Il M5S esiste a Paderno Dugnano? Sembrerebbe di sì

Dopo le dimissioni dei due portavoce eletti in Consiglio Comunale Abbati e Cezza e la dispersione del gruppo di sostegno, sembrava che a Paderno Dugnano il Movimento 5 Stelle fosse scomparso… Nonostante ciò, alle ultime elezioni si è classificato come la prima forza politica in città. E da ieri fa nuovamente capolino sulla scena politica padernese attraverso il seguente documento che è stato protocollato sulla Variante RE3.

4 pensieri su “Il M5S esiste a Paderno Dugnano? Sembrerebbe di sì

  1. Achille Cezza

    Come recita il comma 4 della lettera ai meetup del luglio 2015 non si può spendere il nome del movimento se non delegati. La delega del gruppo m5s comunale l’avevamo io ed Emiliano Abbati. Quando ci siamo dimessi chi ci ha sostituito in consiglio comunale non ha continuato nel m5s e quindi al momento non esiste nessuna delega all’uso del nome e del simbolo a Paderno Dugnano. Soprattutto da chi, come in questo caso, era nel gruppo m5s ed è uscito già nel 2014 perché contrario al metodo di Grillo e Casaleggio (partecipando tra l’altro all’ incontro provocatorio nei confronti di Grillo organizzato da Pizzarotti a Parma il 7 dicembre 2014). Forse ora che il m5s ha ottenuto il 27% a Paderno ha cambiato idea? Chissà perché…

    Mi piace

    1. Maria Grazia De Rossi

      Buongiorno Achille Cezza, Le ricordo che all’incontro a Parma, organizzato da Pizzarotti, hanno partecipato anche Emiliano Abbati e Silvana Carcano, ma Lei, come gli altri del “cerchio magico” che si era venuto a creare all’interno del gruppo attivisti del M5S di Paderno Dugnano, ha le idee confuse, vede quello che vuole vedere e nasconde quello che vuole nascondere 🙂 Le ricordo che a quell’incontro, il motivo per cui alcuni attivisti si sono recati a Parma, era semplicemente per apprendere le strategie e modalità di come amministrare BENE un Comune (che allora era del M5S), per poterle “applicare” nella nostra Paderno Dugnano. I risultati di Parma sono BEN VISIBILI a tutta l’Italia e, direi, anche al resto del Mondo. Il movimento ha perso, per futili motivi, una delle persone più valide che aveva al suo interno, Federico Pizzarotti. Seguendo questa scia, anche nel M5S di Paderno Dugnano, alcuni personaggi si sono sentiti giudici fanatici, facendo espellere per motivi che non si sono ancora appresi, tanti attivisti del M5S, rimanendo con un pugno di mosche… Per capire meglio cosa erano andati a fare a Parma, questo il link del Fatto Quotidiano a quella mitica giornata: https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/13/m5s-parma-giornata-statuto-per-raccontare-democrazia-partecipata/1209929/ Se solo si fosse voluto ascoltare, apprendere e mettere in pratica, invece di voler diventare paladini di nonsisache, avremmo davvero avuto una piccola “rivoluzione” nel nostro Comune. Spero che il gruppo che sta facendo “rinascere” il M5S, sia più democratico e aperto verso le persone e che riprenda i veri valori: trasparenza, coerenza, onestà e partecipazione.

      Mi piace

  2. Achille Cezza

    buongiorno Sig.ra De Rossi. innanzitutto ha risposto all’unica cosa che ho segnato come inciso tra parentesi. Per chiudere su questo argomento le dico di andare a vedere quanti di quelli che hanno partecipato all’incontro di Parma sono oggi iscritti al M5S. Anche a Paderno ci sono molti gruppi che su muovono per amministrare bene un comune, ma ciò non significa che politicamente siano affini alle idee di ogni singolo cittadino. Non credo, ad esempio, che il gruppo del consigliere Giuranna che ci ospita sul suo blog, si muova per amministrare “male”.
    Sfido chiunque a leggere una mia opposizione alla creazione di un gruppo m5s a Paderno Dugnano. Nel commento dico solo che ciò deve avvenire rispettando i principi del m5s: quindi la trasparenza e dichiarandosi apertamente a tutti i cittadini di Paderno; e in secondo luogo non usando un simbolo e un logo se non si ha la delega. Questo è un fatto determinante per chi fa parte di un gruppo che usa come prima parola “onestà”: ecco, che si inizi rispettando le regole del M5s.
    ps. nessuno nel gruppo di Paderno ha fatto espellere nessuno. Se le persone si sono allontanate è perchè non si trovavano spesso d’accordo con le decisioni che prendeva il gruppo (o in alcuni casi per motivi personali). Se va sul Meetup trova tutto il passato e vede che a volte si ripetevano le votazioni perchè c’erano scarti minimi. Quindi se vuole riporti fatti concreti non opinioni: quelle ce l’ha ognuno di noi.

    Mi piace

  3. Achille Cezza

    Un ultima cosa: la persona che ha firmato il Comunicato Stampa ha firmato anche la petizione firmata da oltre 3000 persone tra settembre e dicembre 2018? Le rispondo io: No.
    E probabilmente nessuno o pochi di chi fa parte di questo gruppo.
    Molto semplice fare politica così.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...