RE3, Sindaco Alparone hai sbagliato!

Il Coordinamento RE3 che raccoglie numerosi cittadini, associazioni e forze politiche ha inviato nei giorni scorsi alla stampa il seguente comunicato:

SINDACO ALPARONE HAI SBAGLIATO!
Il coordinamento RE3 prepara le osservazioni

Nell’ultimo consiglio comunale, il sindaco Alparone ed il suo vice Bogani hanno deliziato i presenti con slides immaginifiche per dimostrare che l’obiettivo della Giunta, con la variante RE3, è di regalare alla città il Parco del Seveso in via Roma e il parco di via Gorizia riqualificato.

Nelle slides di pura propaganda, relative al parco di Via Gorizia/Dalla Chiesa, non hanno però avuto il coraggio di mostrare l’impatto devastante della edificazione prevista. Lo faremo noi, nei prossimi giorni, per completezza di informazione.

E sempre per completezza di informazione, abbiamo l’obbligo di evidenziare alla cittadinanza ciò che è il fondamento di tutta la vicenda della variante RE3 in permuta: L’ERRORE DI ALPARONE.

Nel 2013, con l’approvazione del PGT, consapevolmente o inconsapevolmente, il sindaco Alparone, con chi lo ha sostenuto, ha attribuito l’Indice Unico di Perequazione di 0,35 per ogni mq. di superficie che, nell’ambito RE3, significa aver elevato la volumetria esistente da 2.800 metri cubi a oltre 14.000 metri cubi!

L’articolo 11 della L.R. 12/2005, invece, dà la possibilità di attribuire un Indice di Perequazione “…differenziato per parti del territorio comunale, disciplinandone altresì il rapporto con la volumetria degli edifici esistenti, in relazione ai vari tipi di intervento previsti….” (per esempio il Parco del Seveso).

In altre parole, Alparone, nel 2013, ha aumentato di ben 5 volte la volumetria edificabile nell’area del Parco del Seveso, di cui adesso si erge a paladino, utilizzando un Indice Unico che avrebbe potuto invece essere differenziato, proprio per salvaguardare un interesse pubblico.

Se cementificare sulle sponde del Seveso è, come ha dichiarato Alparone, un atto criminale, cosa dobbiamo pensare di chi, avendone avuto la possibilità, non ha messo in atto le misure necessarie per evitarlo o almeno contenerlo?

Oggi si tenta di far passare l’idea che i 3000 cittadini, che hanno firmato la petizione, non abbiano interesse al Parco del Seveso. Consigliamo di non provarci nemmeno!

Il Parco del Seveso ha radici lontane che risalgono al PRG del 1999, molto prima dell’avvento di Alparone, quando gli attuali sostenitori del sindaco in Giunta lo definivano vergognosamente “il parco delle pantegane”.

Il Parco del Seveso va realizzato a beneficio della città, ma non sacrificando quello di via Dalla Chiesa/via Gorizia.

Infatti, per quanto Alparone e Bogani si ostinino a minimizzare l’impatto della variante e a considerarla esterna al parco di via Gorizia, non sfugge a nessuno che l’attuale contesto naturale, formato da prati e alberi, che si estende da via Dalla Chiesa a via Gorizia, sarà irrimediabilmente compromesso con la costruzione di 52 appartamenti e annessi parcheggi e strade di collegamento.

Il verde rimasto va protetto, difeso e incrementato, non distrutto dal cemento!

La variante RE3 dovrà tornare ora in Consiglio Comunale per l’approvazione definitiva. In questi giorni, ma solo fino al 4 gennaio, sono consultabili gli atti nell’Albo Pretorio comunale. Seguiranno, poi, le osservazioni dei cittadini.

La partita non è ancora chiusa e noi continueremo con decisione la nostra azione di opposizione.

L’errore di Alparone non deve essere pagato dalla città. Alparone ha sbagliato, a lui il compito di rimediare.

Il Coordinamento RE3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...