ACLI, documento politico: no a xenossessione, rigenerare il tessuto della democrazia

In tempi di riflessione politica ridotta a slogan vi invito a leggere integralmente il documento politico delle Acli Milanesi, di cui qui sotto riporto la conclusione.

Le ACLI ribadiscono la loro piena e completa autonomia da ogni forza politica, ma questa autonomia non implica indifferenza e distacco rispetto ai programmi presentati dai partiti e dalle coalizioni. Il punto di riferimento delle ACLI è e rimane la promozione degli interessi dei ceti popolari alla luce dell’insegnamento sociale della Chiesa, il quale esclude ogni forma di xenofobia, razzismo e populismo.
Le ACLI vogliono una Lombardia ed un’Italia cuore pulsante dell’Unione Europea per un progetto di sviluppo sociale ed economico che attivi meccanismi redistributivi nella prospettiva di una trasformazione Consiglio delle Acli Milanesi del 22 gennaio 2018
dello Stato Sociale che, come ci ha ricordato il nostro Arcivescovo Mons. Mario Delpini nel suo primo Discorso alla Città , deve essere oggi ridefinito e riscritto “quale welfare relazionale, comunitario, generativo e rigenerativo: l’unico capace di sorreggere e di custodire sia la libertà che l’uguaglianza, di rendere stabili le relazioni liquide, di presidiare le relazioni interpersonali a fronte di una deriva delle stesse nelle interminabili connessioni virtuali (tascabili e immediatamente consumabili); e infine di custodire la virtuosa correlazione tra qualità della vita e vita di qualità. È per questo che ogni autentica relazione interpersonale è generativa: fa essere e fa vivere l’altro”.
Per questo, la presenza di militanti e dirigenti aclisti fra i candidati delle forze progressiste al Parlamento e al Consiglio regionale può essere – insieme al protagonismo della nostra associazione di cultura politica “Persona e Comunità” – un’occasione ed un “veicolo” per portare a livello istituzionale le nostre istanze saldandole con le altre istanze autenticamente riformiste nella prospettiva della costruzione di una Lombardia, di un’Italia, di un’Europa democratiche e solidali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...