Lettera ai parroci a proposito dei cosiddetti “ultracattolici”

Un amico di vecchia data, Carlo Maccanti, ha scritto questa lettera ai parroci che condivido pienamente. Affronta una questione a mio avviso fondamentale, che non si può eludere all’interno delle comunità cristiane.

LETTERA AI PARROCI

In questi giorni ricorre spesso, sui giornali e in TV, il termine “ultracattolico”. L’uso di tale termine suscita due considerazioni.
Primo: se “cattolico” in greco significa “universale”, associargli il rafforzativo “ultra” è perlomeno ridondante. “Universale” non prevede superlativi, non può esserci un “di più”. La stessa Parola di Dio è “semplicemente” universale, ed è già sufficiente.
Secondo: il concetto di “universale” per sua natura, non è associabile ai mondi semantici della “discriminazione” della “segregazione”, della “separazione”. In greco, il prefisso della Separazione e della Divisione è “dia” che, guarda caso, è anche il prefisso di “diavolo”.
Perché mi rivolgo a voi, pastori e fratelli? Perché di questi sedicenti “ultracattolici” sono ancora piene le nostre assemblee liturgiche; un popolo di Dio che coniuga Comunione (domenicale) e discriminazione (settimanale). Un popolo capace di segnare a dito, emarginare e allontanare il “diverso”, spesso con esternazioni esplicite sul web.
E su questo fenomeno sarebbe così necessario ascoltare una parola di Verità dai vostri amboni, mentre, troppo spesso, si lasciano invece questi “ultras” in balia delle loro convinzioni e delle loro avversioni, si preferisce “non inquietare le coscienze”, si affidano loro i bambini del catechismo, preoccupandosi che sappiano distinguere una patena da una pisside, e una casula da una pianeta.
C’è bisogno di una vostra parola, per ricordare a tutti che solo insieme ci salveremo, che c’è Chiesa solo dove c’è “Popolo di convocati” senza prevenzioni, senza rifiuto.
E anche quando il “diverso” fosse manifestamente peccatore, ricordare a tutti – “ultras” e non – che Gesù Cristo è venuto proprio per i peccatori, per i quali mai ha avuto parole di condanna, mentre ne ebbe decisamente per i Farisei ipocriti.

Carlo Maccanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...