Aria cattiva: che fare? Se ne parla il 23 gennaio a Palazzo Reale

Ricevo da Elisabetta Strada (Consiglio Comunale Milano) la seguente segnalazione:

MARTEDI’ 23 GENNAIO ore 17.30 a PALAZZO REALE
————————————————————————————–
Negli ultimi anni i livelli di inquinamento dell’aria di Milano sono migliorati, quindi una bella notizia. Ma siamo tutti consapevoli che sono ancora troppo elevati e pericolosi. Oggi Amat ha presentato, durante la Commissione Consiliare Ambiente, un’analisi sulla situazione dell’aria di Milano, dalla quale si evince che nel 2017 le concentrazioni di PM10 risultano ridotte del 32% rispetto al 1998 e coincidono con il Valore Limite UE, ma risultano ancora superiori di 2 volte alle Linee Guida WHO per la tutela della salute. Così come le concentrazioni di NO2 risultano ridotte del 60% rispetto agli anni ’90, ma sono ancora superiori del 25% rispetto al Valore Limite UE (e Linee Guida WHO). A Milano, come nel resto della pianura Padana, si stimano 2-3 anni di vita persi/abitante, a causa delle esposizioni a concentrazioni degli inquinanti atmosferici superiori ai Valori Limite UE e alle Linee Guida OMS/WHO. La varietà di mortalità attribuite ad un aumento delle concentrazioni di PM10 pari a 10 mg/m3 risulta a Milano pari a più del doppio di quella relativa alle altre località della Regione Lombardia: 0.63 vs 0.30. Uno studio italiano ha dimostrato come a Roma una riduzione di soli 5ug/m3 di PM2.5 comporterebbe un risparmio di circa 1 milione di euro e salverebbe circa 600 vite umane. Il biossido di azoto sappiamo essere emesso in quantità rilevante dai motori a diesel ed é tra le cause dei tumori al polmone. Nel 2012 ARC ha inserito il gasi di scarico dei diesel tra i cancerogeni di tipo 1.
E’ possibile sognare una città dove non possono più circolare i mezzi diesel e senza caldaie a gasolio e inquinanti?
E’ possibile pianificare interventi coraggiosi e importanti per risolvere questo problema a Milano e in tutta la Lombardia?
Vi aspettiamo per discutere e ragionare insieme ad esperti, al nostro Sindaco Beppe Sala, all’Assessore Granelli e al sindaco di Copenhagen, sul tema dell’ inquinamento e su quali politiche possiamo adottare per stare tutti meglio.

’NO[2] è, tra i vari ossidi di azoto, il più importante per la salute umana; questo gas è 4 volte più pericoloso dell’NO; ma va ricordato che quest’ultimo è in grado di ossidarsi facilmente in NO[2] una volta in aria.

In sintesi, gli effetti acuti dell’NO[2] sull’apparato respiratorio comprendono riacutizzazioni di malattie infiammatorie croniche delle vie respiratorie, quali bronchite cronica e asma, e riduzione della funzionalità polmonare, Più di recente sono stati definiti i possibili danni dell’NO[2] sull’apparato cardio-vascolare come capacità di indurre patologie ischemiche del miocardio, scompenso cardiaco e aritmie cardiache.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...