Rifiuti, il dr. Caldiroli (Medicina Democratica) cita crimine Eureco e spiega la decisione europea di rivedere autorizzazioni ambientali

Il dottor Marco Caldiroli di Medicina Democratica è stato più volte a Paderno Dugnano per varie questioni (amianto, inceneritore del Villaggio Ambrosiano, Eureco, ecc…).

Vi segnalo un interessante post del 28 agosto scorso in cui, citando anche l’Eureco di Palazzolo, illustra alcune novità normative che arrivano dall’Europa in tema di trattamento rifiuti (il testo di riferimento è la Decisione 2018/1147 del 10 agosto scorso).

Medicina Democratica (28 agosto): Migliori tecnologie disponibili nel trattamento dei rifiuti, il detto e il non detto

Entro 4 anni tutti gli impianti soggetti ad autorizzazione integrata ambientale (AIA) dovranno adeguarsi a quanto riportato

Pensiamo all’inceneritore di Incirano… E’ ora di far valere i nostri diritti alla salute e all’ambiente!!!

Esondazioni #Seveso e vasche di laminazione: Amici del Parco Nord rispondono all’Assesore Granelli

Nei giorni scorsi le piogge hanno riportato l’attenzione sulle esondazioni del Seveso e sul progetto vasche di laminazione, attualmente in stallo. L’assessore di Milano Marco Granelli è intervenuto via stampa.

Corriere della Sera (26 agosto): Seveso, Granelli e le opere in ritardo: «Necessaria la vasca al Parco Nord»

L’Associazione Amici del Parco Nord di Bresso ha risposto in modo secco all’Assessore Granelli tramite la propria pagina facebook. Condivido!

Dopo le interviste dell’ Assessore Granelli, l’ Associazione Amici Parco Nord precisa e rilancia. Ripetiamo: le esondazioni a Milano devono cessare. Per noi questo resta un imperativo categorico. Avete il potere e i quattrini, se non avete fatto nulla interrogatevi e prendetevi le vostre responsabilità. Le vasche sono una soluzione sbagliata, culturalmente arretrata e dannosa. Per questo solleva le proteste dei Comuni, delle associazioni e dei cittadini. Pulire le acque del Seveso, bloccare gli scarichi abusivi, completare il sistema della depurazione, realizzare le aree golenali a Cantù: almeno su questo siamo d’accordo, ma non avete fatto nulla.

Il gigante Amazon cresce, come può resistere il commercio di vicinato?

Il commercio tradizionale, compreso il settore della grande distribuzione, è sottoposto all’attacco vertiginoso dell’e-commerce. Tutto ciò ha conseguenze concrete che dobbiamo guardare in faccia se siamo interessati alla tutela dei negozi di vicinato.

Su Repubblica di oggi si possono leggere gli ultimi dati della galoppata del colosso della distribuzione online: Amazon non si ferma più: Apple nel mirino, vicina la soglia dei mille miliardi di valore

La riapertura del Palazzo della politica padernese dopo la pausa agostana dovrà prendere sul serio la questione. Invece di trastullarsi sull’ipotesi di ampliamento del Carrefour, che strategicamente non ha alcun valore di prospettiva ma si configura come una mera operazione immobiliare, occorrerà avviare una riflessione seria e fattiva su come rilanciare il tessuto commerciale cittadino nell’orizzonte delle trasformazioni della società.

Attendo di sentire la voce del neo Assessore al Commercio Anna Maria Campi su questo argomento. Non abbia riguardi reverenziali nei confronti del Vicesindaco Bogani (del suo stesso partito) e dell’Assessore Tonello (a cui è stata affidata la partita dell’ampliamento Carrefour lasciando incredibilmente fuori dai giochi l’assessorato al commercio, le cui valutazioni sono di fondamentale importanza).

Che cosa vogliamo fare di questa città?

Area Metropolis: domani sera comincia la nuova stagione

Dopo la pausa estiva riapre il cinema di qualità di Paderno Dugnano.

Ecco la programmazione:

Cari amici di Area Metropolis 2.0,
bentornati e benvenuti alla nuova stagione cinematografica di Area Metropolis 2.0 dopo la chiusura estiva!

Ripartiamo venerdì 31 agosto con l’attesissimo Don’t Worry di Gus Van Sant con un cast d’eccezione tra cui Joaquin Phoenix, Rooney Mara e Jonah Hill. Un film insolito e sorprendente, che racconta la seconda vita di un uomo spericolato e dipendente dall’alcol, una storia di redenzione che passa dai fumetti agli show televisivi.

In sala da venerdì 31 agosto anche Mr. Long del regista giapponese Sabu, una fiaba capace di delicata dolcezza ma al contempo di efferata violenza, che narra la vicenda umana di un killer senza scrupoli.

Mercoledì 5 settembre alle ore 21 vi attende in anteprima il film Quasi nemici – L’importante è avere ragione di Yvan Attal interpretato dal bravissimo Daniel Auteuil, nei panni del professore della prestigiosa università di Panthéon-Assas, famoso per le sue provocazioni. Una commedia brillante arricchita da una incessante sfida a colpi di battute e dialoghi taglienti.

Buona visione!

7 settembre Commissione Servizi: Sportello LGBT ed elezione nuovo Vicepresidente

La vita politica padernese riprenderà ufficialmente venerdì 7 settembre (ore 18,30-20) con la convocazione della Commissione Servizi, che non si riunisce da moltissimo tempo.

Dopo aver approvato il verbale della seduta del 14 settembre 2017 (!) e dopo aver eletto il nuovo Vicepresidente al posto della dimissionaria Elisabetta Russo, la Commissione discuterà – su proposta della consigliera Rita Tomaselli – di Sportello LGBT con audizione di tre associazioni del settore.

Di seguito l’ordine del giorno:

Faccio notare che ad oggi la Commissione Servizi non si è ancora incontrata per esaminare il Piano del Diritto allo Studio. Si prevede pertanto un’altra seduta prossimamente.

Invasione stranieri: le percezioni distorte degli italiani

Secondo una ricerca dell’Istituto Cattaneo di Bologna, gli italiani dimostrano di avere percezioni distorte sul tema immigrazione.

Istituto Cattaneo (27 agosto): Immigrazione in Italia: tra realtà e percezione (articolo corredato di grafici e dati).

Esiste una relazione positiva tra l’errata percezione del fenomeno migratorio e l’atteggiamento verso l’immigrazione. Cioè: all’aumentare dell’ostilità verso gli immigrati, aumenta anche l’errore nella valutazione sulla presenza di immigrati nel proprio paese. L’Italia si conferma – su entrambi i fronti – il paese collocato nella posizione più “estrema”, caratterizzata dal maggior livello di ostilità verso l’immigrazione e le minoranze religiose.

La tentazione di credere che bisogna distruggere l’Europa per cambiarla

Dopo l’incontro tra Salvini e Orban il disegno appare più chiaro.

Lo ha riassunto ieri su Affari Italiani in modo comprensibile il filosofo filogovernativo Diego Fusaro:

Salvini e Orban riusciranno a cambiare l’Europa?
“Io spero che più che cambiarla, questa Unione europea, la facciano crollare e da lì poi si riparta per un’Europa unita, vera, di popoli affratellati, democratici, solidali e, aggiungo, socialisti. Il contrario dell’Unione europea bancocratica e turbocapitalistica oggi imperante”.

Molti purtroppo pensano che le “picconate” di Salvini e Orban porteranno ad un miglioramento del funzionamento delle istituzioni europee.

Imperdonabile ingenuità: distruggere è facile, ricostruire è molto più difficile, per non dire impossibile.

Mandare l’Europa a gambe all’aria è pericolosissimo.

 

La “svolta storica” voluta da Salvini-Orban è un cambiamento in peggio

E’ un pericolo quello che si profila all’orizzonte, non un passo in avanti.

L’incontro politico tra Salvini e Orban svoltosi oggi pomeriggio in Prefettura a Milano mira alla distruzione dell’Europa, non al suo cambiamento in meglio.

Contro questa prospettiva è di grande significato il presidio (partecipatissimo) in Piazza San Babila.

#EuropaSenzaMuri