Un cristiano può votare Lega? Zanotelli vs. Zanotelli e l’editoriale di don Ettore

Salvini che ostenta il rosario e si esibisce in pubblico in un improbabile giuramento sul Vangelo e sulla Costituzione… Quanta gente si riconosce nel suo messaggio!

Il risultato delle elezioni non può non far riflettere le parrocchie.

Segnalo un articolo dal giornale Trentino: Il paese degli Zanotelli / Livo capitale della Lega. Padre Alex: «Mi vergogno»

La Lega proprio no? «No. La cosa che più mi ha disturbato è stato il silenzio della chiesa in questi anni, che non ha spiegato cos’è la Lega: egoismo». Però c’è Papa Francesco, no? «Sì, certo: un Papa grandissimo, ma non passa nella base, è la catena della chiesa che non sta funzionando e non fa passare il suo messaggio. Eppure è chiaro: un cristiano non può votare Lega». Alex dixit.

Aggiungo il commento di don Ettore Dubini (Cooperativa Emmaus) nel suo editoriale di oggi 11 marzo:

Più di prima o peggio di prima?

Gli italiani hanno scelto. Il 4 marzo è stato caratterizzato dal bagliore dei Cinque Stelle, dal tuono della Lega e dalla sconfitta del PD. Dopo l’euforia della vittoria ci ritroviamo a costatare che siamo senza una maggioranza. Come un uragano il consenso elettorale ha mandato in crisi gli schieramenti tradizionali. Si affacciano nuovi scenari, nuovi linguaggi e spero nuove soluzioni. Questione immigrati al nord e crisi economica al sud hanno premiato rispettivamente Lega e Cinque Stelle. Fatto sta che a tutt’oggi non si profila all’orizzonte la possibilità di formare un governo a breve. Ma non è questo il punto non ho la competenza di fare pronostici, né voglio dare un giudizio se ciò che è uscito dalle urne il 4 marzo sia un bene o un male. Mi chiedo cosa farà l’elettorato cattolico che, stando all’esito elettorale, si è spalmato trasversalmente su tutti i partiti specialmente su quelli che hanno avuto un maggior consenso? Ebbene per questi cattolici si presenta uno scenario di non poco conto. Potrebbe certo segnare un risveglio delle coscienze, ma dovranno fare i conti con le scelte politiche e amministrative e la propria coerenza ai principi evangelici. Tanto per fare qualche esempio: come si comporteranno nei confronti dei provvedimenti verso gli immigrati? Quale posizione di fronte a promesse irrealizzabili frutto solo di campagna elettorale? Auguriamoci che si comprenda che per il fare “bene” del Paese serve molto di più che un rosario e un Vangelo sbandierato durante un comizio elettorale, serve coerenza con la fede che si professa.

Don Ettore Dubini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...