Politica locale: lontani dalle elezioni, ma non troppo

Chi pensa che la politica locale sia statica, prevedibile e noiosa?

Partiamo dal Movimento 5 Stelle. I due consiglieri comunali eletti si sono autosospesi in attesa del giudizio dei probiviri circa la posizione assunta a proposito del referendum consultivo regionale. Ne hanno dato comunicazione ufficiale durante il Consiglio Comunale del 22 novembre. La consigliera regionale Silvana Carcano, anche lei presente in aula mercoledì scorso, ha già comunicato di non guardare al Parlamento né al rinnovo in Consiglio Regionale. Secondo indiscrezioni riferite dal Notiziario, Carcano e i grillini valuteranno nei prossimi mesi se candidarsi alle Comunali del 2019 come M5S oppure in veste civica.

Il centrodestra è per me più difficile da esplorare, ma osservo assestamenti in atto. Alparone è orientato alle elezioni regionali, ma bisognerà attendere alcune settimane per capire quanto la sua candidatura sia forte all’interno di Forza Italia. La coordinatrice regionale Mariastella Gelmini lo ha preso sotto la sua ala protettrice, pur essendo egli un esponente della cordata Mantovani? Oppure prevale in lei un certo scetticismo politico? E la vicenda dell’ex assessore dimissionario Valentina Polito – anche lei di Forza Italia – quale peso avrà nelle future quotazioni elettorali del nostro Sindaco?

In generale, l’attuale maggioranza appare forte, ma non compatta.

Pensando poi al futuro candidato sindaco di centrodestra non sarà facile trovare un degno successore di Alparone. Uno cioè in grado di tenere insieme (come ha saputo fare lui) un coacervo di posizioni differenti, che va dall’area più destrorsa alla Lega Nord, dai forzisti – peraltro divisi tra di loro – alla civica Paderno Dugnano Cresce.

All’interno di questa lista esistono sensibilità parzialmente diverse. Può darsi che alcune tensioni emerse in passato con Lega e Forza Italia conducano in futuro il gruppo, o una parte di esso, verso nuovi lidi. Per ora, tuttavia, i ragazzi di Paderno cresce appaiono come i fidati granatieri del Sindaco. Una fedeltà cementata dall’amicizia.

A sinistra il “frullato” non preannuncia nulla di buono, anche a livello locale.

L’unica soluzione dal mio punto di vista resta una coalizione a forte impronta civica.

Il tempo passa. Vedremo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...