia del cinema.
Normalmente custodito presso il MIC-Museo Interattivo del Cinema, il Cinemobile era utilizzato dall’Istituto Luce prima durante il regime fascista, poi per oltre vent’anni sotto le direttive del Servizio Informazioni della Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana.
Grazie alla collaborazione con Epson, che ha fornito un proiettore Laser della durata di oltre 40 anni, oggi è perfettamente in funzione in tutto il suo antico splendore.

Il Cinemobile proietterà all’aperto due classici di Charlie Chaplin con accompagnamento dal vivo al pianoforte a cura di Francesca Badalini. In programma mercoledì 12 settembre L’emigrante (1917), che per il suo umanesimo e per la polemica racchiusa nella sua famosa sequenza dell’arrivo degli emigranti a New York, costituisce uno dei momenti chiave di Chaplin e della sua opera. A seguire Giorno di paga (1922), uno dei suoi corti più spassosi, con alcune trovate geniali.

Giovedì 13 settembre alle ore 21, nell’ambito della manifestazione “Nel cuore del 68”, a cura dell’Associazione La Meridiana di Paderno Dugnano, il Cinemobile proietterà il doc Il maoista riluttante e il ’68 (L’anno che cambiò Milano) di Ranuccio Sodi, presente in sala. Il regista, che iniziò girando i cinegiornali delle manifestazioni del Movimento studentesco, incontra alcuni dei protagonisti del ’68 milanese per raccontare quell’anno, alla ricerca di una difficile pacificazione con un passato fatto di militanza, servizi d’ordine, leninismo, stalinismo, maoismo.

Nel foyer del cinema sarà inoltre esposta una selezione di manifesti d’epoca gentilmente messi a disposizione da Sergio Risso, oltre alla videoinstallazione a cura di Fondazione Cineteca Italiana “Le parole del ’68“. La rivoluzione del ’68 è stata combattuta infatti, ancor prima che dalle armi della violenza, dalle armi altrettanto taglienti e letali della cultura. Le parole sono state i proiettili attraverso cui queste armi hanno tentato di fare breccia nei cuori e nelle menti di un’intera generazione. Attraverso dieci parole fondamentali, il video proposto vuole condensare e rendere espliciti, mediante il contributo storico e tematico del cinema, le chiavi di lettura determinanti della rivoluzione sessantottina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...